Sviluppato motore di propulsione senza propellente

Il dottor Charles Buhler, un ingegnere della NASA e co-fondatore di Exodus Propulsion Technologies, ha rivelato che il motore di propulsione senza propellente della sua azienda, che sembra sfidare le leggi conosciute della fisica, ha prodotto una spinta sufficiente per contrastare la gravità terrestre

2
25516
motore di propulsione senza propellente

Il dottor Charles Buhler, un ingegnere della NASA e co-fondatore di Exodus Propulsion Technologies, ha rivelato che il motore di propulsione senza propellente della sua azienda, che sembra sfidare le leggi conosciute della fisica, ha prodotto una spinta sufficiente per contrastare la gravità terrestre.

motore di propulsione senza propellente

Motore di propulsione senza propellente: l’importanza della scoperta

Veterano di programmi storici come lo Space Shuttle della NASA, la Stazione Spaziale Internazionale (ISS), il telescopio Hubble e l’attuale programma Dust della NASA, Buhler e i suoi colleghi credono che la loro scoperta di una nuova forza fondamentale rappresenti una svolta storica che avrà un impatto sullo Spazio.

motore di propulsione senza propellente

“Il messaggio più importante da trasmettere al pubblico è che è avvenuta una scoperta importante“, ha detto Buhler a The Debrief : “La scoperta del motore di propulsione senza propellente è fondamentale in quanto i campi elettrici da soli possono generare una forza sostenibile su un oggetto e consentire la traslazione del centro di massa di detto oggetto senza espellere massa”.



Esistono regole che includono la conservazione dell’energia, ma se applicate correttamente, si possono generare forze diverse da qualsiasi cosa l’umanità abbia mai fatto prima“, ha aggiunto Buhler: “Sarà questa forza che useremo per spingere gli oggetti per i prossimi 1.000 anni, finché non arriverà la prossima scoperta”.

L’idea del Motore di propulsione senza propellente

Per documentare la scoperta del suo team del motore di propulsione senza propellente e il processo alla base del loro lavoro, che secondo il dottor Buhler non è in alcun modo affiliato alla NASA o al governo degli Stati Uniti, il ricercatore ha presentato le sue scoperte ad una recente conferenza sull’energia di propulsione alternativa (APEC).

Composta da ingegneri in carriera di grande prestigio e di hobbisti di propulsione, l’APEC è un’organizzazione che una volta veniva definita il club antigravità più esclusivo e insolito del mondo.

motore di propulsione senza propellente

In concomitanza con la presentazione, “La scoperta del motore di propulsione senza propellente: la conversione diretta dell’energia elettrica in spinta fisic ”, il Dr. Buhler ha anche incontrato il co-fondatore e moderatore dell’APEC Tim Ventura per spiegare come il suo passato nell’elettrostatica, che è la sua primaria area di competenza, ha finito per essere una componente chiave della sua scoperta di questa nuova forza.

Lei è l’esperto in materia elettrostatica della NASA”, ha chiarito Ventura nella prima parte dell’intervista: “Quindi, se qualcuno potesse conoscere le spiegazioni convenzionali per misurazioni anomale per la spinta misurata, sarebbe lei, giusto?”.

È vero“, ha ammesso Buhler. Un rapido sguardo al suo background ha confermato che è davvero uno dei massimi esperti della NASA in elettrostatica. Oltre a supervisionare la gestione delle scariche elettrostatiche (ESD) e la sicurezza ESD per lo Space Shuttle, l’ISS e Hubble, il Dr. Buhler ha anche fondato il Laboratorio di elettrostatica e fisica delle superfici della NASA presso il Kennedy Space Center.

Motore di propulsione senza propellente: la risposta sta nell’elettrostatica

Il suo team Exodus Propulsion Technologies è altrettanto interessante. Secondo una diapositiva della sua presentazione del motore di propulsione senza propellente all’APEC: “Il Team è composto da un mix di ingegneri e scienziati della NASA, Blue Origin, Air Force, ExxonMobil, nonché uomini d’affari e legali di successo”.

Buhler ha affermato che quando lui e i suoi colleghi hanno iniziato per la prima volta a esaminare le idee sul motore di propulsione senza propellente, oltre due decenni fa, non si aspettavano che l’elettrostatica fosse la risposta. Invece, lui e il suo team hanno esplorato altre strade per ben 25 anni prima di approdare all’elettrostatica come chiave per aprire la porta di questa nuova forza.

La natura ha il suo modo di fare le cose”, ha spiegato Buhler,: “Ed è nostro compito scoprire cosa fa la natura. È capitato che mi cadesse in grembo in quello in cui sono esperto“.

