Registrato un lampo radio radio veloce nella Via Lattea

Un "Fast Radio Burst" o lampo radio veloce insolitamente intenso proveniente da una magnetar situata all'interno della nostra galassia, la Via Lattea, è stato rilevato lo scorso 28 aprile

0
4820
Indice

Un team di astronomi canadesi, inclusi ricercatori del McGill Space Institute e del Dipartimento di fisica della McGill University hanno suggerito che le magnetar, un tipo di stella di neutroni che si ritiene abbia un campo magnetico estremamente potente, emetterebbero lampi radio veloci (FRB). Il fenomeno, nonostante le numerose ricerche effettuate, lascia aperto il dibattito nella comunità scientifica.
Un “Fast Radio Burst” o lampo radio veloce, insolitamente intenso proveniente da una vicina magnetar situata all’interno della nostra galassia, la Via Lattea, è stato rilevato lo scorso 28 aprile da un gruppo di circa 50 studenti, postdoc e professori del Canadian Hydrogen Intensity Mapping Experiment (CHIME) Fast Radio Burst Collaboration. Lo studio, pubblicato oggi sulla rivista Nature, mostra che l’intensità del lampo radio veloce era tremila volte più intenso di quello emesso da qualsiasi magnetar misurata fino ad oggi, dando peso alla teoria secondo cui le magnetar sono all’origine di almeno alcuni degli FRB riscontrati finora. Curiosamente, il lampo radio veloce è stato accompagnato da un burst a raggi X
Pragya Chawla, uno dei co- autori dello studio e un dottorando senior, studente del Dipartimento di Fisica della McGill ha affermato:
“Abbiamo calcolato che un’esplosione così intensa proveniente da un’altra galassia sarebbe indistinguibile da alcune esplosioni radio veloci, quindi questo dà davvero peso alla teoria che suggerisce che le magnetar potrebbero essere dietro almeno alcuni FRB”.
La definizione “lampi radio veloci” è una descrizione calzante del fenomeno FRB: sono lampi luminosi di onde radio con durate sulla scala dei millisecondi. Scoperti per la prima volta nel 2007, la loro natura di breve durata rende particolarmente complesso individuarli e determinare la loro posizione nella volta celeste. L’ampio ventaglio di teorie proposte per spiegare il fenomeno è maggiore dello stesso numero di FRB scoperti. Gran parte delle teorie invocano alcuni tipi di resti stellari come fonti di FRB. In particolare, giovani stelle di neutroni altamente magnetizzate note come magnetar sono ritenute essere le candidate principali, perché i loro forti campi magnetici potrebbero agire come “motori” che guidano gli FRB.
Il lampo radio veloce galattico è stato registrato il 27 aprile 2020, quando due osservatori spaziali – il Neil Gehrels Swift Observatory e il Fermi Gamma-ray Space Telescope – hanno rilevato molteplici esplosioni di emissioni di raggi X / raggi γ provenienti dalla magnetar galattica SGR 1935 + 2154. Il giorno dopo, la stessa regione del cielo è stata scandagliata dai telescopi terrestri dell’emisfero occidentale. Due radiotelescopi – il Canadian Hydrogen Intensity Mapping Experiment (CHIME) e il Survey for Transient Astronomical Radio Emission 2 (STARE2), negli Stati Uniti – hanno rilevato un FRB in quella regione del cielo. Il FRB è stato denominato FRB 200428 ed è il primo FRB per il quale sono state rilevate emissioni diverse dalle onde radio, il primo registrato nella Via Lattea e il primo ad essere associato a una stella magnetar. Inoltre è anche il lampo radio più luminoso emesso da una magnetar galattica che sia stato misurato finora, il che potenzialmente risolve un enigma chiave in questo campo. Questa osservazione dimostra che le magnetar potrebbero essere almeno alcune delle sorgenti degli FRB.
Come ha spiegato Ziggy Pleunis, Ph.D. student del dipartimento di fisica della McGill e uno dei coautori del nuovo studio:
“Finora, tutti gli FRB rilevati da telescopi come CHIME erano in altre galassie, il che li rende piuttosto difficili da studiare in grande dettaglio. Inoltre, la teoria magnetar non era supportata dalle osservazioni delle magnetar nella nostra galassia poiché si è scoperto che erano molto meno intense rispetto all’energia rilasciata dagli FRB extragalattici fino ad ora”.
Mentre il Dr. Paul Scholz dal Dunlap dell’Institute of Astronomy and Astrophysics presso l’Università di Toronto ha concluso dicendo:
“Tuttavia, dati i grandi divari nell’energia e nell’attività tra le sorgenti FRB più luminose e più attive e ciò che si osserva per le magnetar, forse sono necessarie magnetar più giovani, più energiche e attive per spiegare tutte le osservazioni FRB”.
La prova di una pistola fumante dell’origine magnetar per alcuni FRB verrebbe dal rilevamento simultaneo di una raffica radio extragalattica e una raffica di raggi X. Tuttavia, questo sarà probabilmente possibile solo per FRB vicini. Fortunatamente, CHIME / FRB li sta scoprendo in buon numero.
Fonte: https://phys.org/news/2020-11-short-intense-radio-milky.html

2