Buchi neri e previsioni sulla relatività fanno vincere il Nobel per la fisica 2020

Il britannico Roger Penrose, il tedesco Reinhard Genzel e l'americana Andrea Ghez hanno vinto il Premio Nobel per la Fisica 2020 per le loro scoperte su uno dei misteri più esotici dell'universo, i buchi neri

644

Penrose, professore all’Università di Oxford, ha vinto metà del premio per il suo lavoro che utilizza la matematica per dimostrare che i buchi neri sono inevitabili secondo la teoria generale della relatività.

Genzel, del Max Planck Institute e dell’Università della California, Berkeley e Ghez, dell’Università della California, Los Angeles, hanno condiviso l’altra metà per aver scoperto che un oggetto invisibile ed estremamente massiccio governa le orbite delle stelle al centro della nostra galassia.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ghez – solo la quarta donna ad aver ricevuto il premio per la fisica dopo Marie Curie nel 1903, Maria Goeppert-Mayer nel 1963 e Donna Strickland nel 2018 – ha detto di sperare che il suo esempio possa essere d’ispirazione ad altre donne a entrare nel suo campo.

Alla domanda sulla scoperta di un oggetto enorme ma invisibile nel cuore della Via Lattea, Ghez ha detto che “la prima cosa è il dubbio“.

Devi dimostrare a te stesso che ciò che stai vedendo veramente è ciò che pensi di vedere. Quindi, sia il dubbio che l’eccitazione“, ha detto durante una videochiamata con il comitato dopo aver ricevuto il premio.

SPAZIO E TEMPO DI AVVITAMENTO

Gli scienziati si chiedevano dalla fine del XVIII secolo se nell’universo potesse esistere qualche oggetto in grado di esercitare un’attrazione gravitazionale da non far sfuggire neanche la luce.

Il premio Nobel Albert Einstein predisse nel 1915, nella sua teoria della relatività generale, che lo spazio e il tempo vengono deformati dalla forza di gravità.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ma è stato solo con il suo fondamentale lavoro, pubblicato nel 1965, che Penrose ha dimostrato che i buchi neri possono davvero formarsi, descrivendoli in dettaglio e affermando che, al loro centro, il tempo e lo spazio cessano di esistere.

Successivi sforzi hanno permesso di individuare un buco nero focalizzato sulle nuvole di polvere in una regione della Via Lattea chiamata Sagittarius A *. Osservando i movimenti delle stelle, gli astronomi guidati da Genzel e Ghez sono stati in grado di concludere che circa 4 milioni di masse solari sono raggruppate in una regione delle dimensioni del nostro sistema solare.

Sebbene i buchi neri siano ormai scienza accettata, molto su di loro rimane un mistero.

Cos’è buco nero? Non lo sappiamo, non abbiamo idea di cosa ci sia all’interno di un buco nero e questo è ciò che rende queste cose oggetti così esotici“, ha detto Ghez. “Fa parte dell’intrigo che ancora non conosciamo.”

Le scoperte dei vincitori di quest’anno hanno aperto nuovi orizzonti nello studio di oggetti compatti e supermassicci“, ha detto David Haviland, presidente del Comitato per il Nobel per la fisica, in occasione dell’assegnazione del premio da 10 milioni di corone svedesi (1,1 milioni di dollari).

Ma questi oggetti esotici pongono ancora molte domande che chiedono risposte e motivano la ricerca futura“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I premi Nobel sono stati creati per volontà dell’inventore e uomo d’affari svedese della dinamite Alfred Nobel e sono stati assegnati dal 1901.