Troppo esercizio fisico aumenta il rischio di sviluppare la SLA?

Un recente studio esamina se un'intensa attività fisica sia un fattore di rischio nello sviluppare la sclerosi laterale amiotrofica (SLA), suggerendo che il rischio dipende dal tipo di attività vigorosa che si svolge nel corso della propria vita

0
1618

Un recente studio esamina se un’intensa attività fisica sia un fattore di rischio nello sviluppare la sclerosi laterale amiotrofica (SLA), suggerendo che il rischio dipende dal tipo e dall’intensità dell’attività che si svolge nel corso della propria vita. La ricerca è stata pubblicata il 20 ottobre 2021, nella sezione di Neurologia ® della rivista medica American Academy of Neurology.

La SLA è una malattia neurodegenerativa rara e progressiva

La SLA è una malattia neurodegenerativa rara e progressiva che colpisce le cellule nervose del cervello e del midollo spinale. Le persone con SLA perdono la capacità di avviare e controllare il movimento muscolare, che spesso porta alla paralisi totale e alla morte. La durata media della vita dopo la diagnosi va dai due ai cinque anni.

“La buona notizia è che i nostri risultati forniscono ulteriori prove del fatto che l’attività fisica che si fa fuori orario, come camminare e andare in bicicletta, non sembra essere un fattore di rischio per la SLA”, ha detto l’autore dello studio Angela Rosenbohm, MD, dell’Università di Ulm in Germania.

“Tuttavia, abbiamo riscontrato un aumento del rischio quando abbiamo osservato un’intensa attività fisica che si svolge durante l’orario di lavoro, ad esempio in occupazioni come agricoltore, operaio siderurgico o muratore. Sebbene non abbiamo dimostrato che questo tipo di attività fisica sia una causa della SLA, l’associazione potrebbe essere dovuta a movimenti ripetitivi sul lavoro o potrebbe essere dovuta ad altri fattori come l’esposizione a sostanze chimiche o inquinamento”.

Lo studio ha coinvolto 393 persone a cui era stata recentemente diagnosticata la SLA e 791 persone abbinate per età e sesso che non avevano la SLA.



I partecipanti hanno compilato un questionario sul tipo e la quantità di lavoro e attività del tempo libero che hanno ottenuto a 20, 30, 40, 50 e 60 anni. I punteggi del questionario sono stati espressi come equivalenti metabolici (MET), che sono un modo per quantificare il dispendio energetico.

 I partecipanti hanno stimato la quantità e l’intensità dell’attività fisica sia al lavoro che nel tempo libero in due categorie. La prima, attività sudata, includeva sport o lavori fisici pesanti. Per ogni ora di questa intensa attività, i ricercatori hanno assegnato otto MET. La seconda categoria, attività leggera, comprendeva camminare, andare in bicicletta e attività fisica leggera, a cui erano stati assegnati tre MET. I ricercatori hanno calcolato le ore MET a settimana di attività fisica per tutti i partecipanti sia al lavoro che durante il tempo libero.

I ricercatori hanno scoperto che tra tutti i partecipanti allo studio, l’attività fisica totale non era associata al rischio di SLA quando si osservavano i livelli di attività fino a cinque anni prima dell’inizio dello studio. Entrambe le persone con e senza SLA avevano un livello medio di attività fisica totale di 17-18 ore MET a settimana.

I ricercatori hanno scoperto che le persone con SLA hanno mostrato un forte calo dell’attività fisica nei cinque anni precedenti la diagnosi. Rosenbohm ha affermato che questo risultato suggerisce che la SLA potrebbe iniziare anni prima che compaiano i primi sintomi.

I ricercatori hanno scoperto che un’attività fisica pesante sul lavoro era associata a quasi il doppio del rischio di sviluppare la SLA. Non c’è stato un aumento del rischio per le persone con attività fisica leggera sul posto di lavoro. Un totale del 22% delle persone con SLA aveva un lavoro con un’attività fisica pesante, rispetto al 13% di quelle senza SLA. I risultati sono stati gli stessi quando i ricercatori si sono adeguati ad altri fattori che potrebbero influenzare il rischio, come l’età, il sesso e il fumo. Rosenbohm osserva che la SLA è estremamente rara, quindi le persone con lavori con attività fisica pesante hanno ancora un basso rischio di sviluppare la malattia.

Osservando la sopravvivenza nelle persone con SLA, i ricercatori hanno scoperto che coloro che erano completamente inattivi all’inizio dello studio e quelli con i livelli di attività più alti, circa 25 ore MET a settimana, o l’equivalente di andare in bicicletta o camminare per circa cinque ore al settimana, ha avuto i tempi di sopravvivenza più bassi dopo la diagnosi di SLA. Il tempo medio di sopravvivenza dopo la diagnosi per il gruppo inattivo è stato di 15,4 mesi e di 19,3 mesi per il gruppo con i livelli di attività più alti.

I ricercatori hanno scoperto che il più alto tasso di sopravvivenza medio era associato a 11 ore di MET a settimana, che è l’equivalente di andare in bicicletta o camminare per due ore a settimana. Le persone con SLA che hanno fatto una media di quella quantità di attività fisica all’inizio dello studio hanno vissuto in media 29,8 mesi dopo la diagnosi.

“Abbiamo scoperto che livelli di attività più elevati possono influenzare negativamente i tassi di sopravvivenza nelle persone con nuova diagnosi di SLA”, ha detto Rosenbohm“Il messaggio qui è che l’esercizio moderato è ancora il migliore, anche dopo l’inizio dei sintomi della malattia”.

Un limite dello studio è che le persone potrebbero aver ricordato in modo impreciso il tipo e l’intensità della loro attività fisica nel corso della loro vita.

2