Sequenziato l’RNA di un lupo di 14.300 anni conservato nel permafrost

Importante successo per la genetica

27840

Gli scienziati hanno trascritto con successo sequenze di RNA da tessuto epatico appartenente a un lupo di 14.300 anni conservato nel permafrost.

Quando i ricercatori hanno scoperto che il canide del pleistocene – un lupo o un ibrido cane-lupo, gli scienziati non sono sicuri – hanno deciso di usare l’animale per dimostrare che l’RNA può sopravvivere per migliaia di anni.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La codifica genetica di ogni organismo vivente esiste sotto forma di DNA. All’interno delle cellule viventi, le copie del DNA vengono trascritte per produrre copie “vive” chiamate RNA. L’RNA viene utilizzato per produrre le varie proteine ​​che alimentano le numerose funzioni biologiche di un organismo.

Tipicamente, l’RNA ha una durata relativamente breve. Il DNA viene costantemente trascritto ed espresso tramite RNA, ma le copie dell’RNA vengono rapidamente scomposte e riciclate. Tuttavia, gli scienziati hanno precedentemente identificato antiche copie di RNA nei resti di piante e i ricercatori si chiedevano da tempo se sequenze di RNA riconoscibili potrebbero essere sopravvissute all’interno di cellule animali ben conservate.

Precedentemente i ricercatori del DNA erano riluttanti a tentare di sequenziare l’antico RNA perché è generalmente più instabile del DNA e più incline al degrado enzimatico“, ha detto Oliver Smith dell’Università di Copenaghen in un comunicato stampa. “Tuttavia, in seguito ai nostri recenti successi nel sequenziare l’antico RNA da materiale vegetale, abbiamo ipotizzato che un esemplare animale ben conservato, congelato nel permafrost, potesse avere trattenuto abbastanza materiale da sequenziare“.

Smith e i suoi partner hanno sequenziato copie di RNA dall’antico tessuto epatico e le hanno confrontate con sequenze di RNA di moderni lupi e cani. L’analisi – dettagliata questa settimana sulla rivista PLOS One – ha dimostrato che l’antico RNA non era stato degradato o corrotto.

I ricercatori hanno identificato trascrizioni specifiche nel fegato dell’antico RNA che corrispondevano alla codifica nell’RNA di moderni lupi e cani.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Fino ad ora, il più antico RNA trascritto aveva solo 1.300 anni. Gli scienziati stimano che in più campioni di tessuto congelato sarà possibile identificare RNA opportunamente conservato, ma è improbabile che i paleontologi siano in grado di trovarne abbastanza per rendere la paleo-trascrittomica – l’analisi dell’RNA su larga scala – una realtà.

Ma anche se la paleo-trascrittomica è improbabile, i ricercatori suggeriscono che l’analisi dell’RNA potrebbe ispirare una varietà di nuovi sforzi scientifici.

Sapendo che l’RNA agisce da intermediario tra il DNA e le proteine, entrambi più stabili, potrebbe essere allettante chiedersi, ‘allora?’ Ma pensiamo che il futuro dell’antico RNA abbia un grande potenziale“, ha detto Smith.

Ad esempio, molti dei virus clinicamente più rilevanti oggi hanno genomi basati sull’RNA e lo stadio dell’RNA è spesso cruciale per comprendere le complessità della regolazione genica. Ciò potrebbe avere ripercussioni quando si discutono gli stress ambientali e i ceppi che guidano l’evoluzione“.