Diffusione della Covid-19? Colpa dell’uomo di Neanderthal

Recenti ricerche hanno dimostrato che il DNA di Neanderthal può svolgere una forte influenza sulla salute umana e avere un ruolo determinante nel corso dell'infezione da Covid-19

0
2440

I primi esseri umani moderni hanno avuto origine in Africa e hanno iniziato a diffondersi in tutto il mondo circa 80.000 anni fa. Durante il loro viaggio, si imbatterono in altri antichi umani, inclusi i Neanderthal, che avevano già popolato l’Europa e parti dell’Asia. Alcuni di loro si unirono dando alla luce nuovi bambini. Noi siamo frutto di quegli incontri, e discendiamo da quelle nuove carature nate migliaia e migliaia di anni fa. Il DNA umano dei giorni nostri porta infatti ancora gli echi di questi incontri sessuali preistorici.

La prova dell’ “incrocio” nel 2010

La prova che l’Homo sapiens si è incrociato con i Neanderthal è emersa per la prima volta nel 2010, dopo che il genetista svedese Svante Pääbo ha sperimentato metodi per estrarre, sequenziare e analizzare il DNA antico dalle ossa di Neanderthal. Pääbo ha mappato l’intero genoma di Neanderthal e, grazie al suo lavoro, gli scienziati possono confrontare i genomi di Neanderthal con le registrazioni genetiche degli esseri umani oggi.

La maggior parte delle persone viventi può far risalire una percentuale molto piccola del proprio DNA ai Neanderthal, e questo probabilmente include gli africani, che fino a poco tempo fa si pensava non avessero alcun legame genetico con i Neanderthal .

Il DNA di Neanderthal ci influenza non solo nell’infezione da COVID-19

Gli scienziati hanno cercato di capire cosa significhi questa eredità genetica. La ricerca ha trovato collegamenti tra il DNA di Neanderthal e la fertilità, il modo in cui le persone provano dolore, e la funzionalità del sistema immunitario. Il DNA di Neanderthal può influenzare il tono della pelle e il colore dei capelli, l’altezza, le abitudini del sonno, l’umore e persino la dipendenza negli europei di oggi

Inoltre, recenti ricerche hanno dimostrato che il DNA di Neanderthal può svolgere un piccolo ruolo nell’influenzare il corso dell’infezione da Covid-19 .



È emozionante per noi scoprire che i Neanderthal avevano cose importanti per noi 50.000 anni dopo la loro estinzione“, ha detto Pääbo, direttore del Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology di Lipsia, in Germania, che ha studiato il DNA di Neanderthal per tre decenni.

Pääbo e il suo team hanno dunque rivolto la loro attenzione alla preoccupazione più pressante della scienza medica, la pandemia di coronavirus, per vedere se il DNA di Neanderthal può far luce su Covid-19.

Gli scienziati hanno esaminato un filamento di DNA che è stato associato ad alcuni dei casi più gravi di Covid-19 e lo hanno confrontato con sequenze genetiche note per essere state tramandate agli europei, e agli asiatici viventi, dagli antenati di Neanderthal. Il filamento di DNA di Neanderthal si trova sul cromosoma 3. Un team di ricercatori in Europa ha collegato alcune variazioni in questa sequenza con il rischio di ammalarsi più gravemente se infettati da Covid-19.

Lo studio ha rivelato notevoli differenze nella diffusione del virus

Abbiamo lavorato per 25 anni sui genomi di Neanderthal, e improvvisamente sembrano molto rilevanti per una grande emergenza medica. È stata davvero una enorme sorpresa“, ha dichiarato Pääbo. Lo studio ha anche rivelato notevoli differenze nella diffusione di questa variante del rischio genetico in diverse parti del mondo. È particolarmente comune tra le persone nell’Asia meridionale, dove circa la metà della popolazione porta la variante di rischio di Neanderthal. In Europa, una persona su sei porta la variante di rischio, mentre in Africa e nell’Asia orientale è quasi inesistente.

I test del DNA commerciali possono dirti quale percentuale del tuo DNA è di Neanderthal. Tuttavia, non è qualcosa di cui le persone devono preoccuparsi quando si tratta del rischio di Covid-19 e di altre malattie e tratti associati al DNA di Neanderthal.

Non possiamo incolpare i Neanderthal per Covid. Questa è una risposta dannosa, ed è per questo che voglio sottolineare così tanto che i fattori sociali e ambientali sono le cose reali di cui le persone dovrebbero preoccuparsi“, ha detto Tony Capra, genetista dell’Università della California, Bakar Computational Health Sciences Institute di San Francisco.

Collegamenti tra il DNA di Neanderthal e disturbi psichiatrici

Come genetista, Capra pensa che sia importante conoscere la storia evolutiva delle varianti genetiche che troviamo e che hanno effetti sui tratti. Gli effetti dei tratti del DNA di Neanderthal sono rilevabili, ma sono modesti.

Lo studioso ha detto che il suo lavoro ha trovato collegamenti tra il DNA di Neanderthal e disturbi psichiatrici come la depressione e la dipendenza.

Abbiamo trovato associazioni con malattie neuropsichiatriche sensibili e dipendenza (e varianti del gene di Neanderthal)“, ha spiegato il professore.

La consanguineità potrebbe aver contribuito all’estinzione dei Neanderthal

Gli scienziati sono in grado di cercare collegamenti confrontando il DNA di Neanderthal, con le informazioni sugli esseri umani viventi, estratte da grandi biobanche. utilizzate per la ricerca medica, che contengono informazioni sul trucco genetico di un individuo e altri dettagli nelle loro cartelle cliniche.

Per questi grandi studi, la biobanca britannica è la più grande, ci studiano centinaia di migliaia di persone. Questo può rendere più facile lo studio“, ha detto Pääbo.

