I dinosauri erano destinati ad estinguersi?

Queste creature hanno dominato il pianeta Terra per oltre 170 milioni di anni, un periodo in cui ha avuto luogo un'importante evoluzione. Alcuni credono che durante questo periodo di tempo i dinosauri abbiano raggiunto il loro picco massimo in termini di potenziale evolutivo

4864

Queste creature hanno dominato il pianeta Terra per oltre 170 milioni di anni, un periodo in cui ha avuto luogo un’importante evoluzione. Alcuni credono che durante questo periodo di tempo i dinosauri abbiano raggiunto il loro picco massimo in termini di potenziale evolutivo (forza, dimensioni e intelligenza). 170 milioni di anni potrebbero non sembrare così tanti se guardiamo cosa è successo durante questo periodo di tempo.

65,5 milioni di anni fa un enorme asteroide colpì la penisola dello Yucatan (America centrale), dando inizio a una catena di eventi devastanti. La maggior parte delle persone pensa che al momento dell’impatto tutti i dinosauri siano morti, ma non è così. Solo una piccola percentuale di dinosauri morì al momento dell’impatto. Quello che seguì dopo l’impatto fu una nuvola di polvere che durò per anni e bloccò la luce solare, facendo scendere drasticamente le temperature al punto che nessun dinosauro sopravvisse.

L’asteroide non ha cambiato nulla

Alcuni paleontologi credono che se non fosse stato per l’asteroide, vivremmo ancora con alcune specie di dinosauri. Tuttavia, alcuni lavori confermano che l’asteroide non ha mai cambiato il destino dei dinosauri. Un recente studio condotto dal professore di biologia J. David Archibald della San Diego State University dimostra che 10 milioni di anni prima che l’asteroide colpisse la Terra, la popolazione di dinosauri aveva già iniziato a diminuire.

Pangea (250 milioni di anni fa)/ Laurasia e Gondwana (76 milioni di anni fa) e il nostro mondo attuale
Pangea (250 milioni di anni fa)/ Laurasia e Gondwana (76 milioni di anni fa) e il nostro mondo attuale

Ciò che ha avviato questo declino sono stati alcuni importanti cambiamenti ecologici che hanno portato alla scomposizione di due supercontinenti: Laurasia e Gondwana. Questo è stato il punto in cui si è verificata la seconda deriva dei continenti, avviando un processo che ha creato i continenti in cui viviamo oggi.

I dinosauri iniziarono a estinguersi lentamente per carenza di cibo

Il modo in cui le piante crescevano iniziò a cambiare, lasciando le piccole creature senza cibo, il che portò gli i piccoli animali ad una lenta estinzione. Con le piccole creature che si estinguevano, non c’era neanche cibo per la classe media dei carnivori, facendoli a loro volta estinguere. Non avendo cibo la stessa sorte toccò anche al grande T-rex.

Il problema non era solo di cibo, ma anche la capacità di accoppiarsi. Con la deriva dei continenti in atto, la posizione di molte specie cambiò, rendendo più difficile trovare specie simili con cui accoppiarsi.



Questo argomento funziona bene anche con la definizione del motivo per cui la maggior parte delle enormi creature esistenti vivono nell’oceano, poiché non sono state colpite dalla deriva dei continenti, prendendo in considerazione la balena grigia o il calamaro gigante.

Un altro argomento, sostenuto anche da Mark Twain, è che il DNA dei dinosauri è rimasto sulla Terra anche dopo la loro estinzione e può essere visto nei polli che alleviamo e consumiamo così come in alcuni mammiferi. Forse l’estinzione delle specie precedenti non ha importanza se la forma umana o dei mammiferi era destinata e vitale per la nostra evoluzione.

Non c’erano esseri umani né alcun inquinamento che avrebbe causato disastri ecologici per avviare una deriva dei continenti, il che significa che anche la Terra si sta evolvendo e cambiando, ma in base a cosa? Questa è una domanda che dovrebbe essere collocata nello stesso gruppo di domande sul “Perché siamo nati?” o anche “Qual è il significato della vita?”.