Giulia Cecchettin, in un video l’aggressione: “Rincorsa e caricata in auto esanime”

0
31
Indice

(Adnkronos) –
È in un video di una telecamera di videosorveglianza la possibile soluzione a sei giorni di mistero. Sei giorni da quando Giulia Cecchettin, 22 anni, è scomparsa da Vigonovo, in provincia di Venezia, insieme al suo ex fidanzato Filippo Turetta oggi formalmente indagato con l'accusa di tentato omicidio con l'aggravante di aver commesso il fatto nei confronti di una persona con la quale era legato da una relazione affettiva.  Nel filmato si vedono i due ragazzi impegnati in una colluttazione durante la quale Giulia viene ferita e perde sangue. Filippo, coetaneo della vittima, scrivono gli inquirenti nelle carte giudiziarie visionate dall'Adnkronos, “poneva in essere atti idonei e diretti in modo non equivoco a cagionare la morte colpendola nuovamente al fine di evitare che la stessa fuggisse”.  Dopo aver colpito Giulia con calci mentre si trovava a terra, tanto da farle gridare 'mi fai male' invocando aiuto, Turettaviene ripreso mentre si sposta insieme alla ex in un'altra area con la propria auto, dalla quale la 22enne fugge. Rincorsa, viene colpita alle spalle da Turetta, che l’aggredisce violentemente, provocandone la caduta, per impedire che si allontanasse "e producendole, quale conseguenza della propria azione – si legge – ulteriori ferite e ulteriori copiosi sanguinamenti, che determinavano che la parte offesa rimanesse a terra apparentemente esanime mentre il Turetta caricava il suo corpo nella propria auto, allontanandosi dal luogo dei fatti e rendendosi immediatamente irreperibile".  Il 22enne, che mai aveva accettato la decisione della coetanea di troncare la loro relazione, è ancora ricercato. Non solo in Italia. (di Silvia Mancinelli)  —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

2