David di Michelangelo: la vendita di avvilenti souvenir dei genitali ledono la dignità dell’opera?

Il David di Michelangelo è stata un'opera d'arte di rilievo nella cultura italiana sin dal suo completamento nel 1504, ma nell’attuale era del guadagno facile, i curatori temono che il significato religioso e politico del capolavoro michelangiolesco venga sminuito dalle migliaia di souvenir venduti in giro per Firenze incentrati sui suoi genitali

2
71
David di Michelangelo

Il David di Michelangelo è stata un’opera d’arte di rilievo nella cultura italiana sin dal suo completamento nel 1504, ma nell’attuale era del guadagno facile, i curatori temono che il significato religioso e politico del capolavoro michelangiolesco venga sminuito dalle migliaia di souvenir venduti in giro per Firenze incentrati sui suoi genitali.

David di Michelangelo
David di Michelangelo

Perché è importante tutelare la dignità del David di Michelangelo

La direttrice della Galleria dell’Accademia, Cecilie Hollberg, si è posta come difensore del David di Michelangelo sin dal suo arrivo al museo nel 2015, prendendo di mira coloro che vogliono trarre profitto dalla sua immagine, spesso in modi che lei ha trovato “avvilenti“.

David di Michelangelo
David di Michelangelo

In questo modo, lei stessa è un po’ un David contro il Golia del capitalismo sfrenato e senza scrupoli con il suo esercito di venditori ambulanti e operatori di negozi di souvenir che vendono grembiuli della figura nuda della statua, magliette del David impegnato in gesti osceni e figurine onnipresenti, spesso in versione neo Pop Art.

Per volere di Hollberg, la Procura di Firenze ha avviato una serie di cause legali invocando il codice storico del patrimonio culturale italiano, che protegge i tesori artistici dall‘uso commerciale denigratorio e non autorizzato. Dal 2017 l’Accademia ha ottenuto danni per centinaia di migliaia di euro.

C’è stata una grande gioia in tutto il mondo per questa vittoria davvero unica che siamo riusciti a ottenere, e domande su domande da ogni parte su come abbiamo fatto, per chiedere consigli su come muoversi“, ha dichiarato Hollberg.



David di Michelangelo
David di Michelangelo

Sono seguite azioni legali per proteggere i capolavori conservati in altri musei, tra cui l'”Uomo Vitruviano” di Leonardo, il David di Donatello e la “Nascita di Venere” di Botticelli.

Le sentenze hanno messo in discussione una pratica ampiamente diffusa secondo la quale i diritti di proprietà intellettuale sono protetti per un periodo specifico prima di diventare di dominio pubblico: la vita dell’artista più 70 anni, secondo la Convenzione di Berna firmata da più di 180 paesi tra cui l’Italia.

È stata lesa la libertà di espressione?

Più in generale, le sentenze hanno sollevato la questione se le istituzioni debbano essere gli arbitri del gusto e in che misura la libertà di espressione viene limitata.

Solleva non solo questioni legali, ma anche questioni filosofiche. Cosa significa patrimonio culturale? Quanta stretta volete dare alle istituzioni su idee e immagini che sono di pubblico dominio?’‘, si è chiesto Thomas C. Danziger, un avvocato del mercato dell’arte con sede a New York.

David di Michelangelo
David di Michelangelo, dettagli.

Danziger ha indicato la famosa serie di Andy Warhol ispirata all‘Ultima Cena di Leonardo: “Impedirete ad artisti come Warhol di creare ciò che è un lavoro derivato? Molte persone lo vedrebbero come un furto da parte dei tribunali italiani per controllare e monetizzare opere d’arte di dominio pubblico per le quali non si sarebbe mai dovuto pagare”.

Il codice culturale italiano è insolito nella sua portata, estendendo essenzialmente per sempre il diritto d’autore dell’artista al museo o all’istituzione che lo possiede. Il Vaticano ha protezioni legislative simili sui suoi capolavori e cerca rimedi attraverso il suo sistema giudiziario per qualsiasi riproduzione non autorizzata, incluso per uso commerciale e per danneggiare la dignità di un’opera come il David di Michelangelo.

La legislazione europea

Altrove in Europa, la Grecia ha una legge simile, adottata nel 2020, che richiede un permesso per utilizzare immagini di siti storici o manufatti per uso commerciale e vieta l’uso di immagini che “alterano” o “offendono” i monumenti in qualsiasi modo.

Il museo francese del Louvre, che ospita alcuni capolavori spesso replicati come la “Gioconda” e la Venere di Milo, ha dichiarato che la sua collezione risale per lo più a prima del 1848, il che li rende di dominio pubblico secondo la legge francese.

I casi giudiziari hanno discusso se la legge italiana violi una direttiva dell’Unione Europea del 2019 che afferma che qualsiasi opera d’arte non più protetta dal diritto d’autore cade nel pubblico dominio, il che significa che “tutti dovrebbero essere liberi di creare, utilizzare e condividere copie di quell’opera”.

La Commissione Europea non ha affrontato la questione, ma un portavoce ha dichiarato che sta attualmente verificando: “La conformità delle leggi nazionali che recepiscono la direttiva sul diritto d’autore”, e valuterà se il codice italiano sui beni culturali interferisce con la sua applicazione.

David di Michelangelo
David di Michelangelo

Hollberg ha vinto la sua prima causa contro i bagarini che hanno utilizzato l’immagine del David di Michelangelo per vendere pacchetti d’ingresso maggiorati fuori dalle porte dell’Accademia. Ha anche preso di mira GQ Italia per aver imposto il volto di una modella sul corpo del David, e l’impertinente edizione fiorentina del marchio di moda di lusso Longchamp della sua borsa “Le Pliage” con i dettagli più intimi del David di Michelangelo.

Longchamp ha notato che la rappresentazione “non è priva di ironia” e ha detto che la borsa è stata “un’opportunità per esprimere con divertita leggerezza la forza creativa che ha sempre animato questa meravigliosa città”.

Non importa quante cause legali Hollberg abbia avviato, la proliferazione dei grotteschi souvenir del David di Michelangelo continua.

Mi dispiace che ci sia tanta ignoranza e così poco rispetto nell’utilizzo di un’opera che per secoli è stata decantata per la sua bellezza, per la sua purezza, per i suoi significati, i suoi simboli, per realizzare prodotti di cattivo gusto”, ha aggiunto Hollberg.

Basandosi sul successo di Hollberg e rafforzato dalla tecnologia migliorata dei motori di ricerca, l’entità privata custode dello storico Duomo di Firenze ha iniziato a perseguitare le imprese commerciali che utilizzano la famosa cupola per scopi non autorizzati e talvolta denigratori, compresa la biancheria intima maschile e femminile.

Finora, le lettere di diffida sono state sufficienti per ottenere l’adempimento senza ricorrere ai tribunali, aggiungendo mezzo milione di euro in più all’anno a ricavi che superano i 30 milioni di euro“,ha spiegato Luca Bagnoli, Presidente dell’Associazione Opera di Santa Maria del Fiore.

Siamo generalmente favorevoli alla libertà di espressione artistica“, ha detto Bagnoli: “Quando si tratta di copie reinterpretate, diventa un po’ più difficile capire dove finisce la libertà artistica e iniziano i nostri diritti d’immagine”.

David di Michelangelo
David di Michelangelo, dettaglio.

Il codice del patrimonio culturale italiano nella sua forma attuale è in vigore dal 2004 e, sebbene i casi di Hollberg non siano stati i primi, hanno rappresentato un’accelerazione, hanno dichiarato gli esperti.

La giurisprudenza è ancora in fase di verifica. Il tribunale di Venezia ha ordinato al produttore tedesco di puzzle Ravensburger di non utilizzare più l’immagine dell’“Uomo Vitruviano” nel primo caso per coinvolgere un’azienda fuori dall’Italia. La sentenza ha implicitamente respinto la tesi di Ravensburger secondo cui la legge era incompatibile con la direttiva UE sul diritto d’autore, hanno detto gli avvocati.

Gli esperti hanno affermato che questa posizione intransigente potrebbe ritorcersi contro, scoraggiando la concessione di licenze per le opere d’arte italiane, una fonte di entrate, e limitando anche la riproduzione di capolavori che fungono da ambasciatori culturali.

David di Michelangelo

C’è un rischio per l’Italia, perché si può selezionare un’opera d’arte che non è coperta da questa legislazione“, ha detto Vittorio Cerulli Irelli, avvocato specializzato in proprietà intellettuale presso lo studio Trevisan & Cuonzo a Roma: “In molti casi, è la stessa cosa utilizzare il dipinto di Leonardo che si trova nel Regno Unito o il dipinto di Leonardo che è in Italia. Si sceglie semplicemente la scelta più facile“.

2