Gli alieni probabilmente non stanno visitando la Terra, ma gli scienziati credono che siano là fuori

Secondo il Times, funzionari governativi avrebbero affermato che il rapporto dell'intelligence non collega la maggior parte degli oltre 120 incidenti dei fenomeni avvenuti negli ultimi due decenni ad alieni, all'esercito americano o ad altre tecnologie sperimentali avanzate del governo

0
4353

Più di 60 anni fa, lo scienziato Enrico Fermi era seduto a pranzo a Los Alamos ridendo delle recenti segnalazioni di dischi volanti e discutendo delle probabilità di una vita aliena intelligente quando ha posto una domanda ormai famosa.

Dove sono tutti quanti?” ha chiesto ad altri tre fisici nucleari, secondo i resoconti di quel pranzo.

In mezzo a una rinascita di interesse intorno all’argomento in attesa del rapporto dell’intelligence statunitense sui “fenomeni aerei non identificati” che dovrebbe essere reso noto entro la fine di questo mese, molte persone si pongono la stessa domanda e si chiedono se gli alieni sono già qui.

Questa settimana, funzionari anonimi che sono stati informati sui contenuti del rapporto hanno riferito al New York Times e alla CNN che il governo non ha trovato prove che gli “oggetti volanti non identificati” siano astronavi aliene, ma non ha raggiunto una conclusione definitiva su cosa questi “UFO” siano.

Gli esperti concordano sul fatto che sia improbabile che i fenomeni aerei abbiano origine aliena, ma molti credono che esista una vita aliena intelligente.



La maggior parte degli astronomi è dell’idea che essa (la vita intelligente) esista da qualche parte nell’universo“, ha detto l’astrofisico dell’Università di Manchester Christopher Conselice. “E se esistesse, quanto può essere comune la vita intelligente? O la vita super intelligente?

Ecco cosa pensano gli esperti e come cercano una vita intelligente.

“Estremamente improbabile” che gli alieni stiano visitando la Terra

Diversi piloti della Marina degli Stati Uniti hanno riferito di aver visto fenomeni aerei non identificati  nello spazio aereo americano negli ultimi anni e i massimi funzionari dell’intelligence e dell’esercito dovrebbero rilasciare un rapporto del Congresso questo mese sull’argomento.

Il rapporto sui fenomeni aerei non identificati è davvero importante perché queste sono certamente cose che le persone hanno visto“, ha detto Conselice. “Penso, però, che sia estremamente improbabile che siano gli alieni a visitare la Terra, anche se questa è la teoria più eccitante, naturalmente“.

Conselice ha affermato di sospettare che i rapporti corrispondano a “strani riflessi” o “fenomeni atmosferici“.

Secondo il Times, funzionari governativi avrebbero affermato che il rapporto dell’intelligence non collega la maggior parte degli oltre 120 incidenti dei fenomeni avvenuti negli ultimi due decenni ad alieni, all’esercito americano o ad altre tecnologie sperimentali avanzate del governo.

La CNN ha riferito che i risultati dell’indagine lasciano aperta la possibilità che questi oggetti volanti siano stati creati da altri paesi, come la Cina o la Russia.

Solo perché questi oggetti non sono identificati, è “un salto ingiustificato” pensare che gli alieni siano coinvolti, ha detto Adam Frank, professore di fisica e astronomia all’Università di Rochester.

Non c’è niente in questi video (di UFO) dal punto di vista di uno scienziato che sia strabiliante“, ha detto Frank.

Jack Singal, un astrofisico e professore associato di fisica presso l’Università di Richmond, ha avvertito gli scienziati di mantenere “un adeguato livello di scetticismo“.

Oggi più che mai, video e fotografie possono essere modificati in modo ingannevole e la disinformazione può diffondersi attraverso i social media a macchia d’olio“, ha affermato Singal. “Anche solo perché qualcosa nel cielo è strano, non significa necessariamente che provenga da un altro pianeta“.

Ma questo non significa che i ricercatori non stiano cercando.

Il momento più emozionante nella storia della ricerca della vita intelligente

Per decenni, i ricercatori della Search for Extraterrestrial Intelligence, o SETI, hanno utilizzato i radiotelescopi per cercare segnali dallo spazio. Ma negli ultimi cinque anni, un’impennata nella scoperta di esopianeti – pianeti oltre il nostro sistema solare – ha rivitalizzato il campo.

