Hubble fotografa la cometa 2I / Borisov mentre accelera oltre il nostro sole

Negli ultimi giorni la NASA ha sfruttato il telescopio spaziale Hubble per riprendere la cometa mentre approcciava al suo punto di massima vicinanza al Sole, immagini prese da una distanza di poco meno di 300 milioni di chilometri, fornendo agli astronomi dettagli senza precedenti sulla strana piccola cometa.

0
385
Indice

La cometa interstellare 2I / Borisov è diventata una specie di celebrità cosmica negli ultimi mesi e i ricercatori hanno collezionato istantanee con la passione dei paparazzi. Si tratta di fito interessanti che hanno aiutato gli astronomi a decifrare la natura del secondo ospite interstellare mai individuato nel nostro sistema solare.

Negli ultimi giorni la NASA ha sfruttato il telescopio spaziale Hubble per riprendere la cometa mentre approcciava al suo punto di massima vicinanza al Sole, immagini prese da una distanza di poco meno di 300 milioni di chilometri, fornendo agli astronomi dettagli senza precedenti sulla strana piccola cometa.

Bene, 2I / Borisov sembra essere 15 volte più piccola del previsto.

Hubble ci fornisce la migliore misura delle dimensioni del nucleo della cometa Borisov, che è la parte veramente importante della cometa“, afferma l’astronomo David Jewitt dell’Università della California, Los Angeles.

Il raggio è inferiore a mezzo chilometro. Questo è importante perché conoscere le dimensioni ci aiuta a determinare il numero totale e la massa di tali oggetti nel Sistema Solare e nella Via Lattea



Tale elenco è attualmente breve. Solo un altro oggetto – un asteroide con il nome strabiliante di Oumuamua – è stato confermato come viaggiatore interstellare.

Ad agosto, l’astronomo dilettante della Crimea Gennadiy Borisov  osservò una cometa precedentemente non elencata che si stava dirigendo verso di noi, a una distanza di circa il doppio rispetto all’orbita di Marte.

Dopo aver calcolato la sua traiettoria, divenne chiaro che l’oggetto di roccia e ghiaccio non poteva provenire dai margini del nostro Sistema Solare, dove hanno origine le altre comete. Doveva venire da più lontano, dallo spazio interstellare e stava volando verso il Sole a una velocità di circa 175.000 chilometri all’ora.

Trovare due oggetti extrasolari in due anni o è un enorme colpo di fortuna, o un’indicazione che se guardiamo abbastanza bene, quasi sicuramente ne troveremo altri simili. La domanda è: quanti dovremmo aspettarci di trovarne?

Borisov è la prima cometa interstellare conosciuta e vorremmo sapere quante altre ce ne sono in giro per il sistema solare”afferma Jewitt.

Il nucleo della cometa è troppo piccolo per essere risolto da 298 milioni di chilometri di distanza, una distanza relativamente vicina che attualmente colloca l’oggetto extrasolare da qualche parte all’interno della fascia degli asteroidi.

Come si può vedere nella foto qui sotto, è ancora parecchio fotogenica. Queste immagini più recenti sono a dir poco sbalorditive, rivelando una nebbia di gas e polvere mentre il nucleo, a lungo congelato nel deserto tra le stelle, si sbrina lentamente al calore del Sole.

heic1922b(NASA, ESA e D. Jewitt (UCLA))

Ormai 2I / Borisov ha iniziato il suo lungo percorso sulla traiettoria che la porterà fuori del sistema solare e difficilmente riusciremo ad avere ancora foto così belle del suo aspetto.

Ora non ci resta che sperare di non dover aspettare troppo a lungo prima di vederne un nuovo oggetto proveniente dagli spazi siderali. e speriamo che, quando avverrà, saremo pronti a dargli un’occhiata da vicino.

2