Esoscheletri militari, la supremazia tecnologica russa

Mentre il GI americano medio non emulerà Tony Stark molto presto, la sua controparte russa sta già beneficiando della tecnologia dell'esoscheletro. In questa gara di tecnologia militare, i russi sono in vantaggio con una tecnologia modesta ma efficace

68851

Sulla scia di un altro tentativo degli Stati Uniti di costruire un’armatura potenziata in stile Iron Man che si è schiantata e bruciata, alcuni commentatori hanno concluso che gli esoscheletri militari saranno sempre fantascienza. Tuttavia, mentre il GI medio non emulerà Tony Stark molto presto, la sua controparte russa sta già beneficiando della tecnologia dell’esoscheletro. In questa gara di tecnologia militare, i russi sono in vantaggio con una tecnologia modesta ma efficace.

Gli esoscheletri russi, chiamati tute da combattimento Ratnik (“Guerriero”), sono costruiti dall’Istituto centrale di ricerca per la costruzione di macchine di precisione, noto con l’abbreviazione russa di TSNIITOCHMASH, parte del gigante della difesa ROSTEC. La versione iniziale del Ratnik è un esoscheletro non alimentato che toglie il carico al soldato e si dice che consenta di effettuare marce e assalti prolungati trasportando oltre 45 chili.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gli esoscheletri non alimentati o passivi tolgono il peso a chi lo indossa e utilizzano molle o altri dispositivi per immagazzinare e rilasciare energia. Si afferma che riducano il lavoro della schiena e delle spalle, diminuiscano la fatica e aumentino la produttività. Poiché non richiedono un alimentatore, non soffrono di molte delle complesse sfide tecniche delle armature potenziate come il fallito TALOS americano e non lasciano in panne chi li indossa a causa delle batterie scariche dopo poche ore.

La sfida principale consiste nella scelta dei materiali per gli esoscheletri. Dovrebbero essere sia resistenti che leggeri“, ha spiegato in un’intervista a Forbes Albert Bakov, CEO di TSNIITOCHMASH. Bakov non ha fornito dettagli, ma altre fonti suggeriscono che la versione attuale sia realizzata con un composito in fibra di carbonio.

Bakov ritiene che alla fine sarà possibile realizzare una versione potenziata ma non pensa che la tecnologia attuale sia all’altezza del compito. “Non è stata ancora sviluppata una batteria della capacità e delle dimensioni richieste“, ha spiegato.

Una prima versione dell’esoscheletro di Ratnik, noto come EO-1, è stata sottoposta a numerosi test, incluso l’utilizzo da parte degli ingegneri nei combattimenti sul campo in Siria nel 2017. Ironia della sorte, questo era necessario a causa del peso dell’elettronica russa trasportata dagli operatori che utilizzavano il robot di sminamento Uran-6.

Gli operatori dell’Uran-6 devono portare una pesante console di comando e controllo sul petto“, spiega Samuel Bendett, consigliere del programma Russia del think tank CNA, specializzato in sistemi militari russi senza pilota. La scatola di controllo pesa quasi venti chili, ma con l’aiuto dell’esoscheletro gli operatori sono stati in grado di muoversi rapidamente a piedi senza difficoltà, e potevano sedersi o sdraiarsi e alzarsi senza sforzi eccessivi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’esoscheletro è una misura perfetta da mettere subito in campo per soddisfare la domanda del combattente“, ha affermato Bendett.

Si dice che l’esoscheletro sia completamente intuitivo da usare. Ci vogliono solo un paio di minuti per indossarlo e, in caso di problemi, può essere dismesso in un attimo. Secondo una fonte, costa circa $ 3.500 per unità. Oltre a permettere di trasportare attrezzature pesanti, l’esoscheletro può anche fungere da supporto per le armi.

Il design dell’esoscheletro con la ‘terza mano’ garantisce la possibilità di utilizzare armi più pesanti e potenti, come una mitragliatrice, utilizzando una mano sola“, afferma Bakov.

I fan di Aliens riconosceranno immediatamente la somiglianza con la mitragliatrice della squadra M56 Smartgun montata sull’imbracatura, e il concetto è lo stesso. Le truppe russe con esoscheletri non alimentati saranno in grado di trasportare ed utilizzare armi più pesanti, con un carico maggiore di munizioni, rispetto agli avversari privi di tecnologia.

Bendett dice che gli sviluppatori russi hanno escogitato vari schemi fantasiosi per potenziare l’esoscheletro, aggiungendo di tutto, dal camaleonte mimetico ai micro-droni. Una versione di terza generazione nota come Sotnik (“Centurion / Commander”) è stata promessa per il 2025. Ma sono realistici quando si tratta di ciò che può essere effettivamente raggiunto.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Non avremo un esoscheletro attivo con servomotori domani, e nemmeno dopodomani. Questa è fantascienza“, ha dichiarato al quotidiano russo RIA Novosti Sergei Smagluk, del team di progettazione di EO-1 . Aggiunge che non appena sarà disponibile una fonte di alimentazione adeguata, si creerà un boom nello sviluppo di esoscheletri, che la sua azienda è ben posizionata per guidare.

Nel frattempo, continuano i miglioramenti incrementali della versione non alimentata, con diverse centinaia di set già ordinati o già in servizio. L’EO-1 potrebbe non essere spettacolare rispetto alla visione di un’armatura potenziata invincibile promessa da TALOS dallo Special Warfare Development Group della US Navy. Ma mentre la tuta da combattimento TALOS, annunciata per la prima volta nel 2013, non ha avuto successo, i russi hanno un trampolino di lancio per il livello successivo. Stanno acquisendo esperienza pratica su ciò che può fare un soldato potenziato e quali sono i requisiti per la prossima generazione.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Progetti ambiziosi che mirano a fornire nuove capacità radicali potrebbero attrarre più facilmente finanziamenti nell’ecosistema del Pentagono. Con l’approccio passo passo russo può avere i suoi vantaggi.

Fonte: Forbes