La missione Dragonfly partirà per Titano nel 2028

La missione Dragonfly della NASA sta procedendo per costruire un drone a propulsione nucleare per Titano, luna di Saturno, con un lancio previsto nel 2028

0
264
La missione Dragonfly su Titano nel 2028
La missione Dragonfly su Titano nel 2028

Il team della missione Dragonfly della NASA sta passando alla fase successiva di sviluppo del rivoluzionario drone a propulsione nucleare, grande quanto un’auto, che prevede di sorvolare e atterrare sulla superficie della grande luna di Saturno, Titano. La NASA ha autorizzato Dragonfly a procedere con il lavoro di progettazione e fabbricazione della missione finale, nota come Fase C.

Dragonfly: superati tutti i criteri di succeso

All’inizio di quest’anno, Dragonfly ha superato tutti i criteri di successo della sua revisione preliminare del progetto. Al team è stato inoltre chiesto di condurre una ripianificazione della missione in base ai livelli di finanziamento nella richiesta di bilancio del presidente per l’anno fiscale 2024. Tale ripianificazione è stata completata ed esaminata con la NASA, con una data di preparazione al lancio modificata fissata a luglio 2028. La NASA valuterà ufficialmente la data di preparazione al lancio della missione a metà del 2024 presso l’Agency Program Management Council.

Le sfide tecniche affrontate dal team

Nicola Fox è amministratrice associata del Science Mission Directorate della NASA a Washington. L’esperta ha spiegato tramite alcune dichiarazioni riportate da SciTechDaily: “Il team Dragonfly ha superato con successo una serie di sfide tecniche e programmatiche in questo audace tentativo di raccogliere nuove conoscenze su Titano. Sono orgogliosa di questa squadra e della loro capacità di mantenere in movimento tutti gli aspetti della missione”.

Unica missione della NASA sulla superficie di un altro mondo oceanico, Dragonfly è progettata per indagare la complessa chimica che è il precursore della vita. Il veicolo, che il Johns Hopkins Applied Physics Laboratory (APL) di Laurel, nel Maryland, costruirà e utilizzerà, sarà dotato di telecamere, sensori e campionatori per esaminare aree di Titano note per contenere materiali organici che potrebbero essersi precedentemente mescolati con liquidi. acqua ormai congelata sulla superficie ghiacciata.

“Un’impresa audace”

“Dragonfly è un’impresa davvero audace, come nulla che sia mai stato fatto prima”, ha affermato Elizabeth “Zibi” Turtle di APL, ricercatrice principale di Dragonfly. “Sono ispirata dal modo in cui il nostro team ha ripetutamente superato le sfide lavorando insieme e pensando fuori dagli schemi. Abbiamo dimostrato di essere pronti per i prossimi passi sulla strada verso Titano e continueremo ad andare avanti con la stessa curiosità e creatività che hanno portato Dragonfly a questo punto”.



Progressi tecnici da far paura

Il team Dragonfly ha compiuto notevoli progressi tecnici, tra cui: una progressione di test dei sistemi di guida, navigazione e controllo di Dragonfly sui deserti della California che ricordano le dune di Titano; numerosi test sui sistemi di volo nelle gallerie del vento uniche del Langley Research Center della NASA; e l’esecuzione di un modello di lander strumentato in scala reale attraverso simulazioni di temperatura e pressione atmosferica nella nuova Camera Titan da 3.000 piedi cubi di APL.

Obiettivi per il futuro

“Gli sforzi dedicati del team Dragonfly sono stati a dir poco eroici”, ha affermato Bobby Braun, capo del settore esplorazione spaziale dell’APL. “Ingegneri, scienziati e project management dell’APL, del Goddard Space Flight Center della NASA, dei centri di ricerca Langley e Ames della NASA, Lockheed Martin, Sikorsky e i nostri numerosi partner universitari e industriali hanno formato un team senza soluzione di continuità la cui esperienza e competenza stanno dando forma a una missione di esplorazione. Sono molto orgoglioso di questo team e sono fiducioso che continueranno a far maturare questo sistema nella Fase C”.

Il ruolo di APL

APL gestisce la missione Dragonfly per la NASA. Il team comprende partner chiave del Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland; Lockheed Martin Space a Littleton, Colorado; Sikorsky, una società della Lockheed Martin; l’Ames Research Center della NASA nella Silicon Valley, in California; il Langley Research Center della NASA a Hampton, Virginia; Penn State University nello State College, Pennsylvania; Malin Space Science Systems a San Diego, California; Honeybee Robotics a Pasadena, California; il Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California; l’agenzia spaziale francese (CNES) a Parigi; il Centro aerospaziale tedesco (DLR) a Colonia, in Germania; e la Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) a Tokyo.

2