Chiusi due tra i telescopi più potenti al mondo per via di un attacco informatico

Diversi telescopi offline in seguito a un incidente di sicurezza informatica rivelato dalla National Science Foundation

0
265
Chiusi due tra i telescopi più potenti al mondo per via di un attacco informatico
Chiusi due tra i telescopi più potenti al mondo per via di un attacco informatico

In seguito al rilevamento da parte dei ricercatori della National Science Foundation (NSF) degli USA di un incidente di sicurezza informatica, diversi telescopi sono rimasti offline. Tra questi sono da menzionare il telescopio Gemini North alle Hawaii e il telescopio Gemini South in Cile, così come un numero di altri simili (sebbene più piccoli) situati sui monti del Cerro Tololo in Cile. Tali apparecchi rimangono chiusi per motivi di cautela e al momento non è dato sapere quando torneranno in funzione.

Telescopi chiusi per attacco informatico: cosa si sa al momento

Come informa Science Alert, la mattina del 1° agosto, il personale IT del NOIRLab della NSF ha rilevato attività anomale nei sistemi informatici, spingendo per sicurezza le operazioni dei suoi giganteschi telescopi ottici a infrarossi da 8,1 metri di diametro sul Maunakea delle Hawaii. Il “gemello” meridionale del telescopio, nelle Ande cilene, era già in fase di preparazione per la manutenzione, che richiedeva pochi interventi.

Anche se non è chiaro quale pericolo (ammesso che ce ne sia stato) i telescopi stessi avrebbero potuto affrontare, la presunta minaccia ricorda il fatto che la scienza è un business costoso, con strutture di ricerca astronomica che richiedono budget annuali che facilmente raggiungono i milioni di dollari. Ogni giorno in cui le strutture rimangono inaccessibili ai ricercatori, ciò comporta un costo per la comunità scientifica. Non solo in termini finanziari, ma in termini di perdita di dati.

I precedenti attacchi

Gli studi astronomici spesso richiedono operazioni programmate con precisione, quindi interruzioni come queste possono potenzialmente rovinare interi progetti di ricerca se vengono perse abbastanza finestre di osservazione critiche. Questa è una delle prime violazioni ransomware in una struttura di ricerca scientifica, ma gli attacchi agli impianti astronomici non sono così rari come si può pensare.

Nell’ottobre 2022, ad esempio, gli hacker hanno avuto accesso all’Osservatorio Large Millimeter Array di Atacama in Cile tramite una VPN, costringendolo a mesi di chiusura che sono costati alla struttura circa 250.000 dollari al giorno.



Trattandosi di un sospetto attacco ransomware, si ritiene che l’obiettivo dell’intrusione “particolarmente sofisticata” fosse quello di estorcere denaro al consorzio di operatori dell’osservatorio. Diversi anni prima, un Raspberry Pi non autorizzato collegato ai computer del Jet Propulsion Laboratory della NASA fornì un accesso illecito alla Deep Space Network, spingendo il Johnson Space Center a disconnettere del tutto i propri sistemi di missione dal gateway.

Man mano che l’infrastruttura scientifica per lo studio dell’Universo cresce in dimensioni e complessità e i progetti si espandono in scala, saranno necessari maggiori finanziamenti per proteggere la tecnologia dell’informazione al suo centro man mano che gli attacchi diventano più sofisticati.

Poche info sull’incidente

Non c’è alcuna parola ufficiale su ciò che potrebbe aver provocato il recente incidente del NOIRLab. “Molto probabilmente, l’aggressore non sa nemmeno che sta attaccando un osservatorio”, ha detto a Celina Zhao e Tanvi Dutta Gupta di Science Magazine, il capo in pensione del Centro di eccellenza per la sicurezza informatica della NSF, Von Welch .

Quali sono gli altri telescopi più avanzati al mondo?

Nel vasto e affascinante mondo dell’astronomia, i telescopi rappresentano la chiave per esplorare le profondità dell’universo e svelare i suoi segreti meglio custoditi. Attraverso l’evoluzione della tecnologia e l’ingegno umano, sono stati costruiti telescopi sempre più potenti e sofisticati, che ci hanno permesso di scrutare l’universo con un dettaglio e una precisione mai visti prima. In questa ultima parte di articolo, esploreremo alcuni dei telescopi più potenti e influenti al mondo:

  1. Telescopio Spaziale Hubble: Lanciato nel 1990, l’Hubble è uno dei telescopi più iconici e importanti. Si trova in orbita intorno alla Terra ed è noto per le sue spettacolari immagini delle profondità dell’universo.
  2. Telescopio Keck: Situato sull’isola di Mauna Kea alle Hawaii, il complesso dei telescopi Keck consiste in due telescopi riflettenti da 10 metri. Sono noti per le loro osservazioni ad alta risoluzione.
  3. Telescopio Very Large Telescope (VLT): Gestito dall’Osservatorio Europeo Australe (ESO) in Cile, il VLT è costituito da quattro telescopi principali da 8,2 metri e quattro telescopi ausiliari da 1,8 metri, che possono essere combinati per ottenere immagini dettagliate.
  4. Telescopio Gigante Magellan (GMT): Anch’esso situato a Mauna Kea, GMT sarà composto da sette specchi da 8,4 metri ciascuno. Una volta completato, sarà uno dei telescopi ottici più grandi al mondo.
  5. Telescopio Thirty Meter Telescope (TMT): Anche questo telescopio è previsto per Mauna Kea e, come suggerisce il nome, avrà uno specchio primario di 30 metri. Tuttavia, è stato oggetto di controversie a causa delle preoccupazioni culturali e ambientali.
  6. Telescopio Gran Telescopio Canarias (GTC): Situato nelle Isole Canarie, questo telescopio ha uno specchio primario di 10,4 metri ed è il più grande telescopio ottico-infrarosso in funzione.
  7. Telescopio Subaru: Anche situato a Mauna Kea, il telescopio Subaru ha uno specchio primario di 8,2 metri ed è gestito dall’Istituto Astronomico Nazionale del Giappone.
  8. Telescopio Green Bank: Questo radiotelescopio, situato in Virginia Occidentale, è il più grande telescopio orientabile del mondo e viene utilizzato per l’astronomia radio.
  9. Osservatorio Arecibo: Anche se non è più in funzione (è collassato nel dicembre 2020), l’Osservatorio Arecibo a Porto Rico era famoso per il suo radiotelescopio di 305 metri, che è stato utilizzato per esplorare l’Universo attraverso onde radio.
2