Mentre molti collegamenti tra il DNA di Neanderthal e i tratti caratteristici sono in gran parte di interesse accademico, alcuni possono avere conseguenze mediche in termini di identificazione delle persone a rischio di malattia o indicando trattamenti futuri.

Uno studio sui dati di 244 mila donne

In uno dei suoi ultimi studi, pubblicato all’inizio di quest’anno , Pääbo ei suoi collaboratori hanno analizzato i dati di 244.000 donne nella biobanca del Regno Unito e hanno scoperto che le donne portatrici di una variante genetica ereditata dai Neanderthal avevano meno probabilità di subire aborti spontanei o sanguinare durante la gravidanza. Lo studio ha inoltre rivelato che queste donne avevano anche famiglie più numerose.

La successiva analisi molecolare ha rivelato che queste donne hanno prodotto più recettori del progesterone nelle loro cellule, il che può portare a una maggiore sensibilità al progesterone e alla protezione contro aborti spontanei e sanguinamento precoce.

Il recettore del progesterone è un esempio di come varianti genetiche favorevoli che sono state introdotte negli esseri umani moderni mescolando con i Neanderthal possono avere effetti sulle persone che vivono oggi“, ha detto Hugo Zeberg, ricercatore presso il dipartimento di neuroscienze del Karolinska Institute di Stoccolma e del Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology, che ha condotto lo studio con Pääbo.

Chi erano gli uomini di Neanderthal?

Sebbene l’immagine popolare dei Neanderthal sia quella di brutali uomini delle caverne, probabilmente hanno condotto una vita più sofisticata di quanto potrebbero suggerire le raffigurazioni della cultura popolare.

I Neanderthal hanno camminato sulla Terra per un periodo di 350.000 anni. Sapevano come sopravvivere in climi freddi e caldi, usavano strumenti e creavano filati, nuotavano e potevano persino aver creato arte .

I ricercatori ritengono che i Neanderthal si siano sovrapposti geograficamente agli esseri umani moderni per un periodo di oltre 30.000 anni dopo che gli esseri umani migrarono dall’Africa, e prima che i Neanderthal si estinguessero. circa 40.000 anni fa, sebbene alcuni scienziati ritengano che potrebbe essere solo 6.000 anni di sovrapposizione. A volte, quando i due gruppi si incontravano, si univano e nascevano nuovi bambini. La frequenza con cui i Neanderthal e l’Homo sapiens hanno avuto rapporti sessuali e bambini non è chiaro, ma probabilmente c’erano più periodi di incroci.

Inizialmente, questi geni di Neanderthal avrebbero potuto dare ai primi esseri umani moderni un vantaggio evolutivo quando sono migrati a nord in Europa e in Asia, secondo il professor Capra. Queste persone avrebbero incontrato climi, modelli di esposizione al sole, diete e, cosa più importante, diversi agenti patogeni.

I geni di Neanderthal che rimangono in alcuni DNA umano oggi tendono a influenzare il funzionamento del sistema immunitario e i tratti dei capelli e della pelle, come il colore dei capelli, la tendenza alla calvizie e la capacità della pelle di abbronzarsi. “Questi due sistemi, i capelli, la pelle e il sistema immunitario, sono fondamentali per l’adattamento a nuovi ambienti“, ha affermato lo studioso.

Come sono giunti fino a noi i geni dei Neanderthal

I Neanderthal avevano vissuto in quei luoghi per centinaia di migliaia di anni prima che qualsiasi essere umano anatomicamente moderno arrivasse lì. Quindi l’incrocio con i Neanderthal potrebbe essere stato un modo per ottenere quei geni preadattati“, ha detto Tony Capra, genetista dell’Università della California.

Il genetista ha dunque spiegato che ad ogni generazione questi geni mutavano ed alcuni sono scomparsi nel tempo, ma altre varianti sono aumentate fino a diventare abbastanza comuni da diventare parte della firma genetica della popolazione umana. Quelli che sono persistiti, ritengono gli scienziati, possono conferire alcuni benefici agli esseri umani oggi. Ci sono molte informazioni in ciò che rimane. Non è sicuramente casuale“, ha detto Capra.

Il campo è limitato dalla mancanza di biobanche etnicamente diverse , poiché la maggior parte dei database genomici si concentra sugli europei occidentali. Inoltre, ci sono solo tre genomi di Neanderthal completi, sebbene ci siano molti altri individui di Neanderthal per i quali gli scienziati hanno alcuni dati genetici.

I ricercatori stanno anche esaminando i benefici che il DNA di altri primi esseri umani potrebbe avere sulla salute degli esseri umani moderni.

Chi erano i Denisoviani?

Molto meno si sa dei Denisoviani, un altro misterioso gruppo di antichi umani, perché i ricercatori hanno trovato solo pochissimi fossili, principalmente in una grotta siberiana, sebbene il DNA più recente trovato nei sedimenti (probabilmente da feci o urina) abbia suggerito che viaggiassero.

È anche probabile che i primi esseri umani moderni si siano incrociati con questi Denisovani. Le prime ricerche hanno suggerito che questo potrebbe aver conferito benefici genetici che hanno aiutato i tibetani moderni ad adattarsi alla vita ad alta quota attraverso una variante di un gene che aiuta i globuli rossi a utilizzare l’ossigeno in modo più efficiente.

Siamo solo naturalmente affascinati da queste cose che sono successe nella storia della nostra specie che hanno plasmato la diversità degli esseri umani, e questo è ciò che guida la mia passione per questa zona“, ha detto Capra.

Fonte: https://edition.cnn.com/2020/12/09/health/neanderthal-genes-human-health-covid19-scn-wellness/index.html

2