La rapida avanzata ucraina nel nord-est provoca proteste e malcontento in Russia

Il critico pubblico più influente – e forse sorprendente – della situazione è stato il leader ceceno Ramzan Kadyrov, che ha fornito migliaia di combattenti all'offensiva. In un post su Telegram domenica, ha detto che avrebbe contattato alti funzionari del Ministero della Difesa per precisare il suo messaggio

0
435
La rapida avanzata ucraina nel nord-est provoca proteste e malcontento in Russia
La rapida avanzata ucraina nel nord-est provoca proteste e malcontento in Russia

L’ultima settimana ha assistito a un sorprendente svolta nella guerra tra Russia e Ucraina, con una rapida offensiva corazzata delle forze ucraine che ha sfondato le linee di difesa russe riconquistando più di 3.000 chilometri quadrati di territorio. Questo è più territorio di quello che le forze russe hanno catturato in tutte le loro operazioni in Ucraina da aprile.

Per quanto l’offensiva sia stata brillantemente concepita ed eseguita, ha avuto successo anche a causa delle inadeguatezze russe. In tutte le aree della regione di Kharkiv, le unità russe si sono rivelate scarsamente organizzate e male equipaggiate e hanno offerto ben poca resistenza prima di abbandonare il campo.
I loro fallimenti, e la loro disordinata ritirata verso est, hanno reso l’obiettivo dell’operazione militare speciale del presidente Vladimir Putin di occupare le regioni di Luhansk e Donetsk notevolmente più difficile da raggiungere.
Durante il fine settimana, la ritirata russa è proseguita dalle aree di confine che erano state occupate a marzo. I villaggi entro cinque chilometri dal confine sono tornati sotto la bandiera ucraina.
Il crollo delle difese russe ha acceso le recriminazioni tra influenti blogger militari russi e personalità dei media statali russi. Davanti a fotografie e filmati che mostravano i militari vincitori issare la bandiera ucraina in una comunità dopo l’altra negli ultimi giorni, è emersa una domanda: come risponderà il Cremlino?

Un’operazione lampo

Nei giorni scorsi, funzionari ucraini avevano fatto sapere che un’offensiva era imminente, ma senza comunicare dove sarebbe effettivamente avvenuta. C’era molto rumore su un contrattacco nel sud, e persino funzionari statunitensi avevano parlato delle operazioni ucraine per “modellare il campo di battaglia” a Kherson. I rinforzi russi – forse fino a 10.000 unità – sono entrati nella regione nel giro di poco tempo.
C’è stato davvero un assalto ucraino a Kherson, ma sembra che l’intenzione fosse quella di attirare nell’area forze russe spostate dal fronte nord-orientale, cosa che è effettivamente avvenuta, mentre il vero sforzo è arrivato centinaia di chilometri a nord. Era un’operazione di disinformazione di cui gli stessi russi avrebbero potuto essere orgogliosi.
Kateryna Stepanenko dell’Institute for the Study of War, un gruppo analitico con sede a Washington, afferma che l’inganno ha funzionato. “Ufficiali militari ucraini hanno riferito che elementi del distretto militare orientale (russo) che in precedenza avevano sostenuto operazioni offensive verso Sloviansk si erano ridistribuiti nell’Asse meridionale“, ha detto alla CNN.
Le truppe inviate a sostituire le truppe spostate non si sono rivelate all’altezza del compito: un miscuglio, ha detto Stepanenko, di “volontari cosacchi, unità di volontari, unità della milizia DNR/LNR e la Rosgvardia russa (Guardia nazionale). Tali forze non erano sufficienti per difendere una estesa e complessa linea di fronte“.
Gli ucraini hanno scelto il punto più debole delle difese russe per la loro spinta iniziale: un’area controllata dalla milizia di Luhansk con unità della Guardia nazionale russa più arretrate. Non potevano competere con un assalto corazzato altamente mobile che rapidamente ha reso irrilevante l’artiglieria russa.
Igor Strelkov, ex capo della milizia della Repubblica popolare di Donetsk e ora un caustico critico delle carenze militari russe, ha notato lo scarso addestramento di queste unità e “l’eccezionale cautela delle azioni dell’aviazione russa“. In breve, le unità russe in prima linea, senza un supporto aereo adeguato, sono state travolte.
Diversi video geolocalizzati e analizzati dalla CNN, oltre a resoconti locali, descrivono un ritiro caotico delle unità russe, con grandi quantità di munizioni e mezzi lasciati alle spalle.
La scarsa qualità delle difese russe lungo l’asse critico nord-sud che sostiene l’offensiva nel Donetsk è difficile da capire. Una volta iniziata, l’intenzione dell’offensiva ucraina era chiarissima: distruggere quell’arteria di rifornimento. In tre giorni lo avevano fatto, anche perché i russi sono stati lenti a mobilitare i rinforzi.
Sabato le bandiere ucraine vengono poste sulle statue in una piazza a Balakliya.
Bandiere ucraine sulle statue in una piazza a Balakliya.