Nel corso della sua presentazione all’APEC, Buhler ha evidenziato la lunga catena di esperimenti del suo team, con un focus più dettagliato sull’ultimo decennio. Questo resoconto approfondito, che ha incluso gran parte della matematica alla base del motore di propulsione senza propellente, non solo mostra come lui e il suo team hanno sviluppato diversi modelli e configurazioni della loro unità di propulsione senza propellente, ma anche le scoperte significative scoperte da molti di questi passaggi.

motore di propulsione senza propellente

Ad esempio, dal 2016 alla fine del 2020, i loro migliori dispositivi hanno prodotto poco più di un centomillesimo di gravità. Nei prossimi anni, questo valore aumenterà in modo esponenziale. Per chiarimenti, Buhler ha dichiarato a The Debrief che la misurazione della spinta in termini di percentuale di gravità riflette la forza generata divisa dall’articolo di prova.

L’obiettivo è avvicinarsi e superare l’unità“, ha spiegato: “Il che significa che il motore di propulsione senza propellente genererebbe una spinta sufficiente per sollevarsi nella gravità terrestre, e questo è definito come 1 gravità di spinta”.

Buhler ha altresì dichiarato che comunemente le forze vengono misurate in milliNewton, ma preferiscono descrivere la spinta in termini di gravità poiché questo è l’obiettivo finale della fisica della propulsione.

Il massimo che abbiamo generato su un sistema impilato è di circa 10 mN“, ha detto Buhler a The Debrief: “La magnitudo non è importante, davvero, dal momento che qualsiasi cosa sopra lo zero funzionerebbe nello Spazio”.

Negli anni e nei mesi precedenti la rivoluzionaria misurazione della spinta, Buhler e il suo team hanno prestato molta attenzione a eliminare metodicamente qualsiasi altra cosa che potesse spiegare la forza piccola ma misurabile che stavano osservando. Questo lavoro dettagliato e scrupoloso ha portato al brevetto esclusivo del team, concesso nel 2020.

Con nuovo slancio, Buhler ha affermato che hanno anche iniziato la costruzione di una camera a vuoto su misura per simulare l’ambiente dello spazio profondo. Se qualcos’altro ha causato la forza misurata, questa camera è stata costruita per identificarlo.

Secondo la presentazione dell’APEC, quella camera è stata completata alla fine del 2020. Tra gennaio e settembre 2021 sono stati testati 146 articoli separati, ciascuno dei quali apparentemente ha confermato la presenza di una spinta misurabile. Il team ha anche testato diverse configurazioni per eliminare i vecchi progetti utilizzando condensatori asimmetrici e utilizzando invece modelli con piastre asimmetriche opposte.

motore di propulsione senza propellente

Dopo decenni di ricerca, Buhler ha affermato che lui e il suo team hanno dimostrato inequivocabilmente che una nuova forza fondamentaleopera nel suo progetto e che i suoi dispositivi attingono a quella forza per produrre un motore di propulsione senza propellente.

Essenzialmente, quello che abbiamo scoperto è che i sistemi che contengono un’asimmetria nella pressione elettrostatica o in qualche tipo di campo elettrostatico divergente possono conferire a un sistema costituito da un centro di massa una componente di forza diversa da zero”, ha spiegato Buhler.

Quindi, ciò che sostanzialmente significa è che esiste una fisica sottostante che può essenzialmente esercitare una forza su un oggetto nel caso in cui questi due vincoli vengano soddisfatti“.

Buhler ha affermato che il suo team sta cercando finanziamenti per testare il motore di propulsione senza propellente nello Spazio per comprendere meglio la forza in gioco.

Speriamo di fare alcune demo“, ha detto Buhler: “Alcune demo spaziali. Questo è ciò per cui stiamo cercando di ottenere dei finanziamenti. Penso che sarebbe un ottimo modo per mettere in mostra la tecnologia”.

Mentre il suo team ritiene che il motore di propulsione senza propellente parli da solo, lo scienziato veterano afferma di credere anche che sia compito della scienza analizzare e comprendere questa scoperta. Se avrà successo, pensa che potrebbe anche affrontare alcune delle domande più difficili della scienza, inclusa la natura dell’energia oscura o persino dello spazio/tempo stesso.

  • NOTA BENE: Reccom Magazine non è riuscito a trovare articoli che spiegassero tecnicamente il funzionamento del motore o i risultati dei tst svolti. Abbiamo però trovato informazioni sul brevetto che sono consultabili alla pagina di Google Patents, qui.
2