Attività vulcanica sulla Luna

Un'enorme massa di granito è stata rilevata sotto la superficie della Luna, prova di un tipo di vulcanismo mai visto prima

0
535
SLIM

Un’enorme massa di granito è stata individuata sotto la superficie della Luna prova l’esistenza di attività vulcanica nel passato del nostro satellite naturale.

Secondo le analisi effettuate si tratta di un’enorme massa profondamente sepolta di magma solidificato, detto anche batolite, depositato circa 3,5 miliardi di anni fa. Il magma siamo abituati a vederlo frequentemente sulla Terra, ma gli scienziati sono davvero impressionati (e soddisfatti) a vedere tale fenomeno anche sulla Luna.

Matthew Siegler è un planetologo della Southern Methodist University e del Planetary Science Institute. L’esperto ha riferito che: “Qualsiasi grande corpo di granito che troviamo sulla Terra alimentava un grande gruppo di vulcani, proprio come un grande sistema sta alimentando i vulcani Cascade nel nord-ovest del Pacifico oggi”.

Vulcanismo sulla Luna: l batoliti sono una prova

Siegler ha proseguito: “I batoliti sono molto più grandi dei vulcani che alimentano in superficie. Ad esempio, le montagne della Sierra Nevada sono un batolite lasciato da una catena vulcanica negli Stati Uniti occidentali che esisteva molto tempo fa”.

Il granito è abbondante sulla Terra ma estremamente raro altrove nel Sistema Solare poiché richiede condizioni specifiche per formarsi. Tali condizioni includono molta acqua liquida e tettonica a placche, che aiutano a sciogliere e riciclare il materiale nella crosta del pianeta. La produzione di granito richiede la rifusione in più fasi della roccia basaltica o il frazionamento dei cristalli in basalto liquido.



La regione di Compton-Belkovich

La Luna non ha né acqua liquida, né tettonica a placche. Eppure, sotto una regione vulcanica nota come Compton-Belkovich , vicino al polo nord sul lato nascosto della Luna , gli strumenti a microonde sugli orbiter cinesi Chang’e 1 e Chang’e 2 hanno rilevato qualcosa di strano. Hanno rilevato un calore anomalo, circa 20 volte superiore alla media degli altopiani lunari.

I ricercatori sono stati in grado di analizzare i dati resi pubblicamente disponibili dalla China National Space Administration e i risultati li hanno sorpresi. Siegler ha affermato: “Quello che abbiamo scoperto è che uno di questi sospetti vulcani, noto come Compton-Belkovich, brilla alle lunghezze d’onda delle microonde. Ciò significa che è caldo, non necessariamente in superficie, come vedresti nell’infrarosso, ma sotto la superficie”. E ancora: “L’unico modo per spiegarlo è dal calore extra proveniente da qualche parte al di sotto della caratteristica all’interno della crosta lunare più profonda. Quindi Compton-Belkovich, che si pensa sia un vulcano, nasconde anche una grande fonte di calore al di sotto di esso”.

Presenza di torio

Compton-Belkovich è notevole perché la regione contiene una grande quantità di torio, un prodotto del decadimento radioattivo. L’analisi condotta da Siegler e dai suoi colleghi indica che gli elementi radioattivi in ​​una matrice di granito sono probabilmente la fonte del calore sottostante. Anche quella matrice di granito è molto più grande di quanto si sarebbero aspettati: circa 50 chilometri di diametro. Questa, dicono i ricercatori, è la prova di un sistema idraulico di magma evoluto molto più grande di quanto previsto per la Luna.

Un sistema così grande ha bisogno di una delle tre cose: un grande pennacchio di mantello che si nutre di magma dall’interno della Luna; una sacca anormalmente bagnata all’interno della Luna in quella posizione; o una macchia di elementi che potrebbero fornire abbastanza materiale radiogeno per produrre abbastanza calore per una rifusione coerente. Tutti e tre implicano incoerenze compositive su larga scala all’interno della Luna che devono essere spiegate.

Presenza di granito, ma manca l’acqua

Siegler ha affermato: “Se non hai acqua, ci vogliono situazioni estreme per fare il granito. Stiamo parlando di un sistema senza acqua e senza tettonica a placche, in cui troviamo comunque il granito”. E inoltre: “C’era acqua sulla Luna, almeno in questo punto? O era solo solo un’area particolarmente calda?”. La ricerca è stata pubblicata su Nature.

2