10.4 C
Rome
giovedì, Dicembre 1, 2022
HomeInformatica e CiberneticaTrovati algoritmi che ingannano i dispositivi come Alexa

Trovati algoritmi che ingannano i dispositivi come Alexa

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

All’Università di Chicago un team di ricercatori ha scoperto degli algoritmi di copia vocale talmente avanzati al punto di ingannare i dispositivi di riconoscimento vocale.

Gli algoritmi al momento sono due, SV2TTS e AutoVC, e sono stati testati ottenendo campioni di registrazioni vocali da database pubblicamente disponibili. Entrambi i sistemi sono stati addestrati utilizzando 90 frammenti vocali di cinque minuti di persone che parlano.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Hanno anche richiesto l’assistenza di 14 volontari che hanno fornito campioni vocali e accesso ai loro dispositivi di riconoscimento vocale. I ricercatori hanno quindi testato i due sistemi utilizzando il software open source Resemblyzer che ascolta e confronta le registrazioni vocali e fornisce una valutazione basata su due campioni simili.

I ricercatori hanno scoperto che questi algoritmi sono in grado di ingannare il Resemblyzer quasi la metà delle volte. Hanno anche scoperto di essere in grado di ingannare Azure (il servizio di cloud computing di Microsoft) circa il 30 percento delle volte.

Sono stati in grado di ingannare il sistema di riconoscimento vocale Alexa di Amazon circa il 62% delle volte

Duecento volontari hanno anche ascoltato coppie di registrazioni cercando di determinare se le voci provenissero dalla stessa persona – i risultati sono stati contrastanti, ma nel complesso, gli algoritmi sono stati in grado di ingannare i volontari il più delle volte – e soprattutto quando le voci campionate erano di personaggi famosi.

Articoli più letti