Individuati alcuni strani oggetti nel Centro Galattico che non somigliano a nulla di già visto

Gli astronomi hanno trovato sei oggetti in orbita attorno a Sagittario A * che sono diversi da qualsiasi altra cosa nella galassia

0
6662
Indice

C’è qualcosa di veramente strano nel centro della Via Lattea.

La zona vicino ad un buco nero supermassiccio è un posto abbastanza strano già di suo, ma gli astronomi hanno trovato sei oggetti in orbita attorno a Sagittario A * che sono diversi da qualsiasi altra cosa nella galassia. Sono così particolari che gli è stata assegnata una classe nuova di zecca – ciò che gli astronomi chiamano oggetti G.

I due oggetti originali – chiamati G1 e G2 – hanno attirato per la prima volta l’attenzione degli astronomi quasi due decenni fa, con le loro orbite e le loro stranezze che man mano emergevano nel corso di anni di studi. Sembravano gigantesche nuvole di gas che si espandono per 100 unità astronomiche, ancora più estese quando si avvicinano al buco nero, che emettono spettri di gas e polvere.

Ma G1 e G2 non si stavano comportando come nuvole di gas.

Questi oggetti sembrano gas ma si comportano come stelle“, ha detto il fisico e astronomo Andrea Ghez dell’Università della California, Los Angeles.



Ghez e i suoi colleghi studiano il centro galattico da oltre 20 anni. Ora, sulla base dei dati raccolti, un team di astronomi guidato dall’astronoma dell’UCLA Anna Ciurlo ha identificato altri quattro di questi oggetti: G3, G4, G5 e G6.

orbite strane
(Anna Ciurlo / Tuan Do / UCLA Galactic Center Group)

Questi nuovi oggetti sono su orbite molto diverse da G1 e G2 (nella foto sopra); tutti insieme, gli oggetti G hanno periodi orbitali che vanno da 170 a 1.600 anni.

Non è chiaro esattamente cosa siano, ma l’emergere intatto di G2 dalla periapsi nel 2014 – cioè il punto più vicino della sua orbita intorno al buco nero – è stato, secondo Ghez, un grande indizio.

Al momento dell’approccio al punto più vicino, G2 aveva una firma davvero strana“, ha detto.

L’avevamo visto prima, ma non sembrava troppo strano fino a quando non si è avvicinato al buco nero e si è allungato e gran parte del suo gas è stato disperso. Passò dall’essere un oggetto abbastanza definito quando era lontano dal buco nero a uno che disteso e distorto al suo approccio più vicino, privato anche delsuo guscio esterno, e ora sta diventando di nuovo più compatto “.

010 oggetti strani
Impressione dell’artista di oggetti G. (Jack Ciurlo / UCLA)

In precedenza, si pensava che G2 fosse una nuvola di idrogeno gassoso, che stava per essere lacerato e risucchiato da Sgr A *, che lo avrebbe portato a far parte del suo disco di accrescimento. Il fatto che non sia accaduto nulla è stato definito “fizzle cosmico“.

Gli astronomi ritengono che la risposta risieda in enormi stelle binarie. Il più delle volte, queste stelle gemelle restano bloccate in un’orbita reciproca, ma a volte possono fondersi, formando una grande stella.

Quando ciò accade, producono una vasta nuvola di polvere e gas che circonda la nuova stella per circa un milione di anni dopo la collisione.

Qualcosa deve aver mantenuto [G2] compatto permettendogli di sopravvivere al suo incontro con il buco nero“, ha aggiunto Ciurlo. “Riteniamo che ciò provi la presenza di un oggetto stellare all’interno di G2“.

E gli altri cinque? Potrebbero essere altre fusioni di stelle binarie. La maggior parte delle stelle nel centro galattico sono molto massicce e la maggior parte sono binarie. E le forze gravitazionali estreme in gioco attorno a Sgr A * potrebbero essere sufficienti a destabilizzare le loro orbite binarie con frequenza relativa.

Le fusioni di stelle potrebbero essere più comuni di quanto pensiamo nell’Universo“, ha detto Ghez.

I buchi neri potrebbero indurre le stelle binarie a fondersi. È possibile che molte delle stelle che abbiamo osservato e che non comprendiamo possano essere il prodotto finale di fusioni. Stiamo imparando come si evolvono le galassie e i buchi neri. le stelle binarie interagiscono tra loro e con il buco nero in modo molto diverso da come le stelle singole interagiscono con altre stelle singole e con il buco nero“.

Sembra che gli oggetti G abbiano molto in comune, qualunque cosa essi siano, e raccogliere altri dati può solo fornire più informazioni per risolvere il puzzle. C’è ancora molto da capire. Come alcune misteriose esplosioni avvistate vicino a Sgr A * l’anno scorso.

È stata una reazione ritardata dovuta alla periapsi di G2? Per ora non lo sappiamo, possiamo solo continuare a guardare il nostro buco nero supermassiccio dello spazio per vedere cosa accadrà dopo…

La ricerca è stata pubblicata su Nature.

2