Attività cometaria osservata sul Centauro 2014 OG392

I Centauri sono stati osservati per la prima volta nel 1927, a oggi ne conosciamo solamente 18 attivi. Sulla loro natura c'è ancora moltissimo da capire. Questi oggetti hanno un’origine cometaria, ciò significa che potrebbero essere stati comete attive in passato e potrebbero tornare ad esserlo in futuro

0
482
Indice

I Centauri sono pianeti minori che molto tempo fa probabilmente risiedevano nella fascia di Kuiper, situata nel sistema solare esterno. Questi piccoli “pianetini” mostrano un comportamento ambiguo, un po comete e un po asteroidi, presentano talvolta code, come, nuvole di polvere e gas anche se orbitano in una regione gelida posta tra Giove e Nettuno, dove la temperatura è troppo rigida affinché l’acqua possa sublimare velocemente, o passare direttamente da ghiaccio a vapore. Proprio a causa della loro duplice natura sono stati battezzati in onore della mitologica razza dei Centauri, metà uomo e metà cavallo.
I Centauri sono stati osservati per la prima volta nel 1927, a oggi ne conosciamo solamente 18 attivi. Sulla loro natura c’è ancora moltissimo da capire. Osservarne uno “attivo” è una grande sfida osservativa per i telescopi in quanto piccoli e rari. Questi oggetti hanno un’origine cometaria, ciò significa che potrebbero essere stati comete attive in passato e potrebbero tornare ad esserlo in futuro.
Un team di astronomi guidato da Colin Chandler studente di dottorato e borsista presidenziale del programma di dottorato in Astronomia e Scienze Planetarie della Northern Arizona University, ha annunciato la scoperta di attività dal Centauro 2014 OG392, un oggetto planetario individuato nel 2014. I risultati della ricerca sono stati pubblicati su The Astrophysical Journal Letters ,con il titolo: “Cometary Activity Discovered on a Distant Centaur: A Nonaqueous Sublimation Mechanism”. Chandler è l’autore principale, e ha lavorato con quattro coautori della NAU: il dottorando Jay Kueny, il professore associato Chad Trujillo, il professore David Trilling e il Dottorato William Oldroyd.
I ricercatori hanno sviluppato un algoritmo di ricerca, per individuare nel database le immagini d’archivio del Centauro, nonché una campagna di osservazione di follow-up.
Come ha spiegato Chandler:
“Il nostro articolo riporta la scoperta di attività provenienti da Centaur 2014 OG392, sulla base di immagini d’archivio che abbiamo scoperto, più le nostre nuove prove osservative acquisite con la Dark Energy Camera presso l’Osservatorio interamericano a Cerro Tololo, Cile, il Walter Baade Telescope a l’Osservatorio di Las Campanas in Cile e il Large Monolithic Imager al Discovery Channel Telescope dell’Osservatorio Lowell a Happy Jack, in Arizona. Abbiamo rilevato un coma fino a 400.000 km dal 2014 OG392 e la nostra analisi dei processi di sublimazione e della durata dinamica suggeriscono che l’anidride carbonica e/o l’ammoniaca sono i candidati più probabili per causare attività su questo e altri Centauri attivi. Abbiamo sviluppato una nuova tecnica che combina misurazioni osservative, ad esempio, colore e massa di polvere, con sforzi di modellazione per stimare caratteristiche come la sublimazione volatile dell’oggetto e la dinamica orbitale”.
Come risultato della scoperta del team, il Centauro è stato recentemente riclassificato come una cometa e sarà noto come “C / 2014 OG392 (PANSTARRS)“.
“Sono molto entusiasta che il Minor Planet Center abbia assegnato una nuova designazione di cometa adatta all’attività che abbiamo scoperto su questo insolito oggetto”, ha aggiunto Chandler.
Questa settimana, Chandler è stato invitato a presentare i risultati al meeting 2020 della 52a Divisione per le Scienze Planetarie (DPS) dell’American Astronomical Society (AAS).
Fonte: https://scitechdaily.com/astronomers-discover-activity-on-distant-centaur-planetary-object/

2