Iniziano le recriminazioni

Sabato il ministero della Difesa russo ha cercato di descrivere l’abbandono di Kharkiv come un reindirizzamento pianificato degli sforzi verso la regione di Donetsk, ma in realtà la perdita delle linee di rifornimento complica questi sforzi.
Fino a questa settimana, i russi sono stati in grado di attaccare le difese ucraine a Donetsk da tre direzioni: nord, est e sud. Ora l’asse settentrionale è scomparso: la minaccia alla cintura industriale dentro e intorno a Sloviansk è molto diminuita, così come la prospettiva di circondare le difese ucraine.
In poche parole, il campo di battaglia nell’Ucraina orientale è stato ridisegnato in pochi giorni.
Il critico pubblico più influente – e forse sorprendente – della situazione è stato il leader ceceno Ramzan Kadyrov, che ha fornito migliaia di combattenti all’offensiva. In un post su Telegram domenica, ha detto che avrebbe contattato alti funzionari del Ministero della Difesa per precisare il suo messaggio.
È chiaro che sono stati fatti degli errori. Penso che trarranno alcune conclusioni“, ha detto.
Alludendo al disordine tra i comandanti, Kadyrov ha aggiunto che “se lo stato maggiore russo non avesse voluto andarsene, le (truppe) non si sarebbero tirate indietro” – ma i soldati russi “non avevano un addestramento militare adeguato” e questo li ha portati a ritiro.
I blogger militari influenti in Russia sono stati ancora più schietti. Zakhar Prilepin, il cui canale Telegram ha più di 250.000 abbonati, ha ripubblicato un commento che descriveva gli eventi di Kharkiv come una “catastrofe” e un totale fallimento dell’intelligence.
Ora possiamo osservare il risultato dell’irresponsabilità criminale di coloro che erano responsabili di questa operazione“, si legge nel post, prima di concludere: “L’operazione militare speciale è finita da tempo. C’è una guerra in corso“.
Un altro blogger pro-Putin che si chiama Kholmogorov ha ripostato in prima linea un resoconto altrettanto feroce del canale Telegram Partizan, che essenzialmente accusava le autorità russe di aver abbandonato le truppe.
I soldati erano a piedi con una mitragliatrice e un sacco. Abbandonati dal comando, non conoscendo la strada, camminavano a caso“, si legge nel post.
Il blogger, che si descrive come un nazionalista russo-ortodosso, afferma che mentre cresce l’odio per il nemico, “l’odio per il governo e il comando cresce ancora di più“.
Aggiungendo i propri pensieri, Kholmogorov ha detto: “Signore, salva i soldati russi dai colpi dal fronte e ancor di più dai colpi alle spalle“.
Un’analisi simile è arrivata dal canale Telegram di Pyotr Lundstrem.
Non ci sono termocamere, NESSUN giubbotto antiproiettile, NESSUNA attrezzatura da ricognizione, NESSUNA comunicazione sicura, NON abbastanza elicotteri, NESSUN kit di pronto soccorso nell’esercito“.
Riferendosi alle commemorazioni in Russia questo fine settimana per la Giornata di Mosca, il compleanno della città, ha aggiunto: “Stai festeggiando la miliardesima festa. Che c’è che non va?
Sabato, mentre la disfatta continuava, Putin stava inaugurando una ruota panoramica a Mosca.
L’Istituto per lo studio della guerra osserva che “l’annuncio del ritiro ha esacerbato i blogger russi e le comunità nazionaliste russe che supportano la grandiosa visione del Cremlino di catturare l’intera Ucraina“.

La prossima mossa di Putin

Figure di spicco dei media in Russia stanno cercando di spacciare la calamità di questa settimana come un’operazione pianificata. Il conduttore televisivo Vladimir Soloviev ha ripubblicato un commento su Telegram in cui insisteva sul fatto che “il nemico, acquistando un facile anticipo su un dato settore del fronte, finisce in una trappola“.
Attualmente, le unità russe si stanno riorganizzando di proposito“, ha aggiunto il commento, anche se ci sono pochi segni di ciò.
Ciò solleva la domanda su come il Cremlino proseguirà la guerra dopo aver subito la settimana peggiore dell’intera campagna. Sembra essere a corto di unità di alta qualità. Alcuni gruppi tattici di battaglione esistenti sono stati ricostituiti; battaglioni di volontari sono stati radunati in tutta la Russia per formare un Terzo Corpo d’Armata. Funzionari statunitensi affermano che i russi stanno finendo le munizioni, che si stanno persino rivolgendo alla Corea del Nord per i rifornimenti.
Stepanenko, dell’Institute for the Study of War, ha detto alla CNN che il notevole successo della controffensiva ucraina costringerà a una rivalutazione dell’uso del nuovo corpo d’armata.
Stepanenko, che studia il reclutamento e l’organizzazione dell’esercito russo, afferma che i russi “potrebbero comunque tentare di utilizzare queste unità per fermare la controffensiva ucraina a Kharkiv, anche se portare unità grezze mal addestrate e impreparate in tali operazioni sarebbe altamente pericoloso“.
A suo avviso, data la necessità russa di manodopera fresca, “è probabile che le forze russe stiano schierando questi elementi direttamente in prima linea in ogni caso sulla base dei rapporti secondo cui alcuni battaglioni di volontari stanno già combattendo in prima linea a Kherson“.
L’esercito russo può ancora esercitare una notevole potenza in termini di forze missilistiche, di artiglieria e missili. Ma nonostante un rimescolamento dell’alto comando, le sue operazioni di terra sembrano mal organizzate, con poca autonomia devoluta ai comandanti.
L’ultima settimana ha messo a nudo questioni di motivazione e leadership.
I blogger russi che hanno sostenuto l’offensiva affermano che è necessario un ripensamento radicale. Uno ha commentato: “È necessario un cambio di approccio alla guerra in Ucraina. Mobilitazione dell’economia e dell’industria. Creazione di un centro di controllo politico per la guerra“.
Strelkov è giunto alla stessa conclusione, dicendo che è tempo di “iniziare a combattere per davvero (con la legge marziale, la mobilitazione dell’esercito e dell’economia)“.
Durante il conflitto, Putin ha evitato una mobilitazione generale, che potrebbe essere impopolare in patria.
È impossibile sapere se il Cremlino ora continuerà nel tentativo di completare l’operazione militare speciale o se inizierà a cercare una soluzione negoziata.
La prima opzione sembra un compito arduo visti gli eventi della scorsa settimana; il secondo sarebbe umiliante. La terza possibilità, forse la più probabile, è che la Russia persista con il suo feroce assalto centimetro per centimetro, occupando poco o nessun territorio aggiuntivo. Ma ora deve affrontare un avversario con il vento in poppa e fresche infusioni di aiuti militari occidentali in preparazione per i mesi invernali.

Quel che è certo è che Putin dovrà fare qualcosa per mettere a tacere le prime voci di dissenso interno a livello istituzionale.

I deputati di 18 distretti municipali di Mosca, San Pietroburgo e Kolpino hanno chiesto le dimissioni del presidente russo Vladimir Putin, secondo una petizione con un elenco di firme pubblicata lunedì su Twitter.

“Noi, deputati municipali della Russia, riteniamo che le azioni del suo presidente Vladimir Putin siano dannose per il futuro della Russia e dei suoi cittadini. Chiediamo le dimissioni di Vladimir Putin dalla carica di Presidente della Federazione Russa”, si legge nella petizione pubblicata da Ksenia Thorstrom, deputata locale del distretto di Semenovsky a San Pietroburgo.

La petizione segue le prime elezioni regionali e municipali russe dall’inizio della guerra, che hanno portato a una vittoria schiacciante per i candidati filo-Cremlino.



Il testo della petizione è sintetico e non “scredita” nessuno. Se sei mundep [vice municipale] e vuoi unirti, sei il benvenuto“, ha detto Thorstrom in un post su Twitter.

Anche il consiglio di un distretto di Mosca (Lomonosovsky) ha chiesto le dimissioni di Putin, dicendo: “Le tue opinioni e il tuo modello di governo sono irrimediabilmente obsoleti e ostacolano lo sviluppo della Russia e il suo potenziale umano“.

La scorsa settimana, i deputati del comune di Smolninskoye di San Pietroburgo hanno chiesto alla Duma di Stato della Federazione Russa di sporgere denuncia per tradimento contro Vladimir Putin. Molti di loro ora sono accusati di aver screditato l’esercito russo, secondo un post su Twitter di uno dei funzionari locali, Nikita Yuferev.

I progressi dell’Ucraina sul campo di battaglia, inoltre, hanno ridato entusiasmo al supporto alleato, con un incontro in Germania questo fine settimana che ha prodotto ulteriori promesse di sostegno a lungo termine.
2