Marte: piogge consistenti di asteroidi negli ultimi 600 milioni di anni

La ricerca della New Curtin University ha confermato che la frequenza delle collisioni di asteroidi che hanno formato crateri da impatto su Marte è stata costante negli ultimi 600 milioni di anni

0
393

La ricerca della New Curtin University ha confermato che la frequenza delle collisioni di asteroidi che hanno formato crateri da impatto su Marte è stata costante negli ultimi 600 milioni di anni.

Collisioni consistenti di asteroidi

Lo studio, pubblicato su Earth and Planetary Science Letters, ha analizzato la formazione di oltre 500 grandi crateri marziani utilizzando un algoritmo di rilevamento dei crateri precedentemente sviluppato a Curtin, che conta automaticamente i crateri da impatto visibili da un’immagine ad alta risoluzione.

Nonostante studi precedenti suggerissero picchi nella frequenza delle collisioni di asteroidi, il ricercatore capo Dr. Anthony Lagain, della School of Earth and Planetary Sciences di Curtin, ha affermato che la sua ricerca ha scoperto che non variavano molto per molti milioni di anni.

Uno dei 521 grandi crateri che sono stati datati nello studio. L'età di formazione di questo cratere di 40 km è stata stimata utilizzando il numero di piccoli crateri accumulati intorno ad esso da quando si è verificato l'impatto. Una parte di questi piccoli crateri è mostrata sul pannello di destra e tutti sono stati rilevati utilizzando l'algoritmo. In totale, per datare i crateri marziani sono stati utilizzati più di 1,2 milioni di crateri.
Uno dei 521 grandi crateri che sono stati datati nello studio. L’età di formazione di questo cratere di 40 km è stata stimata utilizzando il numero di piccoli crateri accumulati intorno ad esso da quando si è verificato l’impatto. Una parte di questi piccoli crateri è mostrata sul pannello di destra e tutti sono stati rilevati utilizzando l’algoritmo. In totale, per datare i crateri marziani sono stati utilizzati più di 1,2 milioni di crateri.

Il dottor Lagain ha affermato che il conteggio dei crateri da impatto su una superficie planetaria è l’unico modo per datare con precisione eventi geologici, come canyon, fiumi e vulcani, e per prevedere quando e quanto saranno grandi le collisioni future.

“Sulla Terra, l’erosione della tettonica a placche cancella la storia del nostro pianeta. Studiare i corpi planetari del nostro Sistema Solare che conservano ancora la loro storia geologica primitiva, come Marte, ci aiuta a comprendere l’evoluzione del nostro pianeta”, ha detto il dottor Lagain.



“L’algoritmo di rilevamento dei crateri ci fornisce una comprensione approfondita della formazione dei crateri da impatto, comprese le loro dimensioni e quantità, nonché i tempi e la frequenza delle collisioni degli asteroidi che li hanno creati”.

Studi precedenti avevano suggerito che c’era un picco nei tempi e nella frequenza delle collisioni di asteroidi a causa della produzione di detriti, ha detto il dottor Lagain.

“Quando grandi corpi si scontrano l’uno contro l’altro, si rompono in pezzi o detriti, il che si pensa abbia un effetto sulla creazione di crateri da impatto”, ha affermato il dottor Lagain.

“Il nostro studio mostra che è improbabile che i detriti abbiano provocato cambiamenti nella formazione di crateri da impatto sulle superfici planetarie”.

La professoressa Gretchen Benedix, coautrice e leader del team che ha creato l’algoritmo, ha affermato che l’algoritmo potrebbe anche essere adattato per funzionare su altre superfici planetarie, inclusa la Luna.

“La formazione di migliaia di crateri lunari può ora essere datata automaticamente e la loro frequenza di formazione analizzata a una risoluzione più elevata per studiarne l’evoluzione”, ha affermato la professoressa Benedix.

“Questo ci fornirà preziose informazioni che potrebbero avere future applicazioni pratiche nella conservazione della natura e nell’agricoltura, come il rilevamento di incendi boschivi e la classificazione dell’uso del suolo”.

2