8.4 C
Rome
lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaPrimi dati ed immagini da Solar orbiter dell'ESA - video

Primi dati ed immagini da Solar orbiter dell’ESA – video

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Il Solar Orbiter dell’Agenzia spaziale europea (ESA) ha effettuato un incontro ravvicinato con il Sole (perielio) lo scorso 26 marzo, arrivando a una distanza di circa 48 milioni di chilometri all’interno dell’orbita di Mercurio. A quella distanza dal Sole, le temperature raggiungono circa 500 gradi Celsius.

Mentre orbitava intorno al Sole, la navicella ha visto la nostra stella come non l’avevamo mai visto prima e ha ripreso viste dettagliate dei poli solari.

Queste nuove osservazioni, riprese con i 10 strumenti scientifici del Solar Orbiter, dovrebbero fornire una grande quantità di dati per capire il comportamento del Sole, compresi i suoi campi magnetici, e il clima a volte caotico che pervade lo spazio interplanetario.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ora l’ESA ha rilasciato il video dell’incontro, per una vista dall’occhio della sonda della nostra magnifica stella.

Solar Orbiter è destinato a fare un’enorme differenza per la scienza solare, non ultimo perché può mostrarci parti del Sole che di solito non possiamo vedere. Ad esempio, a causa del punto di osservazione dalla Terra in orbita attorno all’equatore solare, i suoi poli sono estremamente difficili da studiare; solo un veicolo spaziale in orbita sopra e sotto il Sole può vedere quelle regioni.

Si ritiene che le regioni polari siano estremamente importanti per i campi magnetici solari che svolgono un ruolo così importante nell’attività solare. Tuttavia, poiché i poli sono così difficili da vedere, non sappiamo cosa succede ai campi magnetici lì. Con la sua suite di strumenti, Solar Orbiter offre una visione senza precedenti di queste regioni.

La sua vista del polo sud solare il 30 marzo ha rivelato una regione ribollente con linee di campo magnetico in loop che si allontanano dal Sole.

Il “riccio” solare è un altro evento affascinante. Anch’esso è stato catturato il 30 marzo e i fisici solari devono ancora capire esattamente di cosa si tratta e come si è formato. Consiste in una regione relativamente piccola di circa 25.000 chilometri di diametro, ripresa nell’ultravioletto estremo per rivelare l’attività al suo interno.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

E quale attività: picchi caldi e meno caldi di gas solare sporgono in tutte le direzioni nella corona solare, o atmosfera, come la testata del letto solare. “Le immagini sono davvero mozzafiato“, afferma il fisico David Berghmans dell’Osservatorio reale del Belgio.

Anche se Solar Obiter smettesse di acquisire dati domani, sarei impegnato per anni a cercare di capire tutte queste cose“.

L’obiettivo principale di Solar Orbiter è aiutare gli scienziati a comprendere l’effetto che il Sole ha sull’intera eliosfera, o la sfera di influenza solare definita dal vento solare, il cui confine si estende oltre l’orbita di Plutone. Quel vento solare soffia particelle e campi magnetici nello spazio interplanetario, aggrovigliandosi con i pianeti con effetti tangibili.

Più Solar Orbiter si avvicina al Sole, meglio sarà in grado di campionare come soffia il vento solare. Mentre si avvicinava al perielio, il 21 marzo, ha rilevato un deflusso di particelle energetiche e, anche da questa distanza, il rilevamento è stato rivelatore. Le particelle più energetiche sono arrivate per prime, seguite da quelle meno energetiche. Ciò ha suggerito che le particelle non sono state prodotte vicino alla posizione di Solar Orbiter, ma vicino alla superficie del Sole.

Altri strumenti hanno rilevato eventi solari che potrebbero aver prodotto le particelle, accelerandole nello spazio, tra cui un bagliore solare e un’espulsione di massa coronale, non dissimili da un CME osservato dalla navicella spaziale il 10 marzo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il Sole è attualmente abbastanza attivo, il che significa che la navicella spaziale trascinerà a casa carichi assoluti di dati preziosi sull’attività solare. Ha almeno altri 14 avvicinamenti in programma prima del 2030, in cui si avvicinerà fino a 40 milioni di chilometri dal Sole, usando i passaggi ravvicinati di Venere per aumentare la sua velocità mentre gira.

Questo primo perielio, così ricco di nuovi dati e osservazioni, è un allettante assaggio dei dati che potremo rilevare. “Siamo così entusiasti della qualità dei dati del nostro primo perielio“, afferma il fisico Daniel Müller, Project Scientist dell’ESA per Solar Orbiter. “È quasi difficile credere che questo sia solo l’inizio della missione. Saremo davvero molto impegnati“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Articoli più letti