Triangolo delle Bermuda, nessun mistero dietro le sparizioni di aerei e navi

Karl Kruszelnicki afferma che le probabilità sono la causa principale delle sparizioni del Triangolo delle Bermuda. E non è l'unico

0
482
Ricercatore sostiene di aver risolto il mistero del triangolo delle Bermuda
Ricercatore sostiene di aver risolto il mistero del triangolo delle Bermuda

Scegli un caso qualsiasi tra le oltre 50 navi e i 20 aerei scomparsi nel Triangolo delle Bermuda nel secolo scorso. Ognuno di questi casi si ritrova con una storia senza fine, una sterminata letteratura che porta a una litania di teorie del complotto sulle sparizioni nell’area, segnata approssimativamente dalla costa della Florida, dalle isole Bermuda e dalle Grandi Antille.

Il ricercatore australiano Karl Kruszelnicki, insieme alla National Oceanic and Atmospheric Association (NOAA) degli Stati Uniti, non condivide la reputazione soprannaturale del Triangolo delle Bermuda. Entrambi dicono da anni che non c’è davvero nessun mistero del Triangolo delle Bermuda. In effetti, la perdita e la scomparsa di navi e aerei in quell’area rientrerebbe all’interno di un mero dato di probabilità statistica.

Non ci sono prove che nel Triangolo delle Bermuda avvebgano sparizioni misteriose con una frequenza maggiore rispetto a qualsiasi altra grande area dell’oceano ben frequentata“, ha scritto il NOAA nel 2010 nelle conclusioni di un’indagine.

E dal 2017 Kruszelnicki dice la stessa cosa. In una intervista rilasciata a The Independent   Ha affermato che l’analisi dell’enorme volume di traffico aereo marittimo che percorre quell’area, una zona difficile da navigare, mostra che “su base percentuale, il numero [di navi e aerei] che scompaiono nel Triangolo delle Bermuda è lo stesso di qualsiasi altra parte del mondo su base percentuale.”

Secondo il ricercatore, sia i Lloyd’s di Londra che la Guardia Costiera degli Stati Uniti sostengono questa idea. In effetti, come osserva The Independent, i Lloyd’s di Londra sostengono questa stessa teoria sin dagli anni ’70.

Il NOAA afferma che le considerazioni ambientali possono spiegare la maggior parte delle sparizioni del Triangolo delle Bermuda, evidenziando la tendenza della Corrente del Golfo a provocare violenti cambiamenti del tempo, il numero di isole nel Mar dei Caraibi che offrono una complicata avventura di navigazione e le prove che suggeriscono che nel triangolo delle Bermuda avvengono fenomeni magnetici che possono causare un malfunzionamernto delle nussole, causando confusione nel wayfinding.



La Marina degli Stati Uniti e la Guardia costiera degli Stati Uniti sostengono che non ci sono spiegazioni soprannaturali per i disastri in quell’area di mare“, afferma il NOAA. “La loro esperienza suggerisce che le forze combinate della natura e della fallibilità umana superano anche la fantascienza più spinta“.

Kruszelnicki ha regolarmente attirato l’attenzione del pubblico per aver sposato questi stessi pensieri sul Triangolo delle Bermuda, prima nel 2017 e poi di nuovo nel 2022 prima di riemergere ancora una volta nel 2023. In tutto questo, è rimasto fedele alla stessa idea: i numeri non mentono.

Anche con alcune sparizioni di alto profilo, come il Volo 19, un gruppo di cinque aerosiluranti TBM Avenger della US Navy persi nel 1945, che ha davvero colpito la fantasia popolare sul mistero del triangolo delle Bermuda, Kruszelnicki sottolinea che ogni caso contiene un grado di maltempo o probabile errore umano. (o entrambi, come nel caso del volo 19) come vero colpevole.

Ma le leggende metropolitane vengono alimentate costantemente dalle teorie complottiste sul Triangolo delle Bermuda. I concetti di mostri marini, alieni e persino Atlantide che giace sul fondo dell’oceano sono spunti furbeschi per libri, televisione e film. Sicuramente suonano più eccitanti e suggestivt  del banale cattivo tempo e delle probabilità matematiche.

Anche se la “noiosa” realtà tiene all’esame scientifico più delle fantasiose teorie alternative.

2