Negli ultimi 25 anni, i ricercatori hanno scoperto più di 4.000 esopianeti, inclusi alcuni pianeti simili alla Terra che potrebbero avere il potenziale per ospitare la vita.

Nel 2019, i ricercatori, utilizzando i dati ottenuti dal telescopio spaziale Hubble, hanno rilevato il vapore acqueo nell’atmosfera di un altro pianeta con temperature che potrebbero sostenere la vita.

C’è molto da fare con la ricerca di pianeti simili alla Terra e le persone stanno iniziando a trovare queste cose“, ha detto Conselice. “Ma anche se trovi un pianeta simile alla Terra, non significa che ci sia vita sul pianeta o vita intelligente“.

È qui che entrano in gioco le “firme tecnologiche“.

Le firme tecnologiche, o technosignatures, sono la prova che si cerca per individuare l’esistenza di tecnologie aliene avanzate, come l’inquinamento industriale di atmosfere, satelliti, luci della città, pannelli solari e altro. L’anno scorso, per la prima volta in più di tre decenni, i ricercatori hanno  ricevuto fondi dalla NASA per la ricerca di vita intelligente tramite queste firme tecnologiche.

Il nostro compito è dire, ‘questa banda di lunghezze d’onda è dove potresti vedere certi tipi di inquinanti, questa banda di lunghezze d’onda è dove vedresti la luce solare riflessa dai pannelli solari’“, ha detto Frank all’epoca. “In questo modo gli astronomi che osservano un esopianeta lontano sapranno dove e cosa cercare se stanno cercando tecnofirme“.

I ricercatori ritengono che, sebbene la vita possa apparire in molte forme, i principi scientifici – come l’evoluzione e la necessità dell’acqua – rimangono gli stessi e le tecnofirme sulla Terra saranno in qualche modo identificabili anche al di fuori del sistema solare, secondo una dichiarazione dello scorso anno da uno dei beneficiari della sovvenzione, il Center for Astrophysics, una collaborazione tra lo Smithsonian Astrophysical Observatory e l’Harvard College Observatory.

Siamo nel momento più emozionante nella storia della ricerca della vita intelligente“, ha detto Frank. “Ora sappiamo dove e come cercarla“.

L’anno scorso, Conselice è stato co-autore di uno studio pubblicato sull’Astrophysical Journal, che stima che potrebbero esserci 36 civiltà intelligenti in tutta la nostra galassia, la Via Lattea, supponendo che occorrano 5 miliardi di anni affinché la vita intelligente si formi su altri pianeti, come sulla Terra.

Queste civiltà, tuttavia, sarebbero distanti tra loro in media circa 17.000 anni luce, rendendo praticamente impossibile trovarle e parlare con loro con la tecnologia odierna, secondo Conselice. Un anno luce corrisponde a circa 9 trilioni di chilometri.

Quando hai la tecnologia per emettere questo tipo di segnale nello spazio, hai anche la tecnologia per distruggere te stesso“, ha detto Conselice.

La ricerca di Conselice suggerisce che la ricerca di civiltà intelligenti extraterrestri non solo rivela come si forma la vita, ma ci fornisce anche indizi su quanto durerà la nostra stessa civiltà.

Lo studio ha affermato che il numero di civiltà è in funzione del tempo durante il quale queste tecnologie sarebbero in grado di inviare segnali della loro esistenza nello spazio, come le trasmissioni radio dai satelliti e dalla televisione. Se altre civiltà tecnologiche durano almeno quanto la nostra, che ha 100 anni, allora ci sarebbero ben 36 civiltà tecniche intelligenti in tutta la galassia.

Mentre alcuni scienziati credono che non abbiamo ancora rilevato la vita intelligente perché è più rara di quanto pensiamo o perché i nostri metodi sono imperfetti, Conselice non è così ottimista.

Penso che possiamo escludere che gli alieni ci visitino perché significherebbe sicuramente che la vita media di una civiltà nella galassia sia molto lunga, il che significa che ce ne sarebbero molte più di quanto pensiamo, e qualcuno ci avrebbe visitato ormai“, ha detto.

La soluzione del paradosso di Fermi è che non sopravvivi come specie per molto tempo. Ma ‘molto lungo’ potrebbe essere un milione di anni. Su scala cosmica è solo un lampo di tempo“.

2