Pienamente operativo il maxi telescopio cinese FAST

FAST amplia di quattro volte il volume della gamma spaziale che i radiotelescopi possono effettivamente esplorare, il che significa che gli scienziati possono scoprire più stelle sconosciute, fenomeni cosmici e leggi dell'universo o persino rilevare la vita extraterrestre

0
2909
Indice

Dopo un lungo periodo di prova durato oltre tre anni, durante il quale ha comunque compiuto parecchie interessanti osservazioni, il radiotelescopio cinese “The Five-hundred-meter Aperture Spherical radio Telescope”(FAST) è ora pienamente operativo e sarà accessibile gradualmente agli astronomi di tutto il mondo, consentendo di sondare i misteri dell’evoluzione del cosmo.
Il telescopio ha superato tutti i test e gli indicatori tecnici hanno raggiunto o superato il livello previsto, e le sue prestazioni saranno le migliori al mondo, ha dichiarato Shen Zhulin, un funzionario della National Development and Reform Commission, durante una riunione di messa in servizio sabato.
Il radiotelescopio FAST è un telescopio a piatto unico con un diametro di 500 metri e un’area di ricezione equivalente a circa 30 campi da calcio. E’ stato assemblato in una depressione carsica naturale nella provincia di Guizhou, nel sud-ovest della Cina.
Secondo Jiang Peng, ingegnere capo del telescopio, ora che FAST è al massimo dell’operatività, lavorerà a pieno regime consentendo importanti scoperte entro i prossimi due o tre anni
In oltre due anni di osservazioni, FAST ha identificato 102 nuove pulsar, più del numero totale di pulsar scoperte da gruppi di ricerca in Europa e negli Stati Uniti nello stesso periodo.
Ha anche migliorato la precisione di temporizzazione delle pulsar a circa 50 volte il livello precedente, consentendo di rilevare per la prima volta onde gravitazionali a bassa frequenza di Nahertz.
Soprannominato “China Sky Eye“, FAST è circa 2,5 volte più sensibile del secondo telescopio più grande del mondo e in grado di ricevere un massimo di 38 gigabyte di informazioni al secondo.
FAST ha ampliato di quattro volte il volume della gamma spaziale che i radiotelescopi possono effettivamente esplorare, il che significa che gli scienziati possono scoprire più stelle sconosciute, fenomeni cosmici e leggi dell’universo o persino rilevare la vita extraterrestre, ha affermato Li Kejia, uno scienziato del Kavli Institute for Astronomy and Astrophysics presso l’Università di Pechino.
Carl Heiles, professore di astronomia all’Università della California, Berkeley e membro della National Academy of Sciences degli Stati Uniti, ha affermato che FAST ha offerto opportunità rivoluzionarie all’astronomia, in particolare nell’identificazione delle pulsar e nell’osservazione delle nuvole interstellari.
Con un costo di quasi 1,2 miliardi di yuan (circa 170 milioni di dollari USA), FAST è stato completato a settembre 2016, oltre 20 anni dopo essere stato proposto dagli astronomi cinesi.
Yan Jun, ex direttore degli Osservatori astronomici nazionali dell’Accademia cinese delle scienze e project manager di FAST, ha affermato che con crescente forza economica e maggiori investimenti nella ricerca scientifica di base, la Cina è pronta a dare maggiori contributi alla causa comune dell’umanità.
Già 10 scienziati provenienti da Stati Uniti, Gran Bretagna e Pakistan hanno lavorato presso FAST. Sono previste ulteriori collaborazioni globali in aree come il rilevamento delle onde gravitazionali e l’interferometria a lunghissima base (VLBI) a seguito del suo funzionamento formale.
Per garantire le prestazioni di FAST, circa 7000 residenti che vivevano nelle vicinanze sono stati trasferiti, prima di tornare in una città a 10 km dal telescopio. Un parco a tema astronomico è stato costruito intorno al sito di FAST, attirando un gran numero di visitatori e turisti.
Fonte: http://www.xinhuanet.com/english/2020-01/11/c_138696973.htm

2