Il nostro sistema stellare era binario?

5607

Un team di astronomi di Harvard ha una nuova interessante teoria spiegata in un nuovo studio apparso su Astrophysical Journal Letters: il Sole originariamente aveva una stella compagna, con la quale formava un sistema binario.

Gli astronomi sostengono che la teoria potrebbe spiegare la formazione della nube di Oort, una nube sferica di polvere e oggetti più piccoli che si trova ai confini del nostro sistema solare che molti ritengono sia stata creata dai detriti del sistema solare primitivo.

Questa affascinante teoria potrebbe spiegare come alcuni oggetti siano stati dispersi ai confini del sistema solare, a volte arrivando persino a sistemi vicini e viceversa.

Amir Siraj, uno studente universitario di Harvard coinvolto nella ricerca, ha dichiarato: “Il modello di acquisizione binaria offre un miglioramento e un perfezionamento significativi, il che è apparentemente ovvio in retrospettiva: la maggior parte delle stelle simili al Sole nascono con compagne binarie”.

Un sistema stellare binario avrebbe molte più probabilità di catturare la nuvola di Oort.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“I sistemi binari sono molto più efficienti nel catturare oggetti rispetto alle singole stelle”, ha detto il coautore Avi Loeb. “Se la nube di Oort si fosse formata come osservato, significherebbe che il Sole aveva effettivamente un compagno di massa simile che è stato perso prima che il Sole lasciasse il suo ammasso di nascita”.

La teoria potrebbe anche avere implicazioni radicali su come è nata la vita sulla Terra.

Gli oggetti nella nuvola di Oort potrebbero aver svolto un ruolo importante nella storia della Terra, come la possibilità di fornirle acqua e causare l’estinzione dei dinosauri“, ha detto Siraj.

Le implicazioni non finiscono qui. Alcuni astronomi ritengono che il nostro sistema solare ci stia nascondendo un nono pianeta maggiore, soprannominato Pianeta Nove. Questo potenziale pianeta finora è stato ipotizzato essere qualsiasi cosa, da un enorme super-Terra a una raccolta di oltre 100 “pianeti minori” posti ben oltre l’orbita di Nettuno – o anche un minuscolo buco nero.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gli astronomi si serviranno dell’Osservatorio Vera C Rubin (VRO), che dovrebbe iniziare le operazioni all’inizio del prossimo anno, per confermare l’esistenza del Pianeta Nove – e di altri potenziali “oggetti transnettuniani” come questo.

Non è chiaro da dove provengano, e il nostro nuovo modello prevede che dovrebbero esserci più oggetti con un orientamento orbitale simile al Pianeta Nove“, ha detto Loeb.

Se il VRO verifica l’esistenza del Pianeta Nove e trova anche una popolazione di pianeti nani catturati in modo simile, il modello binario sarà favorito rispetto alla classica teoria stellare che è stata a lungo ipotizzata“, ha affermato Siraj.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il team suggerisce che il compagno binario perduto da tempo del Sole sarebbe stato rimosso da altre stelle, nate insieme al nostro Sole nello stesso ammasso, attraverso la loro influenza gravitazionale.

“Il compagno perduto da tempo del Sole potrebbe ora essere ovunque nella Via Lattea“, ha concluso Siraj.