L’ossido di grafene è sicuro per la salute?

Uno studio ha definito che l'inalazione a breve termine di ossido di grafene puro si è sicura per la salute, con efffetti marginali sulla coagulazione del sangue. I ricercatori hanno però aggiunto che sono necessarie altre ricerche basate su esposizioni a lungo termine della sostanza

0
183
Ossido di grafene

Ricerche recenti hanno dimostrato che l’inalazione controllata di ossido di grafene ultrapuro non ha effetti negativi a breve termine sulla salute polmonare o cardiovascolare umana, segnando un passo significativo nello sfruttamento sicuro del potenziale del grafene per varie applicazioni.

Ossido di grafene

L’ossido di grafene può essere inalato senza effetti a breve termine sulla salute

Un nanomateriale rivoluzionario come l’ossido di grafene puro, con un enorme potenziale per affrontare molteplici utilizzi globali potrebbe essere sviluppato ulteriormente senza rischi acuti per la salute umana. Uno studio ha dimostrato che l’inalazione attentamente controllata di un tipo specifico di ossido di grafene – il materiale più sottile, super resistente e super flessibile al mondo – non ha effetti negativi a breve termine sulla funzione polmonare o cardiovascolare.

Il primo studio clinico sull’esposizione controllata sulle persone è stato condotto utilizzando ossido di grafene sottile e ultrapuro, una forma del materiale compatibile con l’acqua. I ricercatori hanno dichiarato che è necessario un’ulteriore ricerca per scoprire se dosi più elevate di questo materiale di ossido di grafene o di altre forme di grafene avrebbero un effetto diverso.

Ossido di grafene



Il team desidera inoltre stabilire se un’esposizione prolungata all”ossido di grafene, che è migliaia di volte più sottile di un capello umano, comporterebbe ulteriori rischi per la salute. C’è stato un aumento di interesse per lo sviluppo del grafene, un materiale isolato per la prima volta dagli scienziati nel 2004 e che è stato acclamato come un materiale “meraviglioso”: le possibili applicazioni includono elettronica, schermi di telefoni, abbigliamento, vernici e purificazione dell’acqua.

Il grafene viene attivamente esplorato in tutto il mondo per supportare terapie mirate contro il cancro e altre condizioni di salute, e anche sotto forma di dispositivi e sensori impiantabili. Prima dell’uso medico, tuttavia, tutti i nanomateriali devono essere testati per eventuali effetti avversi.

Ossido di grafene: ecco com’è stata misurata la sua salubrità

I ricercatori delle Università di Edimburgo e Manchester hanno reclutato 14 volontari per prendere parte allo studio in condizioni di esposizione e monitoraggio clinico attentamente controllate all’ossido di grafene puro.

I volontari hanno respirato l’ossido di grafene puro attraverso una maschera facciale per due ore mentre pedalavano in una camera di esposizione mobile appositamente progettata portata a Edimburgo dall’Istituto nazionale di sanità pubblica nei Paesi Bassi.

Sono stati misurati gli effetti sulla funzionalità polmonare, sulla pressione sanguigna, sulla coagulazione e sull’infiammazione del sangue, prima dell’esposizione e a intervalli di due ore. Alcune settimane dopo, ai volontari è stato chiesto di tornare in clinica per ripetute esposizioni controllate a diverse misure di ossido di grafene o ad aria pulita per un confronto.

Non sono stati riscontrati effetti avversi sulla funzionalità polmonare, sulla pressione sanguigna o sulla maggior parte degli altri parametri biologici esaminati. I ricercatori hanno notato un leggero suggerimento che l’inalazione del materiale possa influenzare il modo in cui il sangue coagula, ma hanno sottolineato che questo effetto è marginale.

Il dottor Mark Miller, del Centro per le scienze cardiovascolari dell’Università di Edimburgo, ha dichiarato: “I nanomateriali come il grafene sono molto promettenti, ma dobbiamo garantire che siano prodotti in modo sicuro prima che possano essere utilizzati più ampiamente nelle nostre vite”.

Essere in grado di esplorare la sicurezza dell’ossido di grafene o nei volontari umani è un enorme passo avanti nella nostra comprensione di come il grafene potrebbe influenzare il corpo. Con un’attenta progettazione, possiamo sfruttare al meglio la nanotecnologia in tutta sicurezza”.

Ossido di grafene

Il professor Kostas Kostarelos, dell’Università di Manchester e dell’Istituto Catalano di Nanoscienza e Nanotecnologia (ICN2) di Barcellona, ha dichiarato: “Questo è il primo studio controllato che coinvolge persone sane per dimostrare che forme molto pure di ossido di grafene, di uno specifico distribuzione dimensionale e caratteristiche della superficie, possono essere ulteriormente sviluppati in modo da ridurre al minimo il rischio per la salute umana”.

Ci sono voluti più di 10 anni per sviluppare le conoscenze necessarie per portare avanti questa ricerca, dal punto di vista della scienza dei materiali e della biologia, ma anche dalla capacità clinica di condurre studi controllati in sicurezza riunendo alcuni dei maggiori esperti mondiali in questo campo“.

Il professor Bryan Williams, direttore scientifico e medico della British Heart Foundation, ha dichiarato: “La scoperta che questo tipo di grafene può essere sviluppato in modo sicuro, con effetti collaterali minimi a breve termine, potrebbe aprire la porta allo sviluppo di nuovi dispositivi, trattamenti innovazioni e tecniche di monitoraggio”.

Non vediamo l’ora di vedere studi più ampi dell’ossido di grafene su un arco temporale più lungo per capire meglio come possiamo utilizzare in modo sicuro i nanomateriali come il grafene per fare passi da gigante nella fornitura di farmaci salvavita ai pazienti”, ha concluso.

2