12 C
Rome
sabato, Dicembre 3, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaMarte un tempo potrebbe essere stato un pianeta brulicante di vita

Marte un tempo potrebbe essere stato un pianeta brulicante di vita

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Forse ci fu un tempo in cui Marte fu un pianeta brulicante di vita. All’inizio della sua storia, il pianeta rosso avrebbe potuto ospitare, infatti, i metanogeni. Per chi non sapesse di cosa stiamo parlando, si tratterebbe di batteri capaci di sopravvivere in zone estreme sulla Terra.

Queste le ipotesi di un nuovo studio condotto da scienziati dell’Università dell’Arizona. Oggi Marte è secco ed estremamente freddo, con un’atmosfera tenue. È quindi estremamente improbabile sostenere qualsiasi forma di vita in superficie. Tuttavia, secondo lo studio, 4 miliardi di anni fa, il vicino rosso più piccolo della Terra potrebbe essere stato molto più ospitale. Lo studio è stato pubblicato il 10 ottobre scorso sulla rivista Nature Astronomy.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Marte, un tempo avrebbe avuto un’atmosfera più densa

La maggior parte degli esperti di Marte concorda sul fatto che il pianeta iniziò con un’atmosfera molto più densa di quella attuale. Ricco di anidride carbonica e idrogeno, avrebbe probabilmente creato un clima temperato che consentisse all’acqua di fluire e, forse, alla vita microbica di prosperare, secondo Regis Ferrière, professore presso il Dipartimento di Ecologia e Biologia Evolutiva dell’Università dell’Arizona e uno dei due autori senior sulla carta.

Gli autori non affermano che la vita esistesse sul primo Marte, ma se così fosse, ha detto Ferrière, “il nostro studio mostra che il sottosuolo del primo Marte molto probabilmente sarebbe stato abitabile per i batteri metanogeni“.

Dove vivono i metanogeni?

È noto che tali metanogeni, che vivono convertendo l’energia chimica dal loro ambiente e rilasciando metano come prodotto di scarto, esistono in habitat estremi sulla Terra. Ad esempio, si trovano vicino a prese d’aria idrotermali lungo le fessure sul fondo dell’oceano. Lì, supportano interi ecosistemi adattati alla schiacciante pressione dell’acqua, all’oscurità totale e alle temperature prossime allo zero.

Utilizzando modelli all’avanguardia della crosta, dell’atmosfera e del clima di Marte, insieme a un modello ecologico di una comunità di microbi simili alla Terra che metabolizzano anidride carbonica e idrogeno, il team di ricercatori ha testato uno scenario ipotetico di un ecosistema marziano emergente.

Il possibile contributo da parte dell’idrogeno

Sulla Terra, la maggior parte dell’idrogeno è legato nell’acqua e non si incontra frequentemente da solo, se non in ambienti isolati come le bocche idrotermali. Tuttavia, la sua abbondanza nell’atmosfera marziana avrebbe potuto fornire un’ampia scorta di energia per i microbi metanogeni circa 4 miliardi di anni fa, in un momento in cui le condizioni sarebbero state più favorevoli alla vita, suggeriscono gli autori.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il primo Marte sarebbe stato molto diverso da quello che è oggi, ha detto Regis Ferrière, tendendo al caldo e all’umidità piuttosto che al freddo e all’asciutto, grazie alle grandi concentrazioni di idrogeno e anidride carbonica, entrambi forti gas serra che intrappolano il calore nell’atmosfera.

Ferrière: “Marte un tempo un po’ più freddo della Terra”

Regis Ferrière ha spiegato tramite alcune dichiarazioni riportate da Scitechdaily.com: “Pensiamo che Marte potrebbe essere stato un po’ più freddo della Terra in quel momento, ma non così freddo come lo è ora, con temperature medie che si aggiravano molto probabilmente sopra il punto di congelamento dell’acqua“.

All’inizio della sua storia il pianeta rosso sarebbe potuto apparire, a detta del ricercatore, come un pianeta roccioso, con una crosta porosa. L’acqua allo stato liquido, inoltre, avrebbe formato fiumi, laghi e, probabilmente, anche mari e oceani. Quell’acqua sarebbe stata estremamente salata, ha aggiunto, secondo misurazioni spettroscopiche di rocce esposte sulla superficie marziana.

L’esperimento sulle forme di vita

Per simulare le condizioni che le prime forme di vita avrebbero incontrato su Marte, gli scienziati hanno applicato modelli che prevedono le temperature in superficie e nella crosta per una data composizione atmosferica. Hanno quindi combinato questi dati con un modello di ecosistema che hanno sviluppato per prevedere se le popolazioni biologiche fossero state in grado di sopravvivere nel loro ambiente locale e come lo avrebbero influenzato nel tempo.

Boris Sauterey, attualmente borsista post-dottorato presso la Sorbona, ha spiegato che il modello sia stato messo in funzione nella crosta marziana, ovviamente in senso figurato. Sauterey ha detto che il risultato è stato incoraggiante: “In generale, sì, questi batteri avrebbero potuto guadagnarsi da vivere nella crosta del pianeta“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Articoli più letti