Un farmaco più sicuro ed efficace per il trattamento del tipo più grave di infarto

Si è scoperto che la bivalirudina è sia più sicura che più efficace dell'eparina nel trattamento di pazienti con infarto cardiaco sottoposti a intervento coronarico percutaneo

0
425
Un farmaco più sicuro ed efficace per il trattamento del tipo più grave di infarto,DSED, fibrillazione atriale
Indice

Recenti ricerche indicano che la bivalirudina è un anticoagulante più sicuro ed efficace dell’eparina per il trattamento di pazienti con il tipo più grave di infarto cardiaco sottoposti a intervento coronarico percutaneo (PCI) urgente, con una riduzione del 31% del rischio di mortalità o sanguinamento maggiore.

Questi sono i risultati di un nuovo studio condotto dai ricercatori della Icahn School of Medicine del Mount Sinai. Questo è il primo studio clinico su larga scala per esaminare i due anticoagulanti più spesso utilizzati dopo il PCI e dimostra che la bivalirudina somministrata con un’infusione ad alte dosi da due a quattro ore riduce drasticamente la trombosi, il sanguinamento maggiore e la morte rispetto all’eparina.

I risultati sono stati recentemente annunciati in una presentazione del Late Breaking Clinical Trial durante le sessioni scientifiche dell’American Heart Association (AHA 22) a Chicago e sono stati pubblicati su The Lancet. Questa ricerca potrebbe avere implicazioni di vasta portata, alterando il trattamento di centinaia di migliaia di pazienti in tutto il mondo che soffrono di un grave blocco in un’arteria cardiaca, una condizione nota come infarto miocardico con sopraslivellamento del segmento ST o STEMI. È il tipo più grave di infarto.

Bivalirudina vs. Eparina

Riduzione del rischio di morte o sanguinamento maggiore dopo PCI primario in pazienti con STEMI trattati con monoterapia con eparina (curva blu) o bivalirudina con infusione post-procedura (curva rossa). L’hazard ratio di 0,69 indica una riduzione del rischio del 31%. L’ARR (riduzione del rischio assoluto) è stato dell’1,3%. L’NNT (numero di pazienti necessari per il trattamento per prevenire un decesso o una grande emorragia) era 76. Credito: Mount Sinai Health System

 



Per la prima volta, questo studio identifica il corso di trattamento migliore e più sicuro per i pazienti sottoposti a stent per il trattamento di un attacco di cuore STEMI“, afferma il co-Principal Investigator Gregg W. Stone, MD, Direttore degli affari accademici per il Mount Sinai Health System e Professore di Cardiologia e Scienze e politiche sulla salute della popolazione, presso Icahn Mount Sinai. “Rispetto all’eparina, la bivalirudina più una breve infusione ha sostanzialmente migliorato la probabilità di sopravvivere a uno STEMI e ha ridotto le due complicanze più temute: il sanguinamento maggiore e la trombosi dello stent“.

I pazienti colpiti da attacchi cardiaci STEMI sono stati inclusi nello studio “BRIGHT-4” e hanno ricevuto “PCI primario”, una procedura di stent di emergenza per mantenere la funzione del muscolo cardiaco. Durante questa operazione minimamente invasiva, i pazienti avranno bisogno di una terapia anticoagulante per aprire con successo l’arteria cardiaca bloccata e prevenire lo sviluppo di futuri coaguli di sangue e l’innesco di un altro infarto.

L’anticoagulante più comune utilizzato durante il PCI primario è l’eparina. Tuttavia, i suoi effetti possono essere alquanto imprevedibili, portando a tassi di sanguinamento e coaguli di sangue superiori a quelli desiderabili. Bivalirudin è un nuovo anticoagulante che ha effetti di “fluidificazione del sangue” più prevedibili. Eparina e bivalirudina sono state confrontate in sei precedenti ampi studi randomizzati su pazienti con STEMI, ma in quegli studi sono state somministrate con regimi e terapie di base diversi. Questa nuova ricerca valuta i due regimi più utilizzati di eparina e bivalirudina, che non sono mai stati confrontati direttamente tra loro in uno studio di dimensioni adeguate.

Il dottor Stone insieme a Yaling Han, MD, Ph.D., dello Shenyang Northern Hospital di Shenyang, in Cina, ha guidato un team di ricercatori per analizzare 6.106 pazienti arruolati nello studio in 87 centri in Cina tra febbraio 2019 e aprile 2022. Tutti sono stati sottoposti PCI primario per il trattamento dello STEMI, quasi tutti con una procedura che utilizzava l’arteria radiale del polso per mirare all’arteria cardiaca ostruita. I pazienti sono stati randomizzati per ricevere i due regimi più utilizzati di eparina e bivalirudina, che studi precedenti hanno dimostrato essere i più sicuri ed efficaci. Un gruppo ha ricevuto solo eparina, somministrata attraverso una flebo. L’altro gruppo ha ricevuto bivalirudina per via endovenosa, seguita da un’infusione endovenosa ad alte dosi per due o quattro ore dopo la procedura.

I ricercatori hanno seguito i pazienti per 30 giorni dopo la procedura, il periodo di tempo in cui i pazienti con STEMI sono a più alto rischio di eventi avversi. L’obiettivo principale dello studio era confrontare l’occorrenza di mortalità per tutte le cause o sanguinamento maggiore. I ricercatori hanno scoperto che il 4,4% dei pazienti trattati con eparina è deceduto o ha avuto un’emorragia maggiore entro 30 giorni, rispetto al 3,1% dei pazienti trattati con bivalirudina. Complessivamente, il gruppo bivalirudina ha avuto una riduzione del 31% del tasso di morte o sanguinamento maggiore rispetto ai pazienti del gruppo eparina, una riduzione statisticamente altamente significativa.

I ricercatori hanno quindi esaminato l’incidenza specifica della sola morte e del solo sanguinamento maggiore tra i gruppi. Hanno scoperto che i decessi sono stati ridotti dal 3,9% nei pazienti trattati con eparina al 3,0% nei pazienti trattati con bivalirudina. Anche il sanguinamento grave è stato ridotto dallo 0,8% nel gruppo eparina allo 0,2% nel gruppo bivalirudina. Entrambe queste differenze sono statisticamente significative.

Hanno anche analizzato il tasso di trombosi dello stent, una complicazione che si verifica quando il vaso si chiude bruscamente a causa di un coagulo di sangue che in genere porta a un secondo infarto o alla morte. Anche questo era inferiore nel gruppo bivalirudina allo 0,4% rispetto all’1,1 nel gruppo eparina, ancora una volta una riduzione statisticamente significativa.

Questi risultati sono drammatici“, ha detto il dottor Stone. “La semplice decisione di utilizzare la bivalirudina durante il PCI primario nei pazienti con attacchi di cuore, che ora è generica e quindi poco costosa, può salvare centinaia di migliaia di vite all’anno e prevenire emorragie maggiori e trombosi dello stent rispetto all’eparina“.

Riferimento: “Bivalirudin plus a high-dose infusion versus heparin monotherapy in patients with ST-segment elevation myocardial infarction undergoing primary percutaneous coronary intervention: a randomised trial” di Yi Li, MD, Zhenyang Liang, MD, Lei Qinessor, MD, Prof Wang , MD, Xianzhao Wang, MD, Huanyi Zhang, MD, Yin Liu, MD, Professor Yan Li, MD, Zhisheng Jia, MD, Professor Limin Liu, MD, Professor Hongyan Zhang, MD, Jun Luo, MD, Songwu Dong, MD , Professor Jincheng Guo, MD, Hengqing Zhu, MD, Shengli Li, MD, Haijun Zheng, MD, Professor Lijun Liu, MD, Professor Yanqing Wu, MD, Professor Yiming Zhong, MD, Miaohan Qiu, MD, Professor Yaling Han, MD e Professor Gregg W Stone, MD, 6 novembre 2022, The Lancet DOI :
10.1016/S0140-6736(22)01999-7

Lo studio BRIGHT-4 era uno studio organizzato e sponsorizzato dai ricercatori. Lo studio è stato finanziato dalla Chinese Society of Cardiology Foundation con una borsa di ricerca della Jiangsu Hengrui Pharmaceuticals Co., Ltd.

2