‘Oumuamua potrebbe essere un conglomerato di polvere cosmica

La roccia spaziale interstellare potrebbe essersi formata dalla polvere portata via dal nucleo di una cometa al di fuori del nostro sistema solare.

0
2174
Indice
Da quando ha attraversato il nostro sistema solare, il visitatore interstellare ‘Oumuamua ha incuriosito e perplesso gli scienziati. Ora, è emersa una nuova teoria secondo cui la roccia spaziale a forma di sigaro potrebbe effettivamente essere un conglomerato di polvere stellare.
Qui sulla Terra, si formano ammassi di polvere e detriti tenuti insieme dall’elettricità statica che fluttuano sotto i mobili, mossi dalle correnti d’aria. Ma gli scienziati dietro il nuovo studio dichiarano che ‘Oumuamua, il primo oggetto interstellare mai avvistato nel nostro sistema solare , potrebbe essere un grosso conglomerato di polvere.

Lo studio, condotto da Jane Luu, astronomo dell’Università di Oslo in Norvegia, dichiara che la roccia spaziale interstellare potrebbe essersi formata dalla polvere portata via dal nucleo di una cometa al di fuori del nostro sistema solare. Questa roccia, un accumulo di rocce e polvere della cometa, sarebbe spinta attraverso lo spazio dalla radiazione solare e ha finito per fare un breve giro nel nostro sistema solare.

Dopo che gli scienziati hanno scoperto ‘Oumuamua nel 2017, hanno formulato una miriade di teorie su ciò che potrebbe essere l’oggetto, come si sia potuto formare e come sta viaggiando così velocemente attraverso lo spazio. Le teorie che circondano l’oggetto hanno dovuto considerare la strana forma a sigaro di ‘Oumuamua e la sua alta velocità, di circa 92.000 km / h.

I ricercatori hanno supposto che, forse, l’oggetto sia formato da idrogeno solido che quando si avvicina a una stella  si trasforma in gas e spinge ‘Oumuamua in avanti. Alcuni scienziati hanno suggerito che forse l’oggetto, che sembrava essere a forma di sigaro, in realtà sia più simile a un disco. Altri ancora si chiedono se l’oggetto possa essere una vela solare aliena costruita da una specie aliena intelligente.
Nella nuova ricerca, Luu e il suo team hanno suggerito che un grosso pezzo di roccia potrebbe aver rotto  il nucleo di una cometa e, quando le particelle di polvere e gas fluirono dal nucleo, si sarebbero attaccate al frammento roccioso, formando infine ‘Oumuamua. Con il passare del tempo, man mano che il frammento cresceva, il gas che scorreva dalla cometa avrebbe  spinto la roccia polverosa nello spazio.

Luu pensa che con tecnologie di rilevamento del cielo come il telescopio Pan-STARRS 1, che ha individuato per la prima volta ‘Oumuamua nel 2017, inizieremo a vedere sempre più intrusi interstellari come’ Oumuamua. Il telescopio Pan-STARRS 1 delle Hawaii, situato sopra la cima del vulcano Haleakala di Maui, è centrale nella caccia alle rocce spaziali e può vedere oggetti estremamente deboli come ‘Oumuamua.
Osservare nuovi viaggiatori interstellari è vitale, poiché la velocità di ‘Oumuamua ha consentito agli scienziati di osservarlo nel nostro sistema solare solo per poche settimane. Individuando nuovi oggetti, gli scienziati potrebbero anche vedere se si sono formati nel modo proposto dal team di Luu nella nuova ricerca su ‘Oumuamua.
Questo lavoro è stato pubblicato su Astrophysical Journal Letters.

2