10.4 C
Rome
giovedì, Dicembre 1, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaIl telescopio FAST rileva l'intensità del campo magnetico in una nuvola molecolare

Il telescopio FAST rileva l’intensità del campo magnetico in una nuvola molecolare

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Un team di ricercatori del National Astronomical Observatories, Chinese Academy of Sciences (NAOC), ha misurato con successo l’intensità del campo magnetico nella nuvola molecolare L1544.

Questa è un’area del mezzo interstellare che sembra essere matura per la formazione stellare, ed è fondamentalmente un asilo nido per centinaia di piccole stelle. Il risultato è stato reso possibile dal radiotelescopio cinese ad apertura sferica da cinquecento metri (FAST) e dal gruppo di ricerca che utilizza la cosiddetta tecnica HI ​​Narrow Self-Absorption (HINSA), presentata per la prima volta nel 2003 dal Dr. Di Li, che ha anche guidato questo progetto, e Paul Goldsmith, sulla base dei dati di Arecibo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’intensità del campo magnetico di L1544 è circa 6 milioni di volte inferiore a quello della Terra

Gli scienziati hanno scoperto una firma atomica di idrogeno chiamata HINSA negli spettri delle nubi molecolari due decenni fa, creata da atomi di idrogeno raffreddati da collisioni con molecole di idrogeno. Di conseguenza, per HINSA, l’effetto Zeeman, che è la scissione di una riga spettrale in numerose componenti di frequenza in presenza di un campo magnetico, è stato identificato come una promettente sonda del campo magnetico nelle nuvole molecolari.

La sensibilità di FAST ha consentito una chiara osservazione dell’effetto Zeeman e i risultati, pubblicati giovedì sulla rivista Nature, indicano che tali nubi raggiungono uno stato supercritico, preparato per il collasso, prima di quanto previsto dai modelli standard.

Si stima che l’intensità del campo magnetico di L1544 sia di circa 4 Gauss, o 6 milioni di volte inferiore a quella della Terra, secondo le misurazioni HINSA di FAST. Un’indagine combinata sull’assorbimento dei quasar e sull’emissione di idrossili ha rivelato una struttura coerente del campo magnetico con orientamento e grandezza identici in tutto il mezzo neutro freddo, l’involucro molecolare e il nucleo denso.

Il fatto che l’intensità del campo magnetico non fosse più forte rispetto allo strato esterno è importante, poiché “Se la teoria standard funziona, il campo magnetico deve essere molto più forte per resistere a un aumento di 100 volte della densità delle nuvole, e ciò non è stato così”, ha spiegato Di Li.

E, secondo Paola Caselli del Max Planck Institute for Extraterrestrial Physics, che non faceva parte della ricerca, questa è una “affermazione molto grande” che potrebbe alterare drasticamente il modo in cui vediamo la formazione stellare perché “il documento sostanzialmente dice che la gravità vince nella nuvola: è lì che iniziano a formarsi le stelle, non nel nucleo denso”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Articoli più letti