La chiave dell’evoluzione umana

Nel cercare di comprendere la principale transizione evolutiva che avevano scoperto a Olorgesailie nel 2018, Potts e il suo team erano stati frustrati da un grande buco di 180.000 anni nelle registrazioni ambientali della regione. Per sapere come è cambiata la regione in quel periodo, hanno dovuto cercare altrove

2220

I primi esseri umani che hanno abitato la Rift Valley dell’Africa orientale per centinaia di migliaia di anni hanno avuto a disposizione laghi d’acqua dolce per il loro approvvigionamento idrico e grandi animali erbivori al pascolo nelle immense praterie. Poi, circa 400.000 anni fa, le cose sono cambiate. L’ambiente è diventato meno prevedibile e i nostri antichi progenitori hanno dovuto affrontare nuove instabilità e incertezze che hanno messo a dura prova il loro vecchio stile di vita ben consolidato.
L’analisi effettuata su una carota di sedimenti che rappresenta 1 milione di anni di storia ambientale nella Rift Valley dell’Africa orientale mostra qualcosa di interessante. I nostri antenati stavano abbandonando i vecchi strumenti a favore di una tecnologia più sofisticata e stavano allo stesso tempo ampliando le loro reti commerciali, il loro paesaggio stava vivendo frequenti mutamenti nella vegetazione e nell’approvvigionamento idrico che hanno reso le risorse disponibili meno affidabili.
I risultati suggeriscono che l’instabilità del clima, del territorio e dell’ecosistema circostante è stato un fattore chiave nello sviluppo di nuovi tratti e comportamenti alla base dell’adattabilità umana.
Nel numero del 21 ottobre 2020 della rivista Science Advances, un team interdisciplinare di scienziati guidato da Richard Potts, direttore del Human Origins Program presso il Museo Nazionale di Storia Naturale dello Smithsonian, descrive il prolungato periodo di instabilità nel paesaggio in questa parte dell’Africa (ora Kenya) che si è verificata nello stesso periodo in cui gli esseri umani nella regione stavano subendo un importante cambiamento comportamentale e culturale nel loro processo evolutivo.
Potts e colleghi hanno documentato questo cambiamento comportamentale e culturale nel 2018 sulla base di alcuni manufatti recuperati in un sito archeologico noto come “Olorgesailie”. Potts e i suoi collaboratori dei Musei Nazionali del Kenia hanno trascorso decenni nel sito di Olorgesailie stabilendo che i primi esseri umani a Olorgesailie hanno fatto affidamento sugli stessi strumenti, asce di pietra, per 700.000 anni. Il loro stile di vita durante questo periodo era notevolmente stabile, senza grandi cambiamenti nei comportamenti e nelle loro strategie di sopravvivenza. Quindi, a partire da circa 320.000 anni fa, gli individui che vivevano lì entrarono nell’età della pietra media, fabbricando armi più piccole e sofisticate. Allo stesso tempo, hanno iniziato a scambiare risorse con gruppi lontani e ad utilizzare materiali coloranti, suggerendo una comunicazione attraverso i simboli. Tutti questi cambiamenti rappresentavano un significativo allontanamento dal loro precedente stile di vita.
La storia dell’evoluzione umana è stata quella di una crescente adattabilità“, ha detto Potts. “Veniamo da un albero genealogico che è diverso, ma tutti quegli altri modi di essere umani sono ormai estinti. È rimasto solo uno di noi e potremmo essere la specie più adattabile che possa essere mai esistita sulla faccia della Terra“.
Alcuni ricercatori hanno affermato che le sole fluttuazioni climatiche potrebbero aver spinto gli esseri umani a sviluppare questa straordinaria adattabilità, il nuovo studio indica che il quadro è invece molto più complesso. L’analisi del team di Potts mostra che la variabilità climatica non è che uno degli innumerevoli fattori ambientali che hanno guidato il cambiamento culturale che hanno descritto nel 2018. La nuova analisi rivela come cambiamenti climatici, attività tettonica e interruzioni ecologiche nella vegetazione e nella fauna si sono intrecciate favorendo l’innovazione tecnologica, le risorse commerciali e la comunicazione simbolica, tre fattori chiave vantaggiosi per i primi esseri umani in questa regione.
Nel cercare di comprendere la principale transizione evolutiva che avevano scoperto a Olorgesailie, Potts e il suo team erano stati frustrati dal grande divario ambientale della regione. L’erosione a Olorgesailie, un’area collinare piena di affioramenti sedimentari, aveva rimosso gli strati geologici che rappresentano circa 180.000 anni di tempo esattamente nel periodo di questa importante transizione evolutiva.
Per sapere come è cambiata la regione in quel periodo, i ricercatori hanno dovuto cercare altrove e sono riusciti a ottenere dei sedimenti prelevandoli dal vicino bacino di Koora. Il sito di perforazione, a circa 15 miglia dai siti di scavo archeologico, era una pianura erbosa e piatta e il team non aveva nessuna idea di cosa si celasse sotto la sua superficie. Con il coinvolgimento e il sostegno dei Musei Nazionali del Kenya e della comunità locale Oldonyo Nyokie, un nucleo di 139 metri è stato estratto dalla terra. Il cilindro di terra, di soli quattro centimetri di diametro, rappresenta 1 milione di anni di storia ambientale.
I colleghi del Programma delle origini umane del Museo Nazionale di Storia Naturale e del Dipartimento di Paleobiologia e dozzine di collaboratori di istituzioni di tutto il mondo hanno studiato la registrazione ambientale ottenuta. Analizzando le età dei radioisotopi e i cambiamenti nella composizione chimica e nei depositi lasciati da piante e organismi microscopici attraverso i diversi strati del cilindro di terra, il team ha ricostruito le caratteristiche chiave del paesaggio antico e del clima nel tempo.
I ricercatori hanno scoperto che dopo un lungo periodo di stabilità, l’ambiente in questa parte dell’Africa è diventato più variabile circa 400.000 anni fa, quando l’attività tettonica ha frammentato il paesaggio. Integrando le informazioni del nucleo di trivellazione con la conoscenza raccolta da fossili e manufatti archeologici, hanno determinato che l’intero ecosistema si è evoluto in risposta ai mutamenti.
L’analisi suggerisce che, poiché parti delle pianure erbose nella regione erano frammentate lungo linee di faglia a causa dell’attività tettonica, si sono formati piccoli bacini. Queste aree erano più sensibili ai cambiamenti delle precipitazioni rispetto ai bacini lacustri più grandi che vi erano stati in precedenza. Il terreno rialzato ha inoltre consentito il deflusso dell’acqua dalle alture per contribuire alla formazione e all’essiccamento dei laghi. Questi cambiamenti si sono verificati durante un periodo in cui le precipitazioni erano diventate più variabili, portando a frequenti e drammatiche fluttuazioni nell’approvvigionamento idrico.
Queste fluttuazioni hanno portato a una serie di cambiamenti dell’ecosistema, anche la vegetazione è cambiata diverse volte, mutando tra pianure erbose e aree boschive. Nel frattempo, i grandi erbivori, che non avevano più ampi pascoli per nutrirsi, iniziarono a estinguersi e furono sostituiti da mammiferi più piccoli con diete più diversificate.
C’è stato un enorme cambiamento nella fauna animale durante il periodo di tempo in cui vediamo cambiare il comportamento umano precoce“, ha detto Potts. “Gli animali hanno anche influenzato il paesaggio attraverso i tipi di piante che mangiavano. Quindi con gli umani nel mix e alcune delle loro innovazioni come le armi a proiettile, potrebbero anche aver influenzato la fauna. È un intero ecosistema che cambia, con gli esseri umani come parte di esso “.
Infine, Potts osserva che, sebbene l’adattabilità sia un segno distintivo dell’evoluzione umana, ciò non significa che la specie sia necessariamente attrezzata per sopportare il cambiamento senza precedenti che la Terra sta vivendo a causa dei cambiamenti climatici causati dall’uomo e della perdita di biodiversità antropica. “Abbiamo una capacità sorprendente di adattarci, biologicamente nei nostri geni, nonché culturalmente e socialmente“, ha spiegato. “La domanda è: stiamo ora creando attraverso le nostre attività nuove fonti di perturbazione ambientale che continueranno a sfidare l’adattabilità umana?”
Fonte: https://scitechdaily.com/defining-moment-in-human-evolution-turbulent-era-sparked-leap-in-human-behavior-technology-320000-years-ago