13.5 C
Rome
domenica, Novembre 27, 2022
HomeTecnologiaAd ottobre il primo volo ufficiale di collaudo del Dream Chaser

Ad ottobre il primo volo ufficiale di collaudo del Dream Chaser

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Una delle compagnie spaziali private che stanno lavorando alla realizzazione di veicoli spaziali commerciali in grado di trasportare carichi utili nello spazio e verso la Stazione Spaziale Internazionale è la Sierra Nevada Corporation (SNC). La navicella su cui la SNC sta lavorando da anni si chiama “Dream Chaser” e assomiglia molto ad uno Space Shuttle più piccolo.

Dream Chaser svolgerà la sua prima missione nel 2020 e, in vista di tale missione, la società ha annunciato di aver superato l’ultimo step previsto dal contratto di servizi di rifornimento commerciale 2. Ciò significa che il veicolo spaziale può passare alla produzione industriale.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Dream Chaser verrà utilizzato per traghettare merci verso la ISS. Dream Chaser era stato originariamente progettato come un veicolo concettuale per il programma di equipaggio commerciale della NASA, chiaramente ispirato al vecchio programma Space Shuttle, ma la NASA ha ccettato le offerte di SpaceX e Boeing per questo particolare compito. Nella versione nave da carico, Dream Chaser ha ali pieghevoli e può trasportare oltre 5000 chili di carico nello spazio e portarne indietro oltre 4.000.

SNC ha ottenuto dalla NASA un contratto commerciale che garantisce almeno sei missioni verso la ISS. SpaceX e Orbital ATK hanno ottenuto contratti simili. L’azienda ha dichiarato di prevedere di poter collaudare il primo Dream Chaser commerciale entro il prossimo ottobre e prevede di poter riutilizzare ogni esemplare di questa navicellaspaziale almeno per 15 missioni senza doverne il rinnovare il 90% dei componenti, ottenendo così un importante calo dei costi.

 

Articoli più letti