L’esperto: cautela sul vaccino di Pfizer. Ecco perché

Il vaccino, sviluppato dalla Pfizer e dalla BioNTech, risulta efficace nel prevenire il 90% delle infezioni. Sembra una buona notizia, ma un esperto ha sottolineato che ci sono ancora domande cui Pfizer e il suo partner tedesco BioNTech devono dare risposta

0
2168
Indice

E’ stato appena sviluppato un vaccino anti-Covid i cui test preliminari dimostrano un’efficacia  efficace al 90% e in una comunicazione l’azienda che lo ha sviluppato ha comunicato che si appresta a chiederne l’autorizzazione alla produzione.
Il vaccino, sviluppato dalla Pfizer e dalla BioNTech, risulta efficace nel prevenire il 90% delle infezioni durante la fase 3 della sperimentazione, che è tuttora in corso. A dare l’annuncio il presidente della Pfizer, Albert Bourla. La tedesca Biontech ha confermato l’annuncio della Pfizer, scrivendo in una pubblicazione di voler chiedere l’autorizzazione per la produzione, insieme alla stessa Pfizer, la settimana prossima all’ente FDA americano. La sperimentazione ha coinvolto 43.538 persone.
L’azienda farmaceutica statunitense, un colosso da 220 miliardi di dollari, ha reso noto che un trial su due dosi del suo vaccino è risultato avere un’efficacia di più del 90% nella prevenzione del COVID-19, sulla base di 94 casi della malattia osservati nello studio su larga scala.
Sembra una buona notizia, ma un esperto ha sottolineato che ci sono ancora domande senza risposta da parte della Pfizer e il suo partner tedesco BioNTech.
William Haseltine, esperto di malattie infettive, ha dichiarato a Business Insider di voler vedere i dati che supportano l’affermazione di efficacia del vaccino anti – Covid. Haseltine aveva già espresso delle critiche contro altre aziende impegnate nella corsa per un vaccino contro il coronavirus, vale a dire Moderna, per aver reclamizzato i risultati degli studi nei comunicati stampa prima di aver rilasciato dati dettagliati. Con la dichiarazione della Pfizer lunedì, tuttavia, Haseltine ha nuovamente lamentato la mancanza di dati dettagliati.
L’analisi si è basata su 94 casi di COVID-19 tra i partecipanti allo studio, ma la Pfizer non ha condiviso una ripartizione esatta di quanti si sono ammalati per aver ricevuto il vaccino rispetto al placebo. I dati rilasciati inoltre non specificavano quanti dei casi fossero gravi o lievi o se diversi gruppi di età avessero livelli di protezione variabili.
L’azienda statunitense Pfizer, oltre ad aver dichiarato che non sono stati riscontrati problemi sulla sicurezza del vaccino, non ha fornito ulteriori dettagli sul profilo della sicurezza, come la frequenza e la gravità degli effetti collaterali tipici. Il CEO Albert Bourla ha dichiarato che la società condividerà ulteriori dati sull’efficacia e sulla sicurezza “nelle prossime settimane”.
“Questa è scienza per dichiarazione pubblica”, ha detto Haseltine.
Haseltine è un ex professore di medicina di Harvard che ha fondato nella scuola due centri di ricerca incentrati su HIV / AIDS e cancro. L’esperto di virologia e malattie infettive è ora presidente di Access Health International, un think tank sanitario senza scopo di lucro. Ha fondato e guidato diverse società biotecnologiche, tra cui Human Genome Sciences, che alla fine è stata acquistata da GlaxoSmithKline per 3 miliardi di dollari.
Durante la pandemia, ha sostenuto gli Stati Uniti ad abbracciare una strategia di test espansiva, in precedenza dicendo che la risposta del paese era eccessivamente dipendente da un vaccino.
“È una notizia molto gradita che il vaccino abbia un effetto misurabile”, ha dichiarato Haseltine, aggiungendo che c’è ancora molto da imparare su quanto fatto dalla Pfizer.
“Ci sono molte, molte domande in sospeso che rimangono senza risposta”, ha aggiunto.
Ad esempio, non sappiamo se il vaccino di Pfizer prevenga l’infezione, o aumenti il numero di portatori asintomatici.
La maggior parte delle domande ha a che fare con i limiti dello studio. Lo studio è stato progettato per vedere se ci fossero meno casi di COVID-19 sintomatico, la malattia causata dal coronavirus, nelle persone che ricevevano il vaccino piuttosto che il placebo.
Fa emergere una distinzione cruciale che potrebbe avere una grande influenza sulla risposta alla pandemia: questo vaccino previene sia l’infezione che la malattia?
Le ricerche sul vaccino della Pfizer e gli studi in corso di altre importanti aziende farmaceutiche contro il coronavirus non testano regolarmente i volontari per valutare le infezioni asintomatiche. Ciò potrebbe significare che le persone vaccinate potrebbero ancora diventare portatori asintomatici e diffondere inconsapevolmente il virus.
“Questo è un punto importante che non credo che la maggior parte delle persone apprezzi“, ha detto Haseltine. “Non significa la fine dell’epidemia “.
Haseltine ha inoltre sollevato la questione se il vaccino riduca i casi di malattie gravi e, in ultima analisi, influisca sul numero di ricoveri e decessi. Ancora una volta, i risultati dello studio sono limitati dal suo obiettivo principale, che non distingue tra un paziente COVID-19 lievemente malato e un paziente gravemente malato. Infine, il comunicato stampa della Pfizer non ha menzionato se il vaccino è apparso altrettanto efficace in diversi sottogruppi, come gli anziani, che sono più suscettibili ai peggiori esiti del virus.
Fonte: https://www.sciencealert.com/infectious-disease-expert-urges-for-caution-over-pfizer-s-vaccine-here-s-why

2