In Europa nascono piccole foreste contro la crisi climatica

Per contrastare la crisi climatica un botanico giapponese, Akira Miyawaki, ha studiato un metodo per rimboschire il Giappone, e non solo, grazie a mini foreste che garantiscono la biodiversità.

0
2170
Indice

l’Europa sta rinascendo grazie a piccole foreste fatte sbocciare per dare una mano ad un ambiente sempre più messo alla prova dall’inquinamento e dai cambiamenti climatici.

L’idea è partita da Akira Miyawaki, un botanico giapponese,che ne ha già piantate più di 1.000 in Giappone e in Malesia. I sostenitori del metodo ritengono che le foreste in miniatura crescono 10 volte più velocemente e diventano 30 volte più dense e 100 volte con maggiore biodiversità rispetto a quelle piantate con metodi convenzionali. Questo risultato si ottiene piantando alberelli vicini, tre per metro quadrato, utilizzando varietà autoctone adattate alle condizioni locali. Un’ampia varietà di specie – idealmente 30 o più – viene piantata per ricreare gli strati di una foresta naturale.

Gli scienziati affermano che tali ecosistemi sono fondamentali per raggiungere gli obiettivi climatici, stimando che le foreste naturali possono immagazzinare 40 volte più carbonio delle piantagioni di singole specie. Le foreste di Miyawaki sono progettate per rigenerare la terra in molto meno tempo rispetto agli oltre 70 anni necessari a una foresta per riprendersi da sola.

Questa è una grande cosa da fare“, ha affermato Eric Dinerstein, un etologo che è stato coautore di un recente articolo in cui si chiede che metà della superficie terrestre sia protetta o gestita per la conservazione della natura per prevenire catastrofici cambiamenti climatici. “Questa iniziativa potrebbe interessare un altro aspetto delle aree suburbane e urbane, utili a creare corridoi faunistici attraverso percorsi contigui di mini-foreste”.

Le mini-foreste potrebbero attrarre uccelli canori migratori, ha detto Dinerstein. “Gli uccelli canori si nutrono di bruchi e insetti adulti anche vicino anche alle piccole foreste, che se piantate con specie autoctone, potrebbero diventare un sito di fly-in, una specie di riserva alimentare per gli uccelli in transito”.



Nel 2017, i ricercatori dell’Università di Wageningen nei Paesi Bassi hanno monitorato le mini-foreste appena piantate e hanno concluso che “aumentano la biodiversità rispetto alle foreste normali. Sia il numero di gruppi di specie che il numero di individui sono generalmente più elevati rispetto alle foreste di riferimento”. 

La maggiore biodiversità è dovuta in parte alla giovane età e all’apertura delle foreste, ha spiegato Fabrice Ottburg, un ecologista che ha guidato lo studio di Wageningen. Ciò consente alla luce solare di raggiungere meglio le piante fiorite che attirano gli impollinatori. La diversità è inoltre potenziata dalla piantagione di più specie, che “fornisce una maggiore varietà di cibo e riparo per una maggiore varietà di animali come insetti, lumache, farfalle, anfibi e cavallette“, ha spiegato Ottburg.

Nei Paesi Bassi, il gruppo ambientalista IVN Nature Education ha aiutato città e famiglie a piantare 100 foreste in stile Miyawaki dal 2015 ed è sulla buona strada per raddoppiare il numero entro il 2022: sta infatti lavorando a progetti simili in una dozzina di altri paesi. Diversi gruppi in Belgio e Francia hanno recentemente creato almeno 40 mini-foreste.

Il primo progetto ha visto la luce in Francia nel marzo 2018 accanto a una trafficata strada a quattro corsie ai margini di Parigi. Il folto boschetto aveva lo scopo di ridurre il rumore e filtrare l’aria per il vicinato adiacente. Nel giorno della semina, 40 persone si sono radunate con 31 specie di alberelli per portare a nuova vita la terra che era stata preparata con il compost delle scuderie locali. 

Due anni prima, Enrico Fusto e Damien Saraceni avevano richiesto finanziamenti dal bilancio partecipativo di Parigi, una scelta politica che consente ai residenti di proporre idee su come spendere il 5% dei fondi della città.

La coppia ha proposto le mini-foreste, dicendo che potrebbero aiutare ad aumentare il livello di copertura degli alberi in città, che attualmente è inferiore al 10% , molto più basso rispetto a molte altre grandi città. “Ogni comunità può essere la protagonista della propria storia di restauro della natura“, ha affermato Fusto.

A Tolosa, sono state piantate mini foreste di 1.200 alberelli su una patch di 400 metri quadrati.

Nicolas de Brabandère, naturalista belga e fondatore di Urban Forests, ha iniziato a piantare foreste in stile Miyawaki nel 2016, organizzando volontari e autorità locali per piantare 300 alberelli su una striscia di terra erbosa vicino a una strada. Ora la sua prima foresta è alta 3 metri ed è pavimentata da uno spesso strato di humus.

De Brabandère ritiene che la natura partecipativa e la velocità di sviluppo di una mini-foresta siano ciò che stimola le persone e predice un futuro luminoso per il movimento. “Ogni volta che racconto la storia, piace a tutti“, ha detto. “Quindi ho la sensazione che questa tendenza continuerà”.

2