Gli esseri umani possono sopravvivere ad oltranza nello spazio profondo?

È possibile per gli esseri umani sopravvivere a lungo nello spazio profondo? La risposta è probabilmente si

0
972
Gli esseri umani possono sopravvivere a lungo nello spazio profondo?
Gli esseri umani possono sopravvivere a lungo nello spazio profondo?

[tta_listen_btn]

È possibile per gli esseri umani sopravvivere a lungo nello spazio profondo? La risposta è probabilmente si, secondo una nuova teoria che delinea le complesse sfide di mantenere la gravità e l’ossigeno, garantire l’acqua, coltivare il cibo e gestire i rifiuti pur essendo distanti dalla Terra.

Una nuova teoria suggerisce che un’abitazione umana di successo a lungo termine nello spazio profondo richieda un ecosistema simile alla Terra che si autoripristini per sostenere la tecnologia, le infrastrutture e la società. Gli elementi cruciali includono la replica dell’1G di gravità terrestre e il mantenimento di un affidabile approvvigionamento di ossigeno, disponibilità di acqua, gestione dei rifiuti e un sistema agricolo funzionante, tutti elementi che richiedono un’energia sostanziale probabilmente maggiore delle nostre attuali capacità.

La teoria di Pancosmorio

Soprannominata la teoria di Pancosmorio – una parola coniata per significare “tutto il limite del mondo” – è stata descritta in un articolo pubblicato su Frontiers in Astronomy and Space Sciences.

“Affinché gli esseri umani possano sostenere se stessi e tutta la loro tecnologia, infrastruttura e società nello spazio, hanno bisogno di un ecosistema naturale che si autoripristini, simile alla Terra, per sostenerli”, ha affermato il coautore dello studio Morgan Irons, uno studente di dottorato che conduce ricerche con Johannes Lehmann, professore alla School of Integrative Plant Science della Cornell University. Il suo lavoro si concentra sulla persistenza del carbonio organico nel suolo sotto la gravità terrestre e in condizioni di gravità variabile. “Senza questo tipo di sistemi, la missione fallirebbe”, ha aggiunto.

La prima chiave è la gravità, di cui la vita terrestre ha bisogno per funzionare correttamente, ha affermato Lee Irons, padre di Morgan Irons e direttore esecutivo del Norfolk Institute, un gruppo che mira a risolvere i problemi di resilienza umana sulla Terra e nello spazio.



“La gravità induce un gradiente nella pressione del fluido all’interno del corpo dell’essere vivente a cui sono sintonizzate le funzioni autonome della forma di vita”, ha detto. “Un esempio di squilibrio gravitazionale sarebbe l’effetto negativo sulla vista degli esseri umani in orbita terrestre, dove non subiscono il peso necessario per indurre il gradiente di pressione”.

Morgan Irons ha affermato che non sarebbe saggio spendere miliardi di dollari per creare un insediamento spaziale solo per vederlo fallire poiché anche con tutti gli altri sistemi in atto, è necessaria la gravità.

Gli esseri umani e tutta la vita terrestre si sono evoluti nel contesto di 1G di gravità. “I nostri corpi, i nostri ecosistemi naturali, tutto il movimento energetico e il modo in cui utilizziamo l’energia sono tutti fondamentalmente basati sulla presenza di 1G di gravità”, ha dichiarato. “Non c’è nessun altro posto nello spazio dove c’è 1G di gravità; semplicemente non esiste da nessun’altra parte nel nostro sistema solare. Questo è uno dei primi problemi che dobbiamo risolvere”, ha aggiunto.

L’ossigeno è un altro fattore chiave. L’ecosistema terrestre genera ossigeno per gli esseri umani e altre forme di vita. Se un sistema primario tecnologicamente avanzato e un sistema di riserva non riuscissero a fornire ossigeno alla base lunare, per esempio, significherebbe la rovina immediata per gli astronauti. “Una riserva di ossigeno esiste ovunque nella natura della Terra”, ha detto Lee Irons. “Pensate alle centinaia di migliaia di specie di piante che generano ossigeno. Questo è il tipo di riserva di sistema che dobbiamo replicare per essere veramente sostenibili nello spazio”.

Un tale sistema ecologico di avamposto avrebbe bisogno di un’enorme quantità di energia dal Sole. I pianeti e le lune più distanti dal Sole nel nostro sistema solare ricevono una minore quantità di energia.

“Gli esseri umani avrebbero bisogno di molta energia per vivere e resistere nello spazio”, ha affermato Lee Irons. “Altrimenti alimentare il sistema ecologico di un avamposto sarebbe come cercar di far funzionare la tua auto con la batteria di un telefono cellulare o probabilmente anche peggio, cercare di far funzionare tutta la tua casa con la batteria di un telefono cellulare”, ha concluso.

Fonte: Astronomy and Space Sciences

2