La Francia costruirà sei nuovi reattori nucleari

Il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato la costruzione di almeno sei nuovi reattori nei prossimi cinque decenni

271

Il presidente francese Emmanuel Macron annuncerà un massiccio sforzo di costruzione da parte della compagnia energetica statale francese, EDF. L’obiettivo è costruire almeno sei nuovi reattori nucleari entro il 2050, che garantiranno la fornitura continua di energia a basso costo al Paese.

L’energia nucleare viene vista con scetticismo al giorno d’oggi a causa di esplosioni accidentali passate molto dannose. La Francia, tuttavia, genera gran parte del proprio fabbisogno energetico utilizzando l’energia nucleare. È stato uno dei maggiori produttori di tale energia dagli anni ’70. Ed è una scommessa sicura dire che continuerà a dividere l’atomo per mantenere le luci accese: il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato la costruzione di almeno sei nuovi reattori nei prossimi cinque decenni.

Reattori di fabbricazione francese

“È nucleare ecologico, ci consente di produrre elettricità senza emissioni di carbonio, aiuta a darci l’indipendenza energetica e produce elettricità molto competitiva”, ha detto ai giornalisti mercoledì un assistente presidenziale francese.

L’iniziativa non è però priva di detrattori. La Francia ha un po’ di storia in cui ha superato in modo spettacolare i suoi budget e le sue scadenze nella costruzione di reattori nucleari. La società statale EDF è già enormemente indebitata per gli sforzi edilizi in Francia, Gran Bretagna e Finlandia. Ad esempio, il suo programma di punta — nella provincia francese settentrionale di Flamanville — dovrebbe costare più di quattro volte il suo budget iniziale (di 3,3 miliardi di euro / 3,8 miliardi di dollari), e diventerà operativo al massimo il prossimo anno, circa 11 anni dopo il previsto. Yannick Jadot, uno dei contendenti alla presidenza francese, ha criticato la decisione di Macron per questi motivi.

Tuttavia, come parte di questa iniziativa, Macron visiterà un sito di produzione di turbine nella Francia orientale in una visita pre-elettorale in cui illustrerà in dettaglio la sua politica energetica e la sua posizione sull’energia nucleare. Attualmente, l’industria atomica copre circa il 70% del fabbisogno energetico del paese.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Secondo gli assistenti presidenziali, Macron annuncerà la costruzione di almeno sei nuovi reattori da parte di EDF. Illustrerà anche la sua visione “del nostro futuro mix energetico, per il nucleare ma anche le energie rinnovabili e l’efficienza energetica”.

Nonostante ciò, i suoi reattori stanno invecchiando e la Francia dovrebbe cercare di sostituirli se l’energia nucleare vuole rimanere un pilastro delle sue reti elettriche.

L’esito finale di questa iniziativa dipende interamente dall’esito delle elezioni presidenziali francesi di aprile. La maggior parte dei candidati ha annunciato l’intenzione di continuare a investire nel settore, anche se due candidati – il candidato dell’estrema sinistra Jean-Luc Melenchon e Yannick Jadot dei Verdi – si oppongono all’uso continuato dell’energia nucleare a causa di problemi ambientali.

Tutto sommato, la Francia sembra aver gettato il cappello sul ring del nucleare. Il mese scorso, ha fatto pressioni con successo affinché venisse etichettato come “verde” dalla Commissione europea, il che significa che ora può attrarre finanziamenti come fonte di energia rispettosa del clima.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’Europa nel suo insieme è ancora divisa sul futuro dell’energia atomica. La Germania, ad esempio, ha deciso di eliminarlo completamente entro il 2022 in seguito al disastro di Fukushima del 2011.