Il lento naufragio scientifico di un premio Nobel

0
13991

In pochi giorni dal 13 novembre 2017, 106 accademici della scienza e della medicina si sono opposti pubblicamente agli eccessi di uno dei loro. il professor  Luc Montagnier, premio Nobel per la Medicina nel 2008 con Françoise Barré-Sinoussi per la scoperta, avvenuta nel 1983, del virus HIV, che provoca l’AIDS. E si tratta di una censura senza precedenti in questi cenacoli di solito silenziosi.
Noi, accademici della scienza e / o accademici della medicina, non possiamo accettare che uno dei nostri colleghi utilizzi il suo premio Nobel per diffondere, al di fuori del campo delle sue capacità, messaggi pericolosi per la salute, a dispetto dell’etica che deve presiedere alla scienza e alla medicina“, scrivono. “Sapendo che un’esclusione è legalmente impossibile“, vorrebbero inviare al loro collega “un fermo richiamo all’ordine ed alla deontologia professionale“.
Luc Montagner,  85 anni, ha “firmato” la sua condanna a morte come scienziato per i suoi commenti sui vaccini. “Siamo qui non per creare controversie, ma siamo qui per lanciare un allarme per la Francia, per l’intero paese e anche per il mondo, perché è un problema generale. L’avvertimento è che rischiamo di avvelenare a poco a poco l’intera popolazione che ci succederà “, ha detto. Una dichiarazione che va contro tutti gli studi che dimostrano la protezione essenziale apportata ai bambini dalla vaccinazione.
Il lento affondamento scientifico del professor Montagnier non è iniziato ieri. Nel 2009, si espresse con incredibili commenti sul virus dell’AIDS e sulla sua trasmissione nel documentario decisamente anti-scientifico trasmesso nel 2009, House of Numbers: Anatomy of an Epidemic.
Possiamo essere esposti all’HIV molte volte senza essere cronicamente infetti. Il nostro sistema immunitario eliminerà il virus nel giro di poche settimane, se hai un buon sistema immunitario“, affermò. Interrogato a luglio del 2012 durante la XIX Conferenza internazionale sull’AIDS a Washington, il ricercatore Françoise Barré-Sinoussi, co-scopritore del virus dell’AIDS nel 1983 con lui, rispose: “Dobbiamo certamente considerare l’immunità naturale per controllare il Infezione da HIV. So che Montagnier e pochi altri dicono che se hai una buona immunità, puoi proteggerti dall’infezione da HIV”.
Luc Montagnier, non ha portato dati credibili per corroborare le sue affermazioni. “Il problema delle popolazioni africane è che la loro dieta non è molto equilibrata, sono sotto stress ossidativo, anche se non sono infetti dall’HIV, quindi il loro sistema immunitario non sta già funzionando molto bene, è incline a far entrare e persistere l’HIV”.
E non si accontentò di esprimere questa teoria nutrizionale, mai stata dimostrata. Non esitò a proporre altri mezzi per controllare l’epidemia: “Ci sono molti modi a parte il vaccino (…) per ridurre la trasmissione, semplicemente attraverso misure nutrizionali, per dare antiossidanti (… ), misure igieniche, lotta contro altre infezioni“.
Tornando indietro nel tempo, altri allarmi gravi avevano danneggiato la reputazione scientifica del ricercatore. In una recensione americana, nel 2010, non esitò a sostenere l’idea della memoria dell’acqua, presentata nel 1988 da Jacques Benveniste. Se queste opere sono state screditate scientificamente, Luc Montagnier non ha esitato a parlare di Benveniste come “un Galileo dei tempi moderni. Mi è stato detto che alcuni hanno riprodotto con successo le esperienze di Benveniste, ma hanno paura di pubblicarle a causa del terrore intellettuale da parte di coloro che non le comprendono“. Numerosi come quelli che oggi non capiscono più il signor Montagnier.
Oggi è questo Luc Montagnier: un anziano signore, il ricordo di un brillante scienziato, che sposa bislacche teoria sulla base di “mi è stato detto” o “ho sentito dire”… Così oggi sostiene la natura artificiale del virus SARS-CoV-2 sulla base di uno studio indiano, presentato per la pubblicazione e subito ritirato, uno studio che voleva sostenere che nel nuovo coronavirus ci sono alcune sequenze tipiche dell’HIV. Ma è stato ritirato, di fronte a studi più credibili e meglio strutturati che lo smentiscono ma Luc non importa, qualcuno lo ha sostenuto, non importa se non ha voluto affrontare la Peer Review, basta che è girata la voce, per Luc Montagnier è sufficiente.
Fonte: Le Figaro

2