13.5 C
Rome
domenica, Novembre 27, 2022
HomeRicerca della vitaGli ammassi globulari potrebbero offrire le migliori opportunità di individuare intelligenze aliene

Gli ammassi globulari potrebbero offrire le migliori opportunità di individuare intelligenze aliene

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Gli ammassi globulari sono i più antichi oggetti visibili nell’Universo: ognuno contiene da centinaia di migliaia a, occasionalmente, oltre un milione di stelle, tutte nate essenzialmente nello stesso momento. Sono densamente imballati in un volume sferico con un diametro oltre mille volte inferiore al diametro della Via Lattea. 

Si pensa che gli ammassi globulari si siano formati subito dopo l’inizio dell’Universo, quasi 13,8 miliardi di anni fa, contemporaneamente o forse anche prima che si formassero le prime galassie.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le stelle più antiche dell’Universo

Alcune delle stelle più antiche dell’universo si trovano in antichi ammassi globulari che orbitano intorno all’alone della nostra galassia. La Via Lattea è circondata da almeno 150 ammassi globulari, ognuno dei quali ospita centinaia di migliaia e talvolta milioni di stelle. 

Gli ammassi globulari si sono formati molto presto nel vasto alone che circondava l’embrionale Via Lattea prima che si appiattisse per formare un disco a spirale.

Questi immensi ammassi stellari potrebbero essere posti straordinariamente buoni per cercare civiltà spaziali secondo una ricerca di Rosanne Di Stefano dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics (CfA), che ha coniato il termine, “Globular Cluster Opportunity“.

“L’opportunità”

La maggior parte di questi antichi ammassi stellari si è formata”, dice la Di Stefano, “durante l’epoca in cui si stava formando la Galassia stessa, circa 12 miliardi di anni fa. Tutte le loro enormi stelle si sono evolute e ora sono resti stellari. Le stelle che brillano ancora oggi sono stelle di massa inferiore a quella del Sole, generalmente 0,1-0,8 volte la massa solare. Molte, specialmente quelle di massa più bassa, possono brillare per decine di miliardi di anni“. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Possiamo localizzare una regione intorno a ciascuna stella chiamata” zona di abitabilità“. I pianeti di tipo terrestre in orbita all’interno di questa zona possono avere acqua liquida sulle loro superfici. Poiché le stelle di piccola massa negli ammassi globulari hanno una bassa luminosità, le loro zone di abitabilità sono più vicine alla stella di quanto lo sia la Terra al Sole.

Pianeti abitabili miliardi di anni più vecchi della Terra

Ovviamente non sappiamo ancora se gli ammassi globulari ospitano pianeti in zone abitabili. Tuttavia, poiché si è scoperto che i pianeti sono ubiquitari, non c’è motivo di pensare che gli ammassi globulari non ospitino pianeti potenzialmente abitabili“.

“Gli ammassi globulari sono così densi che potrebbe essere possibile che i pianeti in orbita attorno a una stella vengano espulsi dall’orbita. Nel 2016, l’astronomo Alak Ray ha lavorato con Di Stefano per stabilire che * se * le stelle dell’ammasso globulare sono orbitate da pianeti nella zona abitabile, allora una frazione significativa potrebbero essere sopravvissuti fino ad oggi”. 

“Questo significa che, se tali pianeti esistessero da tempi remoti, oggi dovrebbero essercene abbastanza da poterli scoprire”.

 Densità degli ammassi globulari

Questo risultato ci offre qualcosa di interessante su cui riflettere a causa della densità stessa degli ammassi globulari. In alcuni ammassi 10 ^ 2-10 ^ 5 stelle abitano una regione così piccola da riempire un volume sferico situato tra il Sole e il nostro vicino più prossimo, Proxima Centauri. Quindi, specialmente vicino al centro dell’ammasso, ci sono molte stelle“. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Civiltà spaziali

Ora immaginiamo che la vita si sia sviluppata attorno a una di queste stelle e che forme di vita fossero intelligenti abbiano sviluppato una società tecnologicamente sofisticata come la nostra. Se quelle creature avessero avuto aspirazioni simili alle nostre, probabilmente avranno cercatodi viaggiare verso altre stelle. Per loro, tuttavia, sarebbe molto più facile di quanto non lo sia per noi, perché le distanze dalle stelle più vicine sarebbero decine o centinaia di volte più piccole. Pertanto, i loro tempi di viaggio sarebbero stati molto più brevi e il viaggio interstellare potrebbe essere qualcosa di tentabile in una fase precedente rispetto a noi“.

Le civiltà tecnologiche possono avere 8 miliardi di anni

Ovviamente, se una civiltà riuscisse a creare un avamposto lontano dalla sua stella natale, è molto più probabile che quella civiltà sopravviva. Le civiltà degli ammassi globulari potrebbero stabilire più avamposti e sopravvivere a lungo termine. Inoltre, l’età dei cluster è vecchia. Se ci sono voluti 4-5 miliardi di anni per la formazione di una civiltà tecnologica (la stessa scala temporale che è stata necessaria sulla Terra), e se la civiltà fosse sopravvissuta, ora avrebbe 8 miliardi di anni“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La combinazione di alta densità e grande età degli ammassi globulari costituisce la migliore opportunità offerta dall’ammasso globulare. Non sappiamo se vita tecnologicamente avanzata si sia mai sviluppata in un ammasso globulare, tuttavia, se fosse successo, le sue possibilità potenzialmente migliori di sopravvivere per miliardi di anni potrebbero rendere gli ammassi globulari i luoghi ideali in cui cercare segnali dall’intelligenza extraterrestre.

[Nota del redattore: le stelle negli ammassi globulari sono tra le più antiche dell’universo e quindi tendono ad avere concentrazioni inferiori di carbonio, silicati e ferro rispetto alle successive generazioni di stelle. Sono stati già trovati esopianeti intorno a stelle ricche di metalli solo un decimo del nostro Sole. E mentre i pianeti delle dimensioni di Giove si trovano preferenzialmente intorno a stelle contenenti livelli più elevati di elementi pesanti, la ricerca ha scoperto che i pianeti più piccoli, delle dimensioni della Terra, non mostrano tale preferenza. “È prematuro dire che non ci sono pianeti negli ammassi globulari“, afferma il collega di Di Stefano, Alak Ray del Tata Institute of Fundamental Research di Mumbai].

Articoli più letti