Nuova conferma: l’universo ha quasi 14 miliardi di anni

Oltre alla tensione di Hubble, un altro problema disturba il sonno degli astrofisici: l'età effettiva dell'universo

2007

Gli astronomi hanno dato una nuova occhiata alla luce più antica dell’universo.

Le loro osservazioni suggeriscono che l’universo ha 13,77 miliardi di anni, più o meno 40 milioni di anni.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La nuova stima, ottenuta utilizzando i dati raccolti dall’Atacama Cosmology Telescope (ACT) della National Science Foundation, corrisponde a quella fornita dal modello cosmologico standard, così come dalle misurazioni della stessa luce effettuate dal satellite Planck dell’Agenzia spaziale europea, che ha misurato i residui del Big Bang dal 2009 al ’13.

La ricerca è stata pubblicata nel Journal of Cosmology and Astroparticle Physics .

L’autore principale di “The Atacama Cosmology Telescope: A Measurement of the Cosmic Microwave Background Power Spectra at 98 and 150 GHz” è Steve Choi, NSF Astronomy and Astrophysics Postdoctoral Fellow presso il Cornell Center for Astrophysics and Planetary Science, del College of Arts e science.

Nel 2019, un team di ricerca dell’Università dell’Oregon, ha calcolato che l’universo è centinaia di milioni di anni più giovane di quanto previsto dal team di Planck. Questa discrepanza ha suggerito che potrebbe essere necessario un nuovo modello cosmologico e ha suscitato la preoccupazione che uno dei set di dati utilizzati per i calcoli potesse essere errato.

Ora abbiamo trovato una risposta in cui Planck e ACT concordano“, ha detto Simone Aiola, ricercatore presso il Center for Computational Astrophysics del Flatiron Institute e primo autore di uno dei due articoli. “E questo conferma che queste misurazioni sono affidabili“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Ulteriori informazioni: Steve K. Choi et al, The Atacama Cosmology Telescope: a measure of the Cosmic Microwave Power Spectra a 98 e 150 GHz, Journal of Cosmology and Astroparticle Physics (2020). DOI: 10.1088 / 1475-7516 / 2020/12/045
Fornito dalla Cornell University