Morbo di Alzheimer: scoperta finalmente la causa?

Potremmo essere sull'orlo di un importante passo avanti nella lotta per curare il morbo di Alzheimer

0
2111

Potremmo essere sull’orlo di un importante passo avanti nella lotta per curare il morbo di Alzheimer. Questo sarebbe un risultato storico mondiale, dal momento che l’accumulo di molecole tossiche nel cervello e i suoi potenziali collegamenti con l’Alzheimer hanno sconcertato gli scienziati per molto tempo. Ma una recente ricerca ha scoperto che la “fuga” di uno specifico composto tossico nel sangue potrebbe essere la causa fondamentale della malattia, secondo uno studio su topi recentemente pubblicato sulla rivista Plos Biology.

Sono necessarie ulteriori ricerche per indagare ulteriormente su questi risultati, soprattutto perché si basavano su topi, e non sugli esseri umani. 

Le proteine ​​nel flusso sanguigno possono “far fuoriuscire” sostanze chimiche tossiche nel cervello

Anche se questa cosiddetta “perdita” non riflette la causa alla base dell’Alzheimer negli esseri umani, potrebbe comunque fornire agli scienziati un nuovo mezzo per tracciare e monitorare l’insorgenza della malattia e potrebbe aiutare nello sviluppo di futuri trattamenti per impedire che accada in primo luogo. 

“Mentre in precedenza sapevamo che la caratteristica distintiva delle persone che vivono con la malattia di Alzheimer era il progressivo accumulo di depositi di proteine ​​tossiche all’interno del cervello chiamate amiloide-beta, i ricercatori non sapevano da dove provenisse l’amiloide, o perché si depositasse nel cervello”, ha affermato John Mamo, ricercatore della Curtin University e autore principale dello studio, in un comunicato stampa.

Il team di ricerca ha scoperto il composto che si accumula nel cervello di chi soffre di Alzheimer chiamato beta-amiloide, che è stato a lungo collegato con l’inizio della demenza— si forma al di fuori del cervello e viene quindi spinto attraverso il flusso sanguigno del corpo tramite le lipoproteine. Queste lipoproteine ​​possono fuoriuscire, consentendo l’inserimento di composti tossici nel cervello, dove crescono in abbondanza. 

Nei topi, ciò ha portato a livelli di produzione di amiloide più elevati, oltre a una maggiore infiammazione nel cervello, il che suggerisce un possibile nesso causale tra il composto e i primi sintomi della malattia neurodegenerativa. 



“Questo ‘percorso sangue-cervello’ è significativo perché se siamo in grado di gestire i livelli nel sangue di lipoproteina-amiloide e prevenire la loro fuoriuscita nel cervello, questo apre potenziali nuovi trattamenti per prevenire l’Alzheimer e rallentare la perdita di memoria”, ha affermato Mamo.

La terapia ad ultrasuoni può migliorare la demenza nei malati di Alzheimer

Mentre ci vorrà del tempo per confermare che questo evento di “perdita” di beta-amiloide è la causa dell’Alzheimer e della demenza negli esseri umani, nuovi trattamenti si stanno facendo strada nella medicina moderna. 

A giugno, uno studio ha descritto come il rimbalzo delle onde ultrasoniche all’interno del proprio cranio potrebbe potenziare l’efficacia di altri trattamenti per i malati di Alzheimer. Ciò è avvenuto sulla scia di una nuova approvazione da parte della Food and Drug Administration per il primo trattamento in quasi 20 anni per la malattia, nonostante alcune controversie tra l’industria medica. 

“I sentimenti generali [che circondano il nuovo farmaco, Aduhelm, sviluppato da Biogen] sono che questo aumenterà lo spazio terapeutico dell’Alzheimer, ha scritto in una e-mail il professor Jürgen Götz, che lavora con il Queensland Brain Institute e autore dello studio sulle onde ultrasoniche a IE. “Se il farmaco mostra efficacia clinica deve essere dimostrato e l’azienda ha molti anni per farlo”.

In modo critico, quel farmaco combinato con la terapia ad ultrasuoni potrebbe effettivamente ripristinare le capacità di formazione della memoria negli esseri umani. Ma se le beta-amiloidi e le lipoproteine ​​si confermano come il catalizzatore centrale per l’insorgenza dei sintomi dell’Alzheimer come la demenza, la lotta per risparmiare agli esseri umani una delle malattie più spaventose immaginabili potrebbe finalmente iniziare a prendere un serio terreno, al di là del ripristino supplementare della memoria.

Formare capacità, affrontare, prevenire e forse un giorno invertire  entrambi gli effetti causali alla base del morbo di Alzheimer negli esseri umani.

2