Gli esseri umani potrebbero vivere fino a 150 anni

Una nuova ricerca indica che il limite per la vita umana è di 150 anni. Il principale fattore che limita la nostra durata della vita è la perdita della capacità di riprendersi dopo una battuta d'arresto, chiamata "resilienza fisiologica"

0
2320

Una nuova ricerca indica che il limite per la vita umana è di 150 anni. Il principale fattore che limita la nostra durata della vita è la perdita della capacità di riprendersi dopo una battuta d’arresto, chiamata “resilienza fisiologica“. Anche senza problemi di salute importanti, il corpo finirà comunque per rimanere senza energia per poter riprendersi anche da problemi minori.

Anche se in qualche modo una persona riuscisse a superare decenni di vecchiaia senza un solo grave problema di salute – eludere il cancro, le malattie cardiache, il diabete e così via – gli scienziati affermano che comunque c’è limite a quanto è possibile prolungare la vita, gettando acqua fredda su l’ambizioso obiettivo della Silicon Valley di superare in astuzia la morte.

La resilienza fisiologica è sufficiente per limitare la nostra vita a un massimo di 150 anni

Ma la cosa che impedisce al corpo umano di raggiungere l’immortalità è sorprendentemente banale: nel tempo, il corpo perde la “resilienza fisiologica“, o la capacità di riprendersi, che manifesta durante la gioventù. Questo, affermano gli scienziati nello studio pubblicato all’inizio di quest’anno su Nature Communications, è sufficiente per limitare la nostra vita a un massimo di 120-150 anni.

Il ricercatore capo Timothy Pyrkov fa parte di una società biotecnologica con sede a Singapore chiamata Gero (il nome stesso è il prefisso che significa “vecchiaia”). L’obiettivo dichiarato di Gero è “hackerare malattie complesse e invecchiamento“, stabilendo un’agenda chiara per la ricerca. Per questa analisi longitudinale, Gero ha collaborato con il Roswell Park Comprehensive Cancer Center di Buffalo, New York, e ha studiato ampi gruppi di persone negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Russia.

Il team ha suddiviso in dettaglio tutti i gruppi di età, differenziando tra “prima età adulta” (dai 16 ai 35 anni), “età media” (dai 35 ai 65 anni) e “età avanzata” (età da 65 in su). Quindi, hanno esaminato sia i cambiamenti nella conta delle cellule del sangue che il numero di passi compiuti dai gruppi, trattando i due fattori come “segni caratteristici dell’invecchiamento” che potrebbero aiutarli a tracciare i progressi (o il deterioramento) dei soggetti per diversi mesi.



Sia le cellule del sangue che i passaggi potrebbero rimanere costanti, hanno scoperto i ricercatori, se non per interruzioni periodiche sotto forma di problemi di salute. Nello specifico, hanno notato che il problema non è un costante declino con l’età ma, invece, una serie di step-down in cui i corpi dei soggetti non riescono a tornare al loro precedente livello di salute.

Nonostante le due variabili siano così diverse, i conteggi delle cellule del sangue e i passaggi sono diminuiti ciascuno a una velocità simile nei soggetti del test nel tempo
Nonostante le due variabili siano così diverse, i conteggi delle cellule del sangue e i passaggi sono diminuiti ciascuno a una velocità simile nei soggetti del test nel tempo

In sintesi, in gioventù il corpo può normalmente recuperare il 100% da un brutto raffreddore o riparare la pelle al 100% dopo una brutta caduta. Con l’avanzare dell’età, la capacità di recuperare la piena salute può essere inibita fino a un massimo del 95 percento. E con il tempo, quella resilienza continuerà a diminuire man mano che il corpo affronta ostacoli ripetuti.

Tracciando il “tempo di recupero” per tutte e tre le coorti di gruppi di età nel corso di decenni di vita, i ricercatori sono stati in grado di trovare il punto in cui il corpo, alla fine, non ce la può più fare a recuperare a causa della perdita di resilienza

Ogni anno, ad esempio, si pensa al rischio di cancro come a una sorta di lancio di una monetina con una certa probabilità di verificarsi. Più a lungo vivi, più lanci di monete devi fare. Il punto in cui si fa l’ultimo lancio di una moneta, dicono, è da qualche parte tra 120 e 150 anni, un valore che probabilmente pone un limite estremo alla vita umana.

“Concludiamo che la criticità risultante nella fine della vita è una proprietà biologica intrinseca di un organismo che è indipendente dai fattori di stress, e indica un limite fondamentale o assoluto della durata della vita umana”, concludono gli autori nel documento.

2