Menopausa: nuotare in acqua fredda migliora i sintomi

Le donne in menopausa che nuotano regolarmente in acque fredde riferiscono miglioramenti significativi dei loro sintomi fisici e mentali

0
90
Menopausa: nuotare in acqua fredda migliora i sintomi
Menopausa: nuotare in acqua fredda migliora i sintomi

Le donne in menopausa che nuotano regolarmente in acque fredde riferiscono miglioramenti significativi dei loro sintomi fisici e mentali, secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori dell’UCL.

I dolori fisici della menopausa
I dolori fisici della menopausa

Un miglioramento significativo nella menopausa

La ricerca ha intervistato 1.114 donne, 785 delle quali erano in menopausa, per esaminare gli effetti del nuoto in acque fredde sulla loro salute e sul loro benessere.

I risultati hanno mostrato che le donne in menopausa hanno sperimentato un miglioramento significativo dell’ansia (come riportato dal 46,9% delle donne), degli sbalzi d’umore (34,5%), dell’umore basso (31,1%) e delle vampate di calore (30,3%) come risultato del nuoto in acque fredde.

La maggioranza delle donne (63,3%) nuotava appositamente per alleviare i sintomi.

Alcune delle donne citate nello studio hanno affermato di aver trovato l’acqua fredda “un immediato sollievo dallo stress/ansia” e hanno descritto l’attività come una “guarigione”.

Una donna di 57 anni ha dichiarato: “L’acqua fredda è fenomenale. Mi ha salvato la vita. Nell’acqua posso fare qualsiasi cosa. Tutti i sintomi (fisici e mentali) scompaiono e mi sento al meglio”.



L’autrice senior, la professoressa Joyce Harper (UCL EGA Institute for Women’s Health), ha spiegato: “È stato precedentemente scoperto che l’acqua fredda migliora l’umore e riduce lo stress nei nuotatori all’aperto, e i bagni di ghiaccio sono stati a lungo utilizzati per aiutare la riparazione e il recupero muscolare degli atleti”.

“Il nostro studio supporta queste affermazioni, nel frattempo le prove aneddotiche evidenziano anche come l’attività possa essere utilizzata dalle donne per alleviare i sintomi fisici, come vampate di calore e dolori”.

“Sono ancora necessarie ulteriori ricerche sulla frequenza, la durata, la temperatura e l’esposizione necessarie per ottenere una riduzione dei sintomi. Tuttavia, speriamo che i nostri risultati possano fornire una soluzione alternativa per le donne alle prese con la menopausa e incoraggiare più donne a praticare sport”.

Menopausa

Altri benefici oltre ai sintomi della menopausa

La maggior parte delle donne coinvolte nello studio probabilmente nuotava sia in estate che in inverno e indossava costumi da bagno, piuttosto che mute.

Oltre ad aiutare i sintomi della menopausa, le donne hanno affermato che le loro principali motivazioni per nuotare in acque fredde erano stare all’aperto, migliorare la salute mentale e fare esercizio.

Il professor Harper ha dichiarato: “La maggior parte delle donne nuota per alleviare sintomi come ansia, sbalzi d’umore e vampate di calore. Sentivano che i loro sintomi venivano aiutati dagli effetti fisici e mentali dell’acqua fredda, che erano più pronunciati quando faceva più freddo”.

“Anche la frequenza con cui nuotavano, per quanto tempo e cosa indossavano erano importanti. Quelle che nuotavano più a lungo avevano effetti più pronunciati. Il bello del nuoto in acque fredde è che permette alle persone di esercitarsi nella natura, e spesso con gli amici, il che può costruire una grande comunità”.

Sintomi mestruali e menopausa
Sintomi mestruali e menopausa

I ricercatori volevano anche indagare se il nuoto in acque fredde migliorasse i sintomi mestruali delle donne.

Delle 711 donne che hanno manifestato sintomi mestruali, quasi la metà ha affermato che il nuoto in acqua fredda ha migliorato la loro ansia (46,7%) e più di un terzo ha affermato che ha aiutato gli sbalzi d’umore (37,7%) e l’irritabilità (37,6%). I risultati della ricerca sono stati pubblicati su Post Reproductive Health.

I ricercatori hanno voluto sottolineare che, nonostante i benefici del nuoto in acque fredde, questo sport comporta alcuni rischi.

Il professor Harper ha sottolineato: “Bisogna prestare attenzione quando si nuota in acque fredde, poiché i partecipanti potrebbero correre il rischio di ipotermia, shock da acqua fredda, disturbi del ritmo cardiaco o addirittura annegamento”.

“A seconda di dove nuotano, anche gli standard di qualità dell’acqua possono variare. L’inquinamento delle acque reflue è una preoccupazione sempre più comune nei fiumi e nei mari, e, purtroppo, questo può aumentare la probabilità di gastroenterite e altre infezioni”, ha concluso.

2