spot_img
Home Tecnologia I robot killer sono già qui

I robot killer sono già qui

I robot killer non saranno robot umanoidi senzienti con intenzioni malvagie. Questi sono buoni per una trama drammatica e un successo al botteghino, ma tali tecnologie sono lontane molti decenni, se non secoli

0
551
I "robot killer" sono già qui
I "robot killer" sono già qui

Si potrebbe supporre che Hollywood sia brava a predire il futuro. In effetti, Robert Wallace, capo dell’Office of Technical Service della CIA e l’equivalente statunitense del fittizio Q dell’MI6, ha raccontato come le spie russe guarderebbero l’ultimo film di Bond per vedere quali tecnologie potrebbero arrivare sulla loro strada.

La continua ossessione di Hollywood per i robot killer potrebbe quindi essere fonte di notevole preoccupazione. L’ultimo film del genere è Dolly, un film drammatico prodotto da Apple TV. Basato su un racconto del 2011 di Elizabeth Bear, la trama riguarda un miliardario ucciso da un robot sessuale che poi chiede a un avvocato di difendere le sue azioni omicide.

I veri robot killer

Dolly è l’ultimo di una lunga serie di film con robot killer, tra cui HAL in 2001: Odissea nello spazio di Kubrick e il robot T-800 di Arnold Schwarzenegger nella serie Terminator.

In effetti, il conflitto tra robot e umani era già al centro del primo lungometraggio di fantascienza, il classico Metropolis di Fritz Lang del 1927.

Ma quasi tutti questi film sbagliano.



I robot killer non saranno robot umanoidi senzienti con intenzioni malvagie. Questi sono buoni per una trama drammatica e un successo al botteghino, ma tali tecnologie sono lontane molti decenni, se non secoli.

In effetti, contrariamente ai timori recenti, i robot potrebbero non diventare mai senzienti.

Sono tecnologie molto più semplici di cui dovremmo preoccuparci. E queste tecnologie stanno iniziando a comparire sul campo di battaglia oggi in luoghi come l’Ucraina e il Nagorno-Karabakh .

Una guerra trasformata

I film che presentano droni armati molto più semplici, come Angel has Fallen (2019) e Eye in the Sky (2015), dipingono forse il quadro più accurato del vero futuro dei robot assassini.

Nei telegiornali serali, vediamo come la guerra moderna viene combattuta con droni, carri armati, navi e sottomarini sempre più autonomi. Questi robot sono solo un po’ più sofisticati di quelli che puoi acquistare nei negozi e sempre più, le decisioni di identificare, tracciare e distruggere i bersagli vengono affidate ai loro algoritmi.

Questo sta portando il mondo in un posto pericoloso, con una miriade di problemi morali, legali e tecnici. Tali armi, ad esempio, sconvolgeranno ulteriormente la nostra travagliata situazione geopolitica. Vediamo già la Turchia emergere come una grande potenza di droni.

Tali armi attraversano una linea rossa morale in un mondo terribile e terrificante in cui le macchine decidono chi vive e chi muore. I produttori di robot, tuttavia, stanno iniziando a respingere questo futuro.

Un impegno a non armare le piattaforme robotiche

La scorsa settimana, sei importanti aziende di robotica si sono impegnate a non armare mai le loro piattaforme robotiche. Tra queste aziende ci sono Boston Dynamics, che produce il robot umanoide Atlas, che può eseguire un impressionante backflip, e il cane robot Spot, che sembra uscito dalla serie TV Black Mirror.

Questa non è la prima volta che le aziende di robotica parlano di questo preoccupante futuro.

Cinque anni fa, una lettera aperta, firmata da Elon Musk e da più di 100 fondatori di altre aziende di intelligenza artificiale e robot, chiedeva alle Nazioni Unite di regolamentare l’uso dei robot killer. Tuttavia, il fatto che le principali società di robotica si impegnino a non armare le loro piattaforme robotiche è più un segnale di virtù che altro.

Ad esempio, abbiamo già visto terze parti montare armi su cloni del cane robot Spot di Boston Dynamics e tali robot modificati si sono dimostrati efficaci in azione. Il principale scienziato nucleare iraniano è stato assassinato da agenti israeliani usando una mitragliatrice robotica nel 2020.

Un’azione collettiva per salvaguardare il nostro futuro

L’unico modo in cui possiamo salvaguardarci da questo terrificante futuro è che le nazioni agiscano collettivamente, come hanno fatto con le armi chimiche, le armi biologiche e persino le armi nucleari.

Tale regolamentazione non sarà perfetta, così come non è perfetta la regolamentazione delle armi chimiche. Ma impedirà alle compagnie di armi di vendere apertamente tali armi e quindi la loro proliferazione.

Pertanto, è ancora più importante della promessa delle aziende di robotica vedere che il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha recentemente deciso all’unanimità di esplorare le implicazioni sui diritti umani delle tecnologie nuove ed emergenti come le armi autonome.

Diverse dozzine di nazioni hanno già chiesto alle Nazioni Unite di regolamentare i robot killer. Il Parlamento europeo, l’Unione africana, il Segretario generale delle Nazioni Unite, i premi Nobel per la pace, i leader della chiesa, i politici e migliaia di ricercatori di intelligenza artificiale e robotica hanno tutti chiesto una regolamentazione.

2