Una percentuale sostanziale di cani e gatti domestici è stata infettata con il SARS-CoV-2 dai loro proprietari

Uno studio ha determinato che una percentuale abbastanza importante di animali domestici (cani gatti e furetti) è stata infettata con il nuovo coronavirus dai loro proprietari

1051

Un piccolo studio che alcuni esperti in scienze veterinarie canadesi presenteranno ad una conferenza ESCMID sulla malattia da nuovo coronavirus (ECCVID, che si terrà online dal 23 al 25 settembre) suggerisce che numerosi cani e gatti domestici siano stati infettati con il SARS-CoV-2 tramite i loro proprietari. Inoltre, in molti casi, gli animali che sono stati trovati infetti presentavano sintomi respiratori simili a quelli dell COVID-19.

In questo studio, le persone che possedevano un gatto, un cane o un furetto e avevano una diagnosi di infezione da SARS-CoV-2 cui sono seguiti sintomi coerenti con la COVID-19 entro un periodo di 2 settimane, sono state invitate a fare il tampone al loro animale domestico. Se gli esseri umani erano fuori dalla finestra di 2 settimane di sospetta infettività, veniva proposta la raccolta di un campione di sangue dal loro animale domestico per l’analisi sierologia.
Il tampone del naso, della gola e del retto è stato eseguito con il test PCR per testare l’infezione corrente negli animali domestici, mentre i test ELISA degli anticorpi del sangue standard sono stati utilizzati per rilevare infezioni recenti (anticorpi IgM ) o pregresse (anticorpi IgG). I risultati sono stati confrontati con il sangue conservato da animali raccolti prima di dicembre 2019, servito come gruppo di controllo.
Sono stati raccolti tamponi da 17 gatti, 18 cani e un furetto. Tutti i risultati della PCR sono stati negativi tranne quelli di un gatto che sono stati considerati indeterminati. Sono stati prelevati campioni di sangue da 8 gatti e 10 cani. I risultati hanno indicato la presenza di IgG o IgM in 4 (50%) e 3 (38%) campioni di gatto distinti, rispettivamente. Il campione del gatto con risultati PCR indeterminati ha avuto un risultato ELISA IgM positivo, indicando che la sua infezione, sebbene non attuale, era estremamente recente.
Tutti i gatti PCR  con  un risultato anticorpale positivo sono stati segnalati per aver avuto malattie respiratorie e  di altro tipo prese dai loro proprietari nel periodo dell’infezione da COVID-19 del proprietario“, spiega la professoressa Bienzle. “Il 20% dei cani avevano risultati anticorpali IgG positivi, indicanti un’infezione passata, e uno di questi ha avuto un episodio di malattia respiratoria. Nessun cane ha avuto risultati IgM positivi, il che avrebbe indicato un’infezione più recente”.
La conclusione, secondo la Bienzle e che: “Sebbene il numero di partecipanti idonei fosse limitato da tassi di trasmissione umana relativamente bassi nell’area di studio, questi risultati preliminari suggeriscono che una percentuale elevata di animali domestici nelle famiglie di persone con COVID-19 finisce per sviluppare anticorpi. A causa del poco tempo disponibile per rilevare un’infezione in corso negli animali domestici, soprattutto se il loro proprietario è ancora malato e si trova in isolamento, è preferibile eseguire un esame del sangue dell’animale in un secondo momento per verificare la presenza di infezioni precedenti per la valutazione della trasmissione da uomo ad animale“.
Per quanto riguarda la cura degli animali domestici, la Prof. Bienzle raccomanda che le persone infette da SARS-CoV-2 non solo si tengano lontane dalle altre persone, ma anche dai loro animali domestici.
Ci sono ormai prove sufficienti derivanti da più studi, incluso il nostro, per raccomandare che le persone infette da SARS-CoV-2 dovrebbero restare isolate da persone e animali“.

Il suo team studierà la prevalenza degli anticorpi COVID-19 in  altre popolazioni di animali domestici nel prossimo futuro.
Fonte: European Society of Clinical Microbiology and Infectious Diseases

---L'articolo continua dopo la pubblicità---