L’economia circolare salverà il mondo?

Oggi il nostro sistema economico consiste nell'estrazione di una risorsa, processare tale risorsa per fabbricare dei prodotti finiti, che spesso vengono utilizzati per un periodo piuttosto breve, per poi essere gettati con uno scarso, se non nullo riutilizzo.

0
1268
Indice

Secondo tanti esperti ci apprestiamo a diventare una civiltà spaziale e se vogliamo che la nostra civiltà sia veramente duratura e equa dobbiamo applicare un nuovo concetto all’economia. Il concetto applicato alla base di questa nuova economia chiamata “economia circolare” è noto da oltre 50 anni.

Nella sua forma ideale, l’economia circolare, secondo la definizione della Ellen MacArthur Foundation, «è un termine generico per definire un’economia pensata per potersi rigenerare da sola. In un’economia circolare i flussi di materiali sono di due tipi: quelli biologici, in grado di essere reintegrati nella biosfera, e quelli tecnici, destinati ad essere rivalorizzati senza entrare nella biosfera».

Oggi il nostro sistema economico consiste nell’estrazione di una risorsa, processare tale risorsa per fabbricare dei prodotti finiti, che spesso vengono utilizzati per un periodo piuttosto breve, per poi essere gettati con uno scarso, se non nullo riutilizzo.

Da decenni, generiamo una grande quantità di rifiuti che non riutilizziamo se non in minima parte, rifiuti che occupano spazio, inquinano e sono dannosi per l’ambiente e per la nostra salute. Da questo punto di vista sembra quanto mai opportuno avviare al più presto un tipo di economia circolare.

Ed Morgan, un ricercatore della Griffith University in Australia, che lavora su clima, risorse naturali e pianificazione del governo risponde ad alcune domande: come mai buttiamo cosi tanta spazzatura? Perché molti dei prodotti che compriamo sono imballati in carta vergine?



Morgan ha affermato: “Penso che sia possibile, ma difficile, immaginare una società sostenibile perché significa uno spostamento dello stile di vita e dei sistemi economici, in cui siamo attualmente così bloccati che non possiamo immaginare alternative“.

Il sistema economico che regge la nostra civiltà non è certamente sostenibile ancora a lungo e non basta gettare i rifiuti negli appositi cestini o fare la raccolta differenziata.

Non dobbiamo guardare lontano per trovare esempi chiari che dimostrino come la nostra attuale disposizione di gestione delle risorse in modo lineare sia inadeguata, che milioni di tonnellate dei prodotti del nostro riciclaggio venivano semplicemente spediti in Cina. Siamo di nuovo punto e a capo: cosa dobbiamo fare con tutti questi rifiuti che continuiamo ad ammassare semplicemente spostandoli e contribuendo cosi a inquinare ulteriormente?

Cambiare il nostro sistema lineare è una sfida immensa, ma qualcuno ci sta già provando.

Ed Morgan ha spiegato al sito ScienceAlert: “Ci sono molti modi per renderci più sostenibili, molti dei quali non abbiamo sfruttato. Significa uno spostamento dello stile di vita per molti. Ma, e penso che questa sia la chiave, non significa necessariamente un” arretramento “cambiamento“.

Torna a ciò che è realmente importante per noi. Ricordo una persona che ho sentito parlare dire quando si tratta di esso, quello che vogliono è il tempo con i loro figli e un bicchiere di vino. Dovremmo essere in grado di farlo in modo sostenibile“.

Si possono fare diversi esempi, i contenitori di vetro si trovano regolarmente in vendita e il vetro è uno dei materiali più semplici da riciclare, lo si può fondere molto facilmente e ricavare altri oggetti. Peccato che in molti posti questo non si faccia, sembra essere più economico importare nuovi oggetti invece che riciclarli.

Esiste un posto in Canada chiamato The Beer Store che raccoglie e riutilizza le sue bottiglie di birra dal 1927. L’azienda ha uno dei più alti tassi di recupero in Nord America: il 99% delle sue bottiglie viene restituito e riutilizzato almeno 15 volte prima che si danneggi per essere poi riciclato nuovamente e nascere a nuova vita in un’altro oggetto di vetro. Riciclare costa meno energia e meno risorse rispetto alla fabbricazione di un oggetto nuovo. In questo modo è la società stessa che gestisce i suoi rifiuti valorizzandoli.

Si potrebbe ragionare come Steffen Lehmann, architetto ambientale dell’Università del Nevada, a Las Vegas, sta immaginando microclimi ed edifici sostenibili. Urban Nexus, un progetto su cui Lehmann sta lavorando, sta cercando di raggiungere un obiettivo entusiasmante: utilizzare lo spreco di un sistema per alimentare un altro.

La nostra acqua, energia, cibo e rifiuti sono generalmente visti come settori separati, ma Lehmann spiega che non è così. In un mondo ideale gli sprechi di un settore sarebbero confluiti nel successivo per essere utilizzati come risorsa.

È molto importante comprendere l’interconnessione e il nesso dei vari settori attualmente separati“, spiega.

Le città hanno una governance basata sulla separazione di questi settori – ad esempio, le persone che gestiscono le risorse idriche non parlano con le persone che gestiscono i rifiuti nell’amministrazione. Un primo passo è avvicinare questi settori diversi ma interconnessi“.

In un articolo pubblicato sulla rivista City, Culture and Society nel 2017, Lehmann dimostra come le acque reflue che inquinavano le insenature vicine in una piccola città nelle Filippine sono state dirottate con successo in un sistema che produce biogas e fertilizzanti. Questo approccio non solo ha bonificato l’ecosistema locale, ma ha anche fornito alla città un prodotto utile da utilizzare in altre attività economiche.

È impossibile ottenere zero sprechi o zero emissioni, perché ci sono leggi di fisica e chimica che dobbiamo seguire“, spiega Anthony Halog, un ricercatore di ecologia e bioeconomia all’Università del Queensland.

Ma perché ci prendiamo la briga di farlo? Penso che sia meglio fare qualcosa. Andare in quella direzione – verso zero sprechi e zero emissioni“.

Occorre un grande sforzo affinché quello che produciamo duri più a lungo, sia riparabile e riciclabile quando non può essere più utilizzato, in futuro i nostri sistemi industriali e le nostre città saranno diverse e utilizzeranno i propri rifiuti in modo reciproco. Afferma Halog: “Se parliamo di città, parliamo di prodotti, parliamo di paesi, dobbiamo davvero guardare in modo sistemico. Perché altrimenti è solo un approccio di Band-Aid“.

L’economia circolare ci potrebbe aiutare a uscire dal circolo vizioso costruendo una nuova economia su larga scala per difendere e preservare il nostro pianeta, il suo ecosistema e le risorse il più a lungo possibile. La Terra è come una nave generazionale e le sue risorse sono limitate, se la inondiamo di rifiuti presto o tardi ci presenterà il conto.

Fonte: Science Alert

2