L’esistenza di metalli come l’oro ed il platino sembra dovuta alle mostruose esplosioni ‘Kilonova’

Alcuni scienziati sospettano che tutto l'oro e il platino sulla Terra siano nati in esplosioni come queste, grazie alle antiche fusioni di stelle di neutroni avvenute nella nostra galassia.

0
596

Quando gli oggetti più imponenti dell’universo si scontrano tra di loro esplodendo, inondano lo spazio circostante di metalli preziosi quali oro e platino.
Le esplosioni da fusione di questa portata sono così violente da scuotere il tessuto dello spazio-tempo, generando onde gravitazionali che si muovono attraverso lo spazio come increspature su uno stagno.

Un nuovo studio ha stabilito che queste esplosioni cataclismiche creano metalli pesanti in un istante, inondando lo spazio nei loro dintorni di oro e platino sufficiente per centinaia di pianeti.

Alcuni scienziati sospettano che tutto l’oro e il platino sulla Terra siano nati in esplosioni come queste, grazie alle antiche fusioni di stelle di neutroni avvenute nella nostra galassia.

Gli astronomi del Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory (LIGO) hanno ottenuto prove concrete che tali fusioni si sono verificate durante il rilevamento di onde gravitazionali da un sito stellare individuato nel 2017. Sfortunatamente, tali osservazioni sono iniziate solo circa 12 ore dopo l’iniziale collisione, lasciando un’immagine incompleta dell’aspetto della kilonova.

Nel nuovo studio, un team internazionale di scienziati ha confrontato il set di dati parziale della fusione del 2017 con osservazioni più complete di una sospetta kilonova che si è verificata nel 2016 osservata da più telescopi spaziali.

Osservando l’esplosione del 2016 in tutte le lunghezze d’onda della luce (inclusi raggi X, radio e ottica), il team ha scoperto che questa misteriosa esplosione era quasi identica a quella dell 2017.
È stata una partita quasi perfetta“, ha affermato in una nota l’autrice dello studio Eleonora Troja, ricercatrice associata presso l’Università del Maryland (UMD). “I dati a infrarossi per entrambi gli eventi hanno luminosità simili e esattamente la stessa scala temporale”.



Quindi, ha confermato: l’esplosione del 2016, era dovuta a una massiccia fusione, probabilmente tra due stelle di neutroni, proprio come la scoperta fatta dal LIGO del 2017. Inoltre, poiché gli astronomi hanno iniziato a osservare l’esplosione del 2016 pochi istanti dopo l’inizio, gli autori del nuovo studio sono stati in grado di intravedere i detriti stellari lasciati dall’esplosione, che non era visibile nei dati LIGO del 2017.

Il residuo potrebbe essere una stella di neutroni iper magnetizzata chiamata magnetar che è sopravvissuta alla collisione e poi è collassata in un buco nero“, ha dichiarato il co-autore dello studio Geoffrey Ryan. “Questo è interessante, perché la teoria suggerisce che una magnetar dovrebbe rallentare o addirittura arrestare la produzione di metalli pesanti“, tuttavia, grandi quantità di metalli pesanti erano chiaramente visibili nelle osservazioni del 2016.

Tutto questo per dire che, quando si tratta di comprendere le collisioni tra gli oggetti più massicci nell’universo gli scienziati hanno ancora più domande che risposte.

Fonte: Live Science

2