L’intelligenza artificiale si è infiltrata nell’ultimo baluardo della privacy

I nostri pensieri sono privati, o almeno lo erano. Le nuove scoperte nel campo delle neuroscienze e dell'intelligenza artificiale stanno cambiando questa che fino a ieri era una verità incontestabile, mentre allo stesso tempo sollevano nuove domande sull'etica, la privacy e gli orizzonti dell'interazione cervello / computer

0
1206

Una ricerca pubblicata la scorsa settimana dalla Queen Mary University di Londra descrive un’applicazione di Intelligenza Artificiale collegata ad una rete neurale profonda in grado di determinare lo stato emotivo di una persona analizzando i segnali wireless che vengono utilizzati come radar. 

In questa ricerca, i partecipanti allo studio hanno guardato un video mentre dei segnali radio venivano inviati verso di loro e misurati quando venivano riflessi. L’analisi dei movimenti del corpo ha rivelato informazioni “nascoste” sul cuore e sulla frequenza respiratoria di un individuo. 

Da questi risultati, l’algoritmo utilizzato dall’Intelligenza Artificiale può determinare uno dei quattro tipi di emozioni di base: rabbia, tristezza, gioia e piacere. Secondo i ricercatori questo lavoro potrebbe aiutare con la gestione della salute e del benessere e essere utilizzato per svolgere compiti come l’individuazione degli stati depressivi.

Ahsan Noor Khan, dottorando e primo autore dello studio, ha dichiarato: “Ora stiamo cercando di capire come utilizzare i sistemi esistenti a basso costo, come i router Wi-Fi, per rilevare le emozioni di un gran numero di persone riunite, ad esempio, in un ufficio o in un ambiente di lavoro“. 

Tra le altre cose, questo potrebbe essere utile per i dipartimenti delle risorse umane per valutare come vengono ricevute le nuove politiche introdotte in una riunione, indipendentemente da ciò che potrebbero dire i destinatari. Al di fuori di un ufficio, la polizia potrebbe utilizzare questa tecnologia per cercare cambiamenti emotivi in ​​una folla che potrebbero portare alla violenza.



Il team di ricerca intende esaminare l’accettazione da parte del pubblico e le preoccupazioni etiche sull’uso di questa tecnologia. Tali preoccupazioni non sarebbero sorprendenti e evocherebbero l’idea molto orwelliana della “polizia del pensiero” in “1984“. In questo romanzo, gli osservatori della polizia del pensiero sono esperti nel leggere i volti delle persone per scovare credenze non autorizzate dallo stato, sebbene non sapevano esattamente cosa stava pensando una persona.

Questo non è l’unico esempio all’orizzonte di progetti tecnologici con un potenziale distopico. 

In “Crocodile“, un episodio della serie di Netflix  Black Mirror, lo spettacolo ritraeva una tecnica di lettura della memoria utilizzata per indagare sugli incidenti a fini assicurativi. Il dispositivo “corroboratore” utilizzava un nodo quadrato posizionato sulla tempia della vittima, quindi mostrava sullo schermo i ricordi di un evento. L’investigatore sosteneva che i ricordi: “potrebbero non essere del tutto accurati e spesso sono emotivi. Ma raccogliendo una serie di ricordi da te e da eventuali testimoni, possiamo contribuire a costruire un quadro corroborante“.

Se questo sembra inverosimile, si consideri che i ricercatori dell’Università di Kyoto in Giappone hanno sviluppato un metodo per “vedere” nella mente delle persone utilizzando uno scanner fMRI, che rileva i cambiamenti nel flusso sanguigno nel cervello che vengono poi interpretati da un’intelligenza Artificiale in grado di correlarli alle emozioni di base. 

Utilizzando una rete neurale, hanno correlato questi con le immagini mostrate agli individui e hanno proiettato i risultati su uno schermo. Sebbene sia lungi dall’essere una vera e propria lettura del pensiero, questa tecnica garantisce essenzialmente una ricostruzione dello stato emotivo di una persona. Una previsione stima che questa tecnologia potrebbe essere in uso entro il 2040.

Le interfacce cerebrali uomo-macchina (BCI) stanno facendo progressi costanti su diversi fronti. Nel 2016, una ricerca effettuata all’Arizona State University ha utilizzato una specie di cuffia con 130 sensori collegati a un computer per rilevare le onde cerebrali di uno studente.

Attraverso questo dispositivo, lo studente era in grado di controllare solo con la mente il volo di tre droni. Il dispositivo gli consentiva di muovere i droni semplicemente pensando ai comandi direzionali: su, giù, sinistra, destra.

Anche questo non è più fantascienza, dal 2019, con una cuffia molto più leggera, si tengono gare di droni controllati con la mente.

Sono anche in fase di sviluppo BCI per applicazioni mediche. I ricercatori del MIT hanno sviluppato un’interfaccia per computer in grado di trascrivere parole che l’utente verbalizza internamente senza tuttavia pronunciarle. Un dispositivo indossabile con elettrodi che raccoglie segnali neuromuscolari nella mascella e nel viso che viene attivato ​​da verbalizzazioni interne, dette anche subvocalizzazioni. 

I segnali vengono inviati a una rete neurale addestrata per correlare questi segnali con parole particolari. L’idea alla base di questo sviluppo è di fondere esseri umani e macchine “in modo tale che il computer, Internet e l’intelligenza artificiale si intreccino nella personalità umana come un ‘secondo sé’“. Chi non può parlare potrebbe usare la tecnologia per comunicare connettendo il sistema ad un sintetizzatore che pronuncerebbe le parole.

Il BCI definitivo potrebbe essere quello proposto da Neuralink. A differenza degli esempi precedenti, Neuralink promette impianti diretti nel cervello. L’obiettivo a breve termine di Neuralink e  altri  è quello di costruire un BCI in grado di curare  un’ampia varietà di malattie. 

A lungo termine, Elon Musk, il CEO di Neuralink, ha una visione più ampia: ritiene che questa interfaccia sarà necessaria affinché gli esseri umani tengano il passo con un’Intelligenza Artificiale sempre più potente. Proprio la scorsa settimana, Musk ha annunciato che le prove su esseri umani degli impianti potrebbero iniziare entro la fine dell’anno. Sostiene che la società ha già dotato una scimmia di “un impianto wireless nel [suo] cranio con piccoli fili che le permette di giocare ai videogiochi con la sua mente“.

I progressi compiuti in BCI stanno cominciando a corrispondere a ciò che gli autori di fantascienza hanno immaginato nelle opere di narrativa. In The Resisters, un recente romanzo di Gish Jen, un “RegiChip” viene impiantato alla nascita in tutti quelli considerati “Surplus”, il che significa che non ci sarà lavoro per loro all’indomani dell’automazione di massa. 

Al contrario, verrà emesso un reddito di base universale e non avranno responsabilità se non consumare, per mantenere l’economia automatizzata a un livello efficiente. Tra le altre cose, il RegiChip viene utilizzato per monitorare tutti, la loro posizione fisica ma anche le loro attività, per ottimizzare una società basata sul controllo delle persone. Naturalmente, il RegiChip, come tutte le tecnologie digitali, ha il potenziale per essere violato.

Gli scienziati cognitivi hanno affermato che la mente è il software del cervello. Sempre più spesso, il software fisico ha la capacità di fondersi e aumentare la mente umana. Se i risultati BCI abilitati dall’IA sembrano già incredibili, è logico che i progressi BCI in un futuro non troppo lontano potrebbero essere davvero importanti. 

La tecnologia verrà utilizzata per casi d’uso positivi per curare malattie o per il controllo mentale? Come con la maggior parte della tecnologia, probabilmente ci saranno sia buoni che cattivi. Il software è pronto a divorare la mente. 

Per ora, i nostri pensieri inespressi rimangono privati, ma ciò potrebbe non essere più vero nel prossimo futuro.

2