sabato, Gennaio 28, 2023
Home Ricerca della vita

Potremmo rilevare la vita su Encelado senza doverci atterrare

La luna di Saturno Encelado è uno dei principali luoghi extraterrestri del Sistema Solare in cui potrebbe esserci la vita

3458
Potremmo rilevare la vita su Encelado senza doverci atterrare
Potremmo rilevare la vita su Encelado senza doverci atterrare

La luna di Saturno Encelado è uno dei principali luoghi extraterrestri del Sistema Solare in cui potrebbe esserci la vita. Ospita un oceano salato globale che il riscaldamento interno dovuto alle forze di marea gravitazionali generate da Saturno potrebbe mantenere, teoricamente, a temperature ospitali per un ecosistema marino alieno.

Rilevare l’eventuale presenza della vita al suo interno, tuttavia, non è una cosa facile. La luna è avvolta da un guscio di ghiaccio che si stima abbia uno spessore di 5 chilometri nel suo punto più sottile e l’oceano sottostante dovrebbe essere profondo 10 chilometri. Effettuare rilevamenti in un ambiente simile rappresenterebbe una sfida abbastanza grande qui sulla Terra, ancora di più lo è su una luna a mezzo Sistema Solare di distanza.

Ma dopotutto potrebbe non essere necessario perforare il guscio di ghiaccio su Encelado. Un nuovo studio rileva che dovremmo essere in grado di rilevare la vita sulla luna ghiacciata nei pennacchi di acqua salata che eruttano dalla sua superficie.

Pennacchi Su Encelado
Immagine di Cassini-Huygens dei geyser che eruttano dal guscio ghiacciato di Encelado. ( NASA/JPL/Istituto di scienze spaziali )

Chiaramente, mandare un robot a strisciare attraverso le fessure del ghiaccio e immergersi in profondità nel fondo del mare non sarebbe facile“, afferma il biologo evoluzionista Regis Ferrière dell’Università dell’Arizona.

Simulando i dati che potrebbe rilevare un veicolo spaziale in orbita intorno ad Encelado dai pennacchi, il nostro team ha ora dimostrato che questo approccio sarebbe sufficiente per determinare con sicurezza se c’è o meno vita nell’oceano di Encelado senza dover effettivamente sondare le profondità della luna. Questa è una prospettiva elettrizzante“.

Encelado è molto diverso dalla Terra; è improbabile che brulichi di mucche e farfalle. Nelle profondità dell’oceano terrestre, però, lontano dalla luce vivificante del Sole, abbiamo scoperto un diverso tipo di ecosistema. Le forme di vita raggruppate attorno alle sorgenti idrotermali nel fondo dell’oceano non si basano sulla fotosintesi ma sullo sfruttamento dell’energia delle reazioni chimiche.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ciò che sappiamo di Encelado suggerisce che sul fondo del suo oceano potrebbero esserci ecosistemi simili. Encelado completa un’orbita di Saturno ogni 32,9 ore, viaggiando su un percorso ellittico che flette l’interno della luna e questo potrebbe generare abbastanza calore da mantenere liquida l’acqua più vicina al nucleo.

Non stiamo parlando solo di teoria: giganteschi pennacchi d’acqua alti centinaia di chilometri sono stati visti eruttare da sotto il ghiaccio, al polo sud, dove il guscio di ghiaccio è più sottile, eruttando acqua che, secondo gli scienziati, contribuisce alla formazione del ghiaccio presente negli anelli di Saturno.

Quando la sonda Cassini ha attraversato questi pennacchi oltre un decennio fa, ha rilevato diverse molecole interessanti, tra cui alte concentrazioni di una raccolta associabile alle prese d’aria idrotermali della Terra: metano e quantità minori di di idrogeno e anidride carbonica. Questa composizione induce i ricercatori ad associazioni con i microorganismi di tipo archaea produttori di metano qui sulla Terra.

Sul nostro pianeta, le prese d’aria idrotermali brulicano di vita, grandi e piccole, nonostante l’oscurità e la forte pressione“, ha detto Ferrière. “Le creature viventi più semplici sono microbi chiamati metanogeni che si alimentano anche in assenza di luce solare“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I metanogeni metabolizzano il diidrogeno e l’anidride carbonica, rilasciando metano come sottoprodotto. Ferrière ed i suoi colleghi hanno modellato la biomassa metanogena che potremmo aspettarci di trovare su Encelado se questa biomassa esistesse attorno a camini idrotermali come quelli trovati sulla Terra.

Hanno quindi modellato la probabilità che le cellule e altre molecole biologiche vengano espulse attraverso le prese d’aria e la quantità di questi materiali che potremmo rilevare.

Siamo stati sorpresi di scoprire che l’ipotetica abbondanza di cellule equivarrebbe solo alla biomassa di una singola balena nell’oceano globale di Encelado“, ha affermato il biologo evoluzionista Antonin Affholder, ora dell’Università dell’Arizona, ma che era all’università Paris Sciences et Lettres in Francia al momento della ricerca.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La biosfera di Encelado potrebbe essere molto scarsa. Eppure i nostri modelli indicano che potrebbe alimentare i pennacchi con molecole o cellule organiche sufficienti per essere raccolti dagli strumenti a bordo di un futuro veicolo spaziale“.

Un veicolo spaziale in orbita potrebbe essere in grado di rilevare questi elementi, se potesse attraversare i pennacchi raccogliendo materiale sufficiente. Anche allora, potrebbe non esserci abbastanza materiale biologico e la possibilità che una cellula possa sopravvivere al viaggio attraverso il ghiaccio e essere espulsa nello spazio è probabilmente piuttosto scarsa.

In assenza di una tale pistola fumante, il team suggerisce che gli amminoacidi come la glicina servirebbero come firma alternativa e indiretta se i quantitativi di questa sostanza suoerassero una certa soglia.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Considerando che, secondo i calcoli, qualsiasi forma di vita presente su Encelado sarebbe estremamente scarsa, c’è ancora una buona possibilità che non troveremo mai abbastanza molecole organiche nei pennacchi per arrivare ad una conclusione senza ambiguità“, dice Ferrière.

Quindi, piuttosto che concentrarci sulla questione di quanto materiale organico sia necessario per dimostrare che Encelado ospita la vita, ci siamo chiesti: ‘Qual è la quantità massima di materiale organico che potrebbe essere presente nei pennacchi in assenza di vita?‘”

Queste cifre, affermano i ricercatori, potrebbero aiutare a progettare future missioni negli anni a venire. Nel frattempo, dovremo continuare a chiederci come potrebbe essere un ecosistema nelle profondità dell’oceano su una luna in orbita attorno a Saturno.

La ricerca del team è stata pubblicata su The Planetary Science Journal.