Trovate impronte di Homo sapiens risalenti a 153.000 anni fa

Gli archeologi in Sud Africa hanno scoperto le impronte dell'Homo sapiens risalenti a 153.000 anni fa, le più antiche tracce conosciute attribuite alla nostra specie, secondo un nuovo studio

0
656
Trovate impronte di Homo sapiens risalenti a 153.000 anni fa

Gli archeologi in Sud Africa hanno scoperto le impronte dell’Homo sapiens risalenti a 153.000 anni fa, le più antiche tracce conosciute attribuite alla nostra specie, secondo un nuovo studio.

La scoperta da record è una delle tante rinvenute in Africa negli ultimi decenni. Dalla segnalazione di impronte di 3,66 milioni di anni nel sito di Laetoli in Tanzania oltre 40 anni fa, i paleoantropologi hanno trovato più di 100 sentieri conservati nelle rocce, nella cenere e nel fango lasciati dai nostri antenati ominidi, il gruppo che comprende i moderni e esseri umani estinti così come i nostri antenati strettamente imparentati.

Sette siti archeologici con tracce lasciate dall’uomo – chiamati “ichnositi” – sono stati scoperti appena ad est della punta meridionale del continente africano, a decine di miglia nell’entroterra dall’antica costa. In un articolo pubblicato sulla rivista Ichnos, un team internazionale di ricercatori ha utilizzato la luminescenza stimolata otticamente (OSL) per capire a quando risalgono le impronte.

Questi ichnositi sudafricani includevano quattro tracce di ominidi, uno con impronte di ginocchia e quattro con “ammoglifi” – un termine che denota qualsiasi modello, non solo impronte, fatto da umani che è stato preservato nel tempo.

Le prove delle impronte aggiungono molto alla documentazione archeologica, secondo i ricercatori, in quanto “possono fornire non solo un’indicazione degli esseri umani che viaggiano su queste superfici come individui o gruppi, ma anche prove di alcune delle attività in cui si sono impegnati”, hanno scritto gli autori nello studio. In Sud Africa, le prime prove del comportamento umano moderno includono ornamenti personali come gioielli, sviluppo di intricati strumenti di pietra, l’uso di simboli astratti, raccolta di molluschi e grotte costiere e siti di rifugi rocciosi.

Un'immagine della traccia fotogrammetrica 3D da un sito vicino alla posizione delle stampe più antiche. Questa traccia è più giovane, nella fascia di età compresa tra 76.000 e 90.000 anni, ma l'impronta è molto chiara. (Le scale orizzontali e verticali sono in metri.)(Credito immagine: Charles Helm)
Un’immagine della traccia fotogrammetrica 3D da un sito vicino alla posizione delle stampe più antiche. Questa traccia è più giovane, nella fascia di età compresa tra 76.000 e 90.000 anni, ma l’impronta è molto chiara. (Le scale orizzontali e verticali sono in metri.)(Credito immagine: Charles Helm)

I ricercatori hanno utilizzato OSL per datare i siti di tracciamento sudafricani

Questo metodo di datazione funziona stimando il tempo trascorso dall’ultima volta che i granelli di quarzo o feldspato all’interno o vicino ai binari fossilizzati sono stati esposti alla luce solare. L’OSL può essere utilizzato per stimare la data in cui gli esseri umani hanno camminato su determinate superfici.



I campioni del sito di tracce del Garden Route National Park (GRNP), che contiene sette tracce identificabili conservate in alte scogliere, sono stati datati a 153.000 anni fa, più o meno 10.000 anni. Sebbene ci siano impronte conservate più antiche di altre specie di ominidi in tutta l’Africa, l’Asia e l’Europa, il sito della traccia GRNP è ora il più antico realizzato dall’Homo sapiens, che si è evoluto in Africa circa 300.000 anni fa.

La maggior parte dei campioni che il team ha esaminato risaliva a un periodo compreso tra 70.000 e 130.000 anni fa, e sono rimasti “piacevolmente stupiti” nel trovare impronte risalenti a 153.000 anni, secondo l’autore principale dello studio Charles Helm, un ricercatore associato presso l’African Center for Coastal Paleoscience alla Nelson Mandela University in Sud Africa.

La scoperta “ha agito da stimolo per continuare la nostra ricerca di tracce di ominidi in depositi che sappiamo essere ancora più antichi”, ha dichiarato Helm.

I ricercatori hanno osservato, tuttavia, che l’attribuzione delle tracce a una determinata specie si basa più su reperti archeologici e resti scheletrici che sulla forma delle tracce stesse. “Non tutti i siti forniscono prove conclusive”, hanno scritto i ricercatori nel loro studio, quindi “è probabile che le controversie e il dibattito continuino”.

“Sospettiamo che ci siano ulteriori ichnositi di ominidi in attesa di essere scoperti sulla costa meridionale del Capo”, hanno scritto Helm e il coautore dello studio Andrew Carr, geografo fisico dell’Università di Leicester nel Regno Unito. “Le tracce sono anche vulnerabili all’erosione, quindi spesso dobbiamo lavorare velocemente per registrarle e analizzarle prima che vengano distrutte dagli eventi atmosferici”, hanno concluso.

Fonte: Ichnos

2