Oltre TESS: i futuri cacciatori di esopianeti

Tess è giunto solo a metà della sua missione e già si guarda avanti, ai nuovi telescopi orbitali che offriranno l'occasione di studiare più approfonditamente gli esopianeti individuati

0
364
Indice

Alla prima conferenza scientifica annuale TESS, che si è tenuta al Massachusetts Institute of Technology dal 29 luglio al 2 agosto, i ricercatori hanno condiviso il primo anno di risultati scientifici ottenuti dal Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA.

TESS ha finora rilevato ben 993 nuovi mondi di qui 28 sono già confermati. Alcuni di questi mondi si trovano all’interno della “zona abitabile” della loro stella, il che significa che potrebbero essere in grado di sostenere l’acqua liquida sulla loro superficie.

Ma oltre a parlare delle scoperte fatte da TESS, i ricercatori non vedono l’ora di sapere cos’altro possiamo imparare da questi esopianeti. Alla conferenza sono state presentate due missioni di follow-up che cercheranno di farlo: TARdYS (lo spettrografo Tao Aiuc ad alta risoluzione con banda Y) e CHEOPS (Characterising Exoplanet Satellite).

TARdYS, è una collaborazione tra l’Harvard College Observatory e la Pontificia Universidad Católica de Chile, è un telescopio terrestre progettato per analizzare la “velocità radiale” e la massa di un esopianeta.
Osservando il cambiamento di colore della stella di un esopianeta – leggermente blu se si sposta verso l’osservatore e leggermente rosso se si allontana – i ricercatori possono valutare il rimorchio gravitazionale di un esopianeta e ottenere una stima minima per la massa del pianeta.

TARdYS si concentrerà sull’emisfero celeste meridionale, che TESS ha studiato durante il suo primo anno di attività. Sarà uno degli unici spettrografi nel vicino infrarosso incentrati su quella regione.
Surangkhana Rukdee, la ricercatrice che ha presentato TARdYS alla conferenza e che ha lavorato al progetto per il suo dottorato, ha detto a Space.com che “TARdYS sarà una grande risorsa per esplorare ulteriormente gli esopianeti scoperti da TESS”.



TESS, utilizza il metodo chiamato “transito“, il metodo cerca cali di luminosità della stella madre quando un pianeta le orbita davanti rispetto alla prospettiva di chi osserva. Il metodo del transito aiuta a determinare le dimensioni del pianeta, ma per avere altri dati, quali la densità e la massa è utile avere il follow-up da un osservatorio a terra per confermare il rilevamento.
Avendo dati sia dalla misurazione del transito sia dalla velocità radiale, possiamo raccogliere campioni ben definiti, in particolare quelli simili alla Terra, per caratterizzare ulteriormente le atmosfere degli esopianeti“, ha spiegato Rukdee in una email a Space.com.

L’approccio del sistema TARDyS verificherà i risultati ottenuti da TESS e integrerà le misure di velocità radiale in corso, come lo spettrografo ESPRESSO dell’Osservatorio europeo meridionale. Inoltre TARDyS cercherà anche alcuni nuovi pianeti extrasolari.
Il telescopio sarà installato presso l’Osservatorio Atacama dell’Università di Tokyo e dovrebbe iniziare le operazioni nel 2020, ha affermato Rukdee.

Un altro telescopio che mira a esplorare ulteriormente i risultati degli esopianeti è CHEOPS, una missione unica nel suo genere da parte dell’Agenzia spaziale europea (ESA) in collaborazione con la Svizzera. CHEOPS è un piccolo satellite scientifico progettato per utilizzare la fotometria ad alta precisione per saperne di più sulla densità degli esopianeti di dimensioni tra la Terra e Nettuno. Studiare tali caratteristiche aiuterà i ricercatori a saperne di più sulla struttura interna, sulla composizione e sull’evoluzione dei mondi alieni, ha detto la scienziata del progetto CHEOPS Kate Isaak.

Abbiamo la massa degli esopianeti dalle osservazioni terrestri grazie a CHEOPS, e quindi siamo in grado di determinarne la densità e da ciò, saremo in grado di imparare qualcosa sulla struttura del pianeta – di cosa è probabilmente fatto. E da quello… potremo capire qualcosa sulla formazione e l’evoluzione di questi pianeti più piccoli.”

Un aspetto che differenzia CHEOPS da TESS, ha raccontato Isaak a Space.com, è la capacità del primo di orientarsi e puntare diversi esopianeti precedentemente identificati nel cielo. A volte TESS può solo intravedere il transito di un esopianeta poiché lo strumento scansiona sistematicamente il cielo, ma CHEOPS sarà un po ‘più flessibile. Secondo Isaak ciò aiuterà l’osservatorio a individuare potenziali obiettivi per missioni future, come il James Webb Space Telescope della NASA.

Siamo in grado di cercare pianeti che hanno ancora e possono mantenere le loro atmosfere, quindi, forniremo i migliori obiettivi [eseguendo] questa caratterizzazione del primo passo, e poi saremo in grado di dire:” OK, questi sono i migliori obiettivi per il follow-up con il James Webb Space Telescope o i più grandi telescopi terrestri del futuro“.

E in una delle sue caratteristiche più interessanti, CHEOPS fornirà agli scienziati di tutto il mondo l’accesso al telescopio. Ha affermato che il 20% del tempo di osservazione di CHEOPS all’anno sarà messo a disposizione degli “osservatori ospiti” e che l’uso del telescopio sarà assegnato esclusivamente a fini scientifici attraverso inviti annuali a presentare proposte. Le prime proposte sono già state accettate.

CHEOPS dovrebbe essere portato in orbita entro la fine dell’anno.

Fonte: Space.com

2