Nessun evento climatico avvenuto negli ultimi 2000 anni è paragonabile a quanto sta accadendo ora

Mentre parti del mondo si sono riscaldate o raffreddate in passato, gli attuali cambiamenti climatici stanno avvenendo praticamente ovunque allo stesso tempo

0
969
Indice
Dal punto di vista del pianeta, uno degli eventi più significativi degli ultimi 2000 anni si è verificato il 5 aprile 1815, quando esplose ed eruttò il vulcano indonesiano Monte Tambora. “Il rumore era, in primo luogo, attribuito quasi universalmente a un lontano cannone“, ha scritto un governatore britannico di stanza a centinaia di chilometri di distanza, a Giava. Presto “il sole si oscurò” per la gran quantità di cenere sparata in atmosfera dal vulcano e, la settimana successiva, un fumo simile a nebbia riduceva la visibilità a 270 metri, mentre i terremoti scuotevano l’isola.
Quella del vulcano Tambora fu la più brande eruzione vulcanica dalla fine dell’era glaciale, la prima di una serie di eruzioni che proiettarono nell’atmosfera enormi quantità di e polveri che schermarono la luce solare. Gli effetti climatici di questa eruzione oscurarono e raffreddarono le estati in Europa. Indebolirono i monsoni in India e in Africa occidentale e permisero ai ghiacciai di avanzare nelle Alpi.
In altre parole, queste eruzioni provocarono una sorta di cambiamento climatico naturale, Ma con effetti locali molto diversi. Le nuove ricerche confermano che l’evento di allora impallidisce rispetto ai cambiamenti climatici che affrontiamo ora.
Assolutamente nulla che assomigli al riscaldamento globale dei nostri giorni è accaduto sulla Terra, almeno negli ultimi 2000 anni, come conferma un nuovo studio pubblicato su Nature
Dalla nascita di Gesù Cristo, il clima a volte è cambiato in modo naturale – alcune parti del mondo si sono brevemente raffreddate e altre si sono brevemente riscaldate – ma non è mai cambiato come sta cambiando ora. Mai una volta, fino alla Rivoluzione industriale, le temperature globali sono mai cresciute in modo così importante e nello stesso momento.
Secondo questo studio, è quello che sta accadendo ora.
Attingendo a un enorme database di registrazioni climatiche provenienti da tutto il mondo, inclusi gli anelli di alberi, formazioni nelle caverne e il polline antico intrappolato nel fango dei laghi, lo studio conclude che il 98 percento della superficie terrestre ha vissuto il suo periodo più caldo degli ultimi 2000 anni negli ultimi 2000 anni.
Questi picchi di calore uniforme “non hanno precedenti sull’era comune“, afferma lo studio.
Quest’ultima scoperta potrebbe non cogliere di sorpresa la maggior parte dei climatologi, che sospettano che attualmente il pianeta sia così caldo come non lo è mai stato negli ultimi 125.000 anni, ma potrebbe scioccare alcuni politici che tendono a minimizzare i cambiamenti climatici dei nostri giorni parlando dei cambiamenti passati. “Il clima è sempre cambiato. Non c’è mai stato un tempo in cui il clima non è cambiato”, ha affermato il senatore Marco Rubio in un dibattito durante le elezioni presidenziali nel 2016.A questa affermazione lo studio risponde: certo. Ma non è mai cambiato in questo modo.In tutta onestà, non è stato sempre chiaro. Decenni fa, i ricercatori parlavano dei cambiamenti climatici del passato come eventi globali. Citavano la Piccola Era Glaciale, che iniziò all’incirca nel 1550 e terminò intorno al 1850, come un’era in cui le temperature globali calarono ovunque. Ma questo studio – insieme ai lavori di altri studiosi – suggerisce che la Piccola era glaciale non sia stata affatto globale, e per lo più abbassò le temperature nell’Europa occidentale e in alcune parti del Nord America.

Tradizionalmente, la comprensione del clima negli [ultimi 2000 anni] è che ci sono stati periodi coerenti a livello globale di variabilità climatica – ad esempio che ci fu un periodo freddo chiamato Piccola Era Glaciale, [o] che ci fu un periodo caldo chiamato anomalia climatica medievale“, ha dichiarato Nathan Steiger, autore dello studio e ricercatore della Columbia University, durante una recente conferenza stampa. “Ciò che il nostro studio dimostra è che questi cambiamenti climatici non furono uniformi a livello globale, come si pensava in precedenza“.

Ciò che rende quegli eventi più diversi dal riscaldamento moderno è la coerenza: il fatto che i cambiamenti climatici stanno avvenendo oggi praticamente ovunque nello stesso momento. “Questa coerenza non può essere spiegata dalla naturale variabilità del sistema climatico“, ha affermato Steiger. “E non caratterizza nessuna era precedente“.

Questo studio è un altro chiodo nella bara dell’idea che vi sia mai stato un periodo globalmente caldo o freddo che si è esteso in modo ordinato per un paio di secoli specifici“, ha scritto Yarrow Axford, climatologo presso la Northwestern University, in una e-mail.

Axford non è stata coinvolta nella stesura del nuovo documento. L’idea che la Piccola era glaciale o altri cambiamenti climatici avvenuti nelle epoche passate fossero eventi globali uniformi stava “già morendo all’interno della comunità scientifica“, ha commentato, ma si tratta di un’idea che “resta popolare tra i non esperti che vogliono seminare dubbi sul significato del serio e drammatico riscaldamento globale che si sta verificando dal secolo scorso“.



Tra i non esperti che hanno tacitamente abbracciato quell’idea: Donald Trump. Il presidente ha ripetutamente sollevato la natura fluttuante del clima al fine di minimizzare l’attuale cambiamento. “Qualcosa sta cambiando e cambierà di nuovo“, ha detto l’anno scorso.

Fonte: The Atlantic